La politica del contatto visivo: una prospettiva di genere

Un occhio può minacciare come una pistola carica; o può insultare come un sibilo e un calcio; o nel suo stato d'animo alterato, da raggi di gentilezza, fanno danzare il cuore con gioia.
Ralph Waldo Emerson

Ralph Waldo Emerson ha scritto: "Gli occhi degli uomini conversano tanto quanto le loro lingue". Sappiamo tutti che questo è vero. Un dottore con un eccellente modo di fare il letto una volta mi ha detto che quando entra in una stanza di trattamento, guarda immediatamente il suo paziente negli occhi. "Questo mi aiuta a capire il livello di stress del mio paziente", ha spiegato.

Dalla nascita alla morte e tutte le occasioni in mezzo, gli occhi ce l'hanno. Mentre le donne e gli uomini differiscono nei loro comportamenti oculari e cosa significa questo comportamento, il contatto visivo è la forma più forte di comunicazione non verbale. Uno studio condotto da Stephen Janik e Rodney Wellens presso l'Università di Miami, in Florida, ha rilevato che il 43,4% dell'attenzione che focalizziamo su qualcuno è dedicato ai loro occhi, con la bocca che ha un secondo scarso al 12,6%. (La bocca e gli occhi insieme rappresentano il 56 percento della nostra attenzione).

Assistiamo agli occhi degli altri perché questi organi sono altamente espressivi delle emozioni. Perché dovremmo guardare negli occhi di altri se non per valutare ciò che quella persona prova? Pensa ai sentimenti trasmessi quando gli occhi di una persona amata sono appannati e piatti, quando brillano di gioia, quando sono addolciti dalla passione, quando sono pieni di paura o sorpresa, o quando sono pieni di lacrime. Che ne dici delle immagini o delle canzoni che accompagnano le seguenti descrizioni: occhi sfuggenti, occhi ridenti, occhi selvaggi, occhi bugiardi e occhi di Bette Davis.

Le donne hanno sempre percepito il potere seducente degli occhi. Fanno di più per migliorare i loro occhi rispetto agli uomini. Cleopatra era ben nota per l'ornamento degli occhi: usava il trucco kohl per delineare e accentuare i suoi occhi. In India, le donne mettono gioielli intorno agli occhi per attirare l'attenzione su di loro. Nella nostra cultura, abbiamo i nostri metodi: pensare a correttore, ciglia finte, ombretti, eyeliner e mascara.

È anche vero che le persone fanno più contatto visivo con le donne che con gli uomini. Ci sono due possibili spiegazioni per questo fenomeno:
• Le donne sono considerate più belle e hanno maggiori probabilità di rispondere in modo non verbale. Sorridono di più e sono più ricettivi, coinvolgenti ed espressivi.
• Le donne sono considerate deboli. Non possono impedire la violazione della loro privacy da parte degli occhi indiscreti degli altri.

Il contatto visivo continuo per dieci secondi o lo staring più lungo è sconcertante e può far sentire il ricevitore a disagio. Il destinatario comincerà inevitabilmente a chiedersi: "Ho degli spinaci nei miei denti?" "Devo pulirmi il naso?" "Quel ragazzo mi sta sfidando?" D'altra parte, l'evitamento del contatto visivo invia anche messaggi significativi. Distogliere lo sguardo contribuisce a un senso di distanza psicologica e può anche essere una funzione di rabbia. "Sono così arrabbiata con te, non posso nemmeno guardarti!" "Vorrei non averti mai visto su di te." "Esci dalla mia faccia." E l'espressione "Parla con la mano" ha il sottotesto non detto "perché non voglio guardarti".

Avevamo un serio malfunzionamento con la nostra Volvo, quindi mio marito e io lo portammo dal meccanico, Dave. Anche se questa era la mia macchina, e avevo vissuto i problemi di prima mano, Dave non ha mai avuto un contatto visivo con me. In effetti, si comportava come se non fossi nemmeno presente. Durante l'intera conversazione, ha solo stabilito un contatto visivo con Adam. Sentendo di essere stato ignorato, mi sono avvicinato fisicamente al cerchio, quasi costringendo Dave a guardarmi. Mi guardò per un attimo, ma poi tornò indietro ad Adam e proseguì. Non è stato fino a quando ho fatto un comando verbale, "Beh, dal momento che io sono il conducente della macchina, posso parlare con i problemi con esso quando si è rotto," che in realtà ha diretto il suo sguardo su di me.

La morale: Dedichiamo maggiore attenzione e rendiamo il contatto visivo maggiore con le persone che consideriamo i nostri superiori e meno con coloro che riteniamo inferiori a noi. Tutti noi giochiamo inconsciamente a questi giochi di potere con i nostri occhi, anche usando il contatto visivo per manipolare una situazione sociale al fine di ottenere ciò che vogliamo.

