La "pornizzazione" della coscienza umana

Il porno è la nuova metafora. Ma non finisce qui. È anche la nuova esperienza universalmente condivisa. La nazione è stata "pornizzata". È dappertutto. È aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7. E le probabilità sono buone, a giudicare dalla ricerca sulle abitudini di internet, che prima o dopo aver letto questo post, un'alta percentuale di voi visiterà un sito porno. Forse l'hai appena fatto. Il punto è che, se lo hai fatto, non sei affatto solo.

Non voglio giudicare la moralità della visione del porno qui. L'ultima volta che ho discusso anche la definizione di pornografia, sono entrato in un incontro urlante con mio suocero (che mi piace molto). In realtà sono interessato a friggere un pesce leggermente più elaborato. Perché proprio come giocare ai videogiochi, o sintonizzarsi su ore di TV non-stop, o mandare messaggi o commentare su Facebook, il porno è un'esperienza, e quell'esperienza sembrerebbe – data la sua ripetitività – avere un effetto cumulativo sulla coscienza umana, la nostra emotività e vita psicologica.

Non ho visto un cosiddetto "porno" dai tempi del college, quindi non sono esperto. Ma in cima alla mia testa, queste sembrano essere alcune delle caratteristiche del porno:

una mancanza di vera intimità;
un'assenza di vera relazione;
un implacabile assalto di immagini ad alta intensità;
una certa formulaicità;
una meccanicità;
anonimato;
compulsività (alcuni sostengono di essere dipendenti dal sesso);
la visualità in contrapposizione alla storia narrativa;
sia gli uomini che le donne riduttivamente stereotipati;
violenza intermittente e degradazione;

La lista continua. Senza dubbio potresti pensare a caratteristiche che ho omesso. La domanda è: queste caratteristiche pornografiche duplicano, a qualsiasi livello, le tendenze nella strutturazione della coscienza umana e della vita psicologica? Penso che lo facciano.

Un mio collega, Louis Sass, ha scritto un capolavoro di un libro intitolato Madness and Modernism, in cui ha confrontato elementi dell'arte moderna e postmoderna con l'esperienza della schizofrenia. Il suo scopo non era tanto di argomentare a nome di un nesso causale, ma più di "cercare la forma di comprensione che consiste nel vedere connessioni". Allo stesso modo, si potrebbero confrontare elementi del porno con gli aspetti della psiche postmoderna. E ragazzo, c'è molto da confrontare. Siamo, o non lo siamo, diventando più anonimi, più compulsivi? È una preferenza per la storia e la narrativa perdere la sua forza rispetto ai bisogni affamati di immagini visive? Le relazioni intime sono più rare, sostituite da interazioni meccaniche e formali come quelle che si trovano su, ad esempio, su Facebook? Le persone non parlano più o si connettono faccia a faccia; scriviamo messaggi o messaggi istantanei o pubblichiamo o condividiamo file o "social network".

Il prosciugarsi delle emozioni è ovunque.

E anche se le donne che si oggettivizzano non è una novità, la predilezione per farlo sembra essersi intensificata; almeno sembra molto più flagrante. Chiunque guardi "Rock of Love" o "Flavor of Love" di VH1? Inoltre, il confine tra il modo in cui Britney Spears viene "commercializzato" e il modo in cui una star del porno si presenta sembra quasi irrilevante a occhio nudo. Le pop star femminili in generale, infatti, sono anche diventate sempre più "pornizzate". Questo sembra indiscutibile. Guarda alcuni dei video.

Suppongo, alla fine, di essere un po 'moralista, nella misura in cui il porno può effettivamente impiantare la sua estetica a livello globale, e in qualsiasi misura l'estetica è monodimensionale, base e priva di ambiguità. Qual'è il prossimo? Probabilmente qualcosa come "Battle of the Adult Network Stars". Sembra inevitabile, vero?

Solutions Collecting From Web of "La "pornizzazione" della coscienza umana"