La polemica di lavagna vuota

Psicologi come BF Skinner erano soliti sostenere che la gente era una lavagna vuota, nel senso che quasi tutti i nostri comportamenti venivano appresi. Gli psicologi evoluzionisti supplicarono di dissentire. Chi è corretto?

L'idea di una lavagna vuota ha una lunga storia filosofica che risale ad Aristotele. La versione di Skinner si ispira al filosofo inglese John Locke che sviluppò una teoria della conoscenza come costituita dall'associazione di esperienze sensoriali (e riferita a un foglio di carta bianco).

Lo sviluppo del cervello è difficile da prevedere

Un modo di decidere tra la lavagna bianca e il determinismo biologico è quello di indagare l'impatto di eventi insoliti nello sviluppo prenatale.

Varie linee di evidenza indicano che se i feti femmine sono esposti a livelli eccessivi di ormoni sessuali crescono con il comportamento mascolinizzato (1). Tra le scimmie sperimentali, le femmine esibiscono il modello maschile di un'attività fisica più vigorosa. Per gli umani, donne che sono state esposte a livelli elevati di ormoni sessuali nel grembo materno – perché le loro madri hanno erroneamente continuato a prendere le pillole anticoncezionali – più autoidentificate come lesbiche.

Nel caso di insensibilità agli androgeni, una malattia genetica, le persone con un genotipo maschile possono crescere guardando e comportandosi esattamente come le donne. Questo esperimento naturale indica che l'esposizione agli androgeni durante lo sviluppo determina gran parte dell'aspetto e del comportamento maschili.

La funzione cerebrale è fortemente influenzata dall'esposizione agli ormoni dello stress in modo che i bambini crescano in case stressanti dove i genitori combattono molto meno nei test di QI (2).

L'impatto della nutrizione prenatale sull'intelligenza è ben stabilito. I ricercatori stanno scoprendo che madri ben nutrite danno alla luce bambini che crescono non solo per essere più alti e sani, ma anche più intelligenti, più motivati ​​a lavorare duramente e con maggiore successo economico (3).

I critici di tali prove potrebbero sostenere che ciò implica che qualcosa va storto nello sviluppo che è di dubbia rilevanza per le persone che crescono in circostanze più normali. Anche così, è ragionevole presumere che vi sia una gamma di variazioni per la nutrizione, gli ormoni dello stress e gli ormoni sessuali entro i quali può verificarsi uno sviluppo normale. Quindi, per lo meno, possiamo concludere che chi siamo è molto influenzato da fattori biologici all'interno dell'utero, contrariamente alle teorie del vuoto.

Un approccio diverso è quello di iniziare dalla nascita e chiedere se molti aspetti della nostra personalità e delle nostre funzioni cognitive sono già stati decisi dal nostro patrimonio genetico e dalla nostra biologia.

Quale comportamento è "caricato" alla nascita

Forse la prova più chiara contro il concetto di lavagna vuota è il fatto che le persone rimangono più o meno le stesse nelle loro vite sulle dimensioni della personalità. Alcuni di noi sono estroversi. Gli altri sono introversi. Alcuni di noi sono fisicamente molto attivi mentre altri sono meno energici. Alcuni di noi sono molto emotivi in ​​risposta a eventi minori della nostra vita, mentre altri sono imperturbabili.

Tali tratti della personalità sono predisposti dalla biologia del nostro cervello e prove certe a favore di questa visione derivano dal fatto che questi tratti sono fortemente ereditabili (con l'ascendenza genetica che rappresenta circa la metà delle differenze individuali nelle maggiori dimensioni della personalità, 4).

Il modo in cui il nostro cervello elabora le informazioni è, in una certa misura, predeterminato dall'anatomia e dalla fisiologia del cervello. I neuroscienziati hanno sviluppato una conoscenza dettagliata dell'anatomia funzionale del cervello in modo che il danno a una particolare parte produca deficit funzionali prevedibili. I danni all'ippocampo causano problemi di memoria, ad esempio.

Inoltre, le informazioni viaggiano in percorsi prevedibili all'interno del cervello. Quindi le informazioni visive viaggiano dalla retina al talamo, ma devono raggiungere la corteccia perché si realizzi un complesso riconoscimento dei pattern e si verifichi la percezione visiva.

Nonostante l'evidenza di predisposizioni comportamentali presenti alla nascita, il cervello stesso ha proprietà simili a una lavagna bianca (5). Questo fenomeno è stato studiato più diffusamente per le cellule corticali che inizialmente non sanno cosa dovrebbero fare, ma sviluppano un rapporto con le cellule vicine, rispondendo più fortemente a quelle che le stimolano di più. Ciò significa che se una persona dovesse perdere un dito, le parti della corteccia che aveva rappresentato quel dito probabilmente inizieranno a rispondere all'input da un altro dito.

L'innegabile mutevolezza, o plasticità, delle cellule cerebrali è stata confrontata con una tabula rasa su cui viene scritto l'input sensoriale e motorio. A volte, tali informazioni possono essere cancellate in modo che qualcosa di diverso possa essere scritto al suo posto.

Quindi chi ha ragione?

Le linee di faglia storica in psicologia si collocano tra il modello in bianco e nero dei comportamentisti e l'estremo opposto favorito da molti psicologi evolutivi.

Entrambi gli estremi sembrano sbagliati. Sappiamo che i tratti della personalità sono fortemente influenzati dal genotipo, ad esempio, contrariamente alla prospettiva comportamentista. Sono stati descritti alcuni meccanismi plausibili attraverso i quali ciò si verifica, come la modificazione genetica del numero di recettori dei neurotrasmettitori.

D'altra parte, più scopriamo sul cervello, più siamo impressionati dalla sua capacità di rispondere ai cambiamenti di input sensoriali. Quindi è alquanto inverosimile che le persone nascano con un "programma" cerebrale completamente funzionale e geneticamente determinato che risolva alcuni problemi darwiniani come la prevenzione dell'infedeltà sponsale.

Il cervello potrebbe non essere completamente vuoto alla nascita, ma non è nemmeno interamente programmato. È un interessante mix di sceneggiatura e improvvisazione.

fonti

1 Barber, N. (2002). La scienza del romanticismo. Buffalo, NY: Prometeo.

2 Delaney-Black, V., Covington, C., Ondersma, SJ, Nordstrom-Klee, B., Templin, T., Ager, L., et al. (2002). Esposizione alla violenza, traumi e QI e / o deficit di lettura tra bambini urbani. Archives of Pediatric and Adolescent Medicine, 156, 280-285.

3 Case, A. & Paxon, C. (2008). Statura e stato: altezza, capacità e risultati del mercato del lavoro. Journal of Political Economy, 116, 491-532.

4 Plomin, R. (1990). Natura e cultura: un'introduzione alla genetica comportamentale umana. Belmont, CA: Wadsworth.

5 Kalisman, N., Silberberg, G. e Markram, H. (2005). Il microcircuito neocorticale come una tabula rasa. Atti della National Academy of Sciences, 102, 880-885.

Solutions Collecting From Web of "La polemica di lavagna vuota"