La politica del suicidio e della depressione

Ci sono sempre opinioni divergenti sugli eventi, in base ai punti di vista e agli interessi di coloro che mettono in relazione gli eventi. Nel caso del suicidio di Mary Kennedy, queste differenze salirono al livello di una disputa pubblica, un dibattito sulla causa della sua morte e un trattato sulla natura della depressione. La verità può essere conosciuta?

Quando qualcuno si suicida, la gente si domanda se quelli più vicini alla persona abbiano in qualche modo fallito quella persona. O il suicidio è completamente sulla persona morta? Ci sono gruppi di sopravvissuti il ​​cui mantra è: "Non è colpa tua". D'altra parte, uno sposo ben intenzionato può dire a se stesso: "Ovviamente, non ero abbastanza per impedire alla persona di voler uccidere se stesso." ( La moglie di un mio stretto parente che si è suicidato mi ha detto che, anche dopo aver partecipato a molte riunioni del gruppo di sopravvissuti.)

Non pretendo di sapere la risposta, se ce n'è una. Il reverendo George Thompson si è così espresso ai funerali di Mary Kennedy dopo il suo suicidio: "La morte è un mistero e non potremo mai comprenderlo appieno. Ciò è particolarmente vero quando le persone muoiono improvvisamente come fece Maria. Gridiamo perché e non ci sono parole che spiegano, non ci sono parole che soddisfano. "Il buon Reverendo evitò specificamente di discutere il mistero del suicidio, il che è comprensibile.

Se sei un personaggio pubblico, combatti per catturare le onde radio per attribuire la colpa altrove. E questo era certamente vero ai funerali di Mary Kennedy, presieduto da Robert F. Kennedy, Jr., il marito dal quale Mary era stata separata. Secondo il New York Times , Mary "è stata ricordata come una donna che, negli ultimi cinque anni in particolare, ha lottato con la depressione e l'abuso di sostanze fino alla fine, quando non poteva più lottare".

Questa narrativa si basava sull'idea della malattia della depressione come forza indipendente che spingeva Mary a uccidersi – nessuno poteva aiutarlo. (Questa idea, ovviamente, contesta la nostra convinzione che ora abbiamo cure affidabili per la depressione.) RFK Jr. ha detto: "Mary ha sofferto di demoni. Non c'è nessuno che annoiasse quello che annoiava. Era in agonia per cinque anni. "Kerry Kennedy, la sorella di RFK Jr. e l'amica più intima di Mary, approvò la visione di suo fratello, descrivendo" la lotta della sua amica per tutta la vita con la depressione ".

C'era stata una guerra per chi avrebbe controllato il funerale. Dal momento che RFK Jr. e Mary avevano depositato i documenti di divorzio nel 2010, la famiglia di Mary sosteneva che avrebbero dovuto gestire il suo funerale. Ma la coppia non era divorziata, e questo è il Kennedy, e hanno vinto. Al funerale ufficiale, un elenco di celebrità e apparizioni di Kennedy (tra cui Caroline Kennedy, John McEnroe, Glenn Close, Chevy Chase, Maria Shriver, Larry David). E il racconto al funerale si riflette nel titolo del Times , "Robert F. Kennedy Jr. dice che la moglie ha lottato con la depressione." Il Times ha anche riferito di "un servizio commemorativo privato organizzato dagli amici della signora Kennedy e dalla famiglia Richardson" che ha avuto luogo dopo il funerale. Quel servizio "in guerra", secondo le persone che frequentavano, era "assolutamente positivo, senza riferimenti alle lotte personali della signora Kennedy".

Quindi, c'era una spiegazione completamente divergente dalla visione "ufficiale" della morte di Mary Kennedy. Come descritto in Persone :

Molti amici e amici di Mary si sono offesi per i commenti dei Kennedy. "Mary non ha avuto una storia di depressione", dice un caro amico. "È diventata una persona tormentata a causa del divorzio".

La separazione da RFK Jr., dice l'amica, "l'ha mandata giù nel buco". La battaglia in corso e in aumento sulla custodia dei loro quattro figli – Conor, 17, Kyra, 16, Fin, 14 e Aidan, 10 – è stata anche estremamente difficile per Maria.

"C'è stata una grande pressione su di lei per accettare in modo accettabile una situazione in cui non sarebbe stata in grado di vederli per un certo periodo di tempo", dice l'intimo amico. "Non poteva prenderlo."

Mentre la spaccatura si approfondisce, un amico che conosceva sia Mary che RFK Jr., dice della sua morte: "Alcol, depressione e impiccagione possono essere i meccanismi di ciò, ma il suo cuore ha rallentato battendo e ha cominciato a intorpidire. Alla fine, penso che sia morta di crepacuore. "

Sebbene RFK Jr. non abbia un incarico di ufficio (ne ha parlato), è comunque una figura pubblica altamente visibile attraverso il suo lavoro ambientale e le sue apparizioni sui media.

Ed è un Kennedy, che proietta un'immagine che ha bisogno di proteggere. La sua versione della realtà prevarrà, possiamo supporre. Dopotutto, il suo funerale ha avuto la famiglia Kennedy e le celebrità A-list.

Segui Stanton su Twitter

Solutions Collecting From Web of "La politica del suicidio e della depressione"