Il contatto visivo è anche indicativo di dove ci si sente in una gerarchia sociale. Le persone che hanno meno potere o che dipendono sono relativamente più attente di quelle con alta potenza. Il corollario è anche vero. Gli studi hanno scoperto che le persone danno maggiore attenzione visiva a coloro che occupano posizioni di alto rango rispetto a quelli che non lo sono. Nella ricerca con candidati e funzionari ROTC, ad esempio, gli investigatori hanno scoperto che le persone che sono più dominanti rompono un numero maggiore di sguardi reciproci rispetto a quelli che sono più sottomessi o nella posizione di potere. Gli individui nella posizione superiore possono sembrare meno perché non hanno bisogno di leggere il feedback dei loro subordinati. Può anche essere vero che a loro non importa cosa pensano i loro inferiori o come rispondono al loro messaggio.

Sappiamo che questo è intuitivamente vero, come evidenziato da atteggiamenti ed espressioni come: "Sono al posto di guida" e "Sono al comando qui", il che implica: "Perché mi interessa cosa pensi o come tu sentire? Non hai alcun controllo su di me. "O," Non mi ha dato l'ora del giorno. "

Sappiamo anche dalla ricerca che gli individui di alto rango si sentono liberi di guardare più gli altri, di guardare meno mentre ascoltano e di comandare uno spazio visivo più ampio. (Possono guardare fuori, nel corridoio, a tutti nella stanza – hanno una gamma più ampia.) Le persone con meno potere e status fanno il contrario: distolgono lo sguardo quando lo fissano, guardano di più quando stanno ascoltando, e assumere meno spazio visivo. Possiamo vedere questi comportamenti esibiti tra uomini e donne, l'esecutivo e il segretario, e anche tra i vari gruppi razziali.

Nei trent'anni in cui sono stato formatore e consulente in America aziendale, la mancanza di contatto visivo è la prima indicazione non verbale che le donne menzionano quando mi dicono che non vengono "prese sul serio dal sesso opposto" – questo è uno dei le principali lamentele delle donne riguardano gli uomini. Janice, un vice presidente aziendale, ad esempio, potrebbe percepire che quando si trova in un'interazione faccia a faccia con il suo omologo Ed, e lui non la guarda, è perché non gli importa del suo messaggio. Questo è comprensibile.

Può essere, naturalmente, che Ed non vada in contatto con gli occhi perché vuole evitare qualsiasi suggerimento dello sguardo aggressivo e che Janice interpreta la sua mancanza di contatto visivo come diminuendo la sua credibilità. D'altra parte, può anche essere vero che Ed usa la mancanza di contatto visivo per manipolare la situazione e affermare il dominio. Come ha sottolineato la linguista Deborah Tannen, una persona che trattiene le informazioni stabilisce una posizione più potente. Se Janice vuole accedere a tali informazioni, deve fare tutto il possibile per analizzare i segnali non verbali di Ed. Ciò significa che potrebbe doverlo guardare di più per discernere quali sono le sue intenzioni.

PRESCRIZIONI DI GENERE

Quando cerchiamo di interpretare le differenze tra i sessi nel contatto visivo e nell'osservare il comportamento sembrano esserci temi in competizione di affiliazione / accessibilità da un lato e dominanza / potere dall'altro. Sembra chiaro che le donne usano il contatto visivo per effettuare il check-in e "leggere" come vengono percepiti. Cercano anche di legare con gli altri e di incorporarli in un'interazione con i loro occhi. Le donne abbasseranno anche gli occhi in sottomissione.

Al contrario, gli uomini usano il contatto visivo per marcare lo status e il dominio (gli uomini guardano più delle donne). Usano un minore contatto visivo con un individuo come mezzo per comunicare: "Non sei importante. Ho un punteggio più alto di te. "

La consapevolezza di questi stili non verbali divergenti ti aiuterà a capire meglio i segnali che stai inviando e come possono essere interpretati e interpretati male. Presta attenzione ai comportamenti che si svolgono nel pilota automatico per abitudine o socializzazione. Penso che sia importante per gli uomini e le donne controllarsi da soli. Le donne dovrebbero prestare attenzione ad abbassare gli occhi, un comportamento che invia il messaggio "Io sono lo zerbino". Tieni il tuo sguardo fermo e dritto come un membro partecipante e ugualitario di un'interazione. Gli uomini devono capire che dovrebbero anche partecipare ad alcuni interventi di manutenzione sociale che si verificano durante le interazioni, cercando più informazioni per ottenere maggiori informazioni su come vengono ricevuti. Devono capire che le donne interpretano male la loro mancanza di contatto visivo come mancanza di interesse.

Solutions Collecting From Web of "La politica del contatto visivo: una prospettiva di genere"