La piazza israeliana di Tahrir: nuovi media e politica in azione

Judith Manassen Ramon, documentarista israeliano, produttrice di "Dolphin Boy" e Media Psychology PhD candidate alla Fielding Graduate University, ha presentato questo rapporto sul ruolo dei social media nei recenti eventi politici israeliani.

Sabato sera, il 6 agosto, ha assistito alla più grande manifestazione nella storia dello stato di Israele, eppure i media occidentali occidentali lo ignorano. Mentre ogni frase del primo ministro israeliano, Binyamin Netanyahu, dice riguardo all'Iran e la bomba ottiene la prima pagina in tutto il mondo, la più grande dimostrazione nella storia della nazione, diretta contro lo stesso uomo, viene ignorata. Ti fa meravigliare.

Alcuni motivi vengono in mente. Israele è l'amore del conservatore. L'agenda di questa dimostrazione non si adatta, per non dire altro, a quella dei conservatori. I liberali potrebbero voler mantenere la loro opinione su Israele riguardo al conflitto in corso tra Palestina e Israele. La realtà che si sta verificando non nutre alcuna opinione precisa e predeterminata su ciò che sta accadendo in quella parte del mondo. Le uniche emittenti che coprono interamente gli eventi sono "Al Jazeera" e "Russia oggi", ma nessuna delle principali fonti di informazione internazionali.

Manjoo, nel suo libro "True Enough: imparare a vivere in una società post-fact", spiega ciò che definisce "esposizione selettiva". Dice che le persone scelgono ciò che deve essere esposto nei media secondo ciò che si adatta alle loro opinioni. Un secondo termine utilizzato da Manjoo è "percezione selettiva". Se le persone con ideologie opposte finiscono per guardare la stessa cosa, ognuna capirà cosa vedono secondo le loro opinioni. Questa immagine attuale di Israele non si adatta a nessuno. Le reti lo sentono e quindi scelgono di ignorarlo.

Allora, cos'è successo? Tutto è iniziato con una giovane donna, Dafni Leef, che ha pubblicato un invito sulla sua pagina Facebook. Ha detto che avrebbe messo su una tenda e dormirà fuori come una protesta contro l'alto costo della vita nel paese. Chiunque vorrebbe unirsi a lei è invitato. Da allora, Rothschild Boulevard, una delle strade più ricche della città di Tel Aviv, che prende il nome ironico di una famiglia ebrea estremamente ricca, ha riempito centinaia di tende. Prova ad immaginare Rodeo Drive e Madison Avenue, riempiendosi di tende. Queste tende sono un simbolo della classe media istruita che non può guadagnarsi da vivere nel paese. Nonostante il fatto che, a questo punto della storia, il paese sia considerato un po 'un miracolo economico e abbia un basso tasso di disoccupazione, la classe media sente il contrario. Sembra che il suo talento e il suo duro lavoro vengano sfruttati mentre i ricchi diventano più ricchi e la classe media viene erosa. Una certa linea è stata superata e il piccolo "ossigeno" finanziario della classe media in passato è stato portato via. La soppressione ha portato le masse nelle strade. Un decennio fa, potresti vivere bene con un salario della classe media. Oggi, una famiglia con due genitori lavoratori istruiti deve ricorrere alla rottura del proprio conto di risparmio per far fronte all'alto costo della vita

Nel 2011, la classe media sta facendo avvenire la rivoluzione: il rappresentante del sindacato dei medici ha iniziato uno sciopero della fame; gli stagisti si sono dimessi. I genitori mettono i loro bambini in passeggini e hanno marciato attraverso il paese. La giovane e intelligente generazione di Facebook è andata a dormire nelle comunità di tende di Woodstock (con i loro telefoni cellulari e computer portatili). Le tende hanno invaso il paese da nord a sud. Tende in cui tutte le differenze di religione, razza e genere trovano rappresentazione. Bandiere colorate gay e lesbiche si alzano al fianco delle bandiere palestinesi. Gli ebrei stanno fianco a fianco con gli arabi mentre marciano per le strade per questa causa. Ultimamente, anche una tenda gialla di sopravvissuti all'Olocausto è stata costruita nel Boulevard. È una manifestazione dell'umanità al suo meglio e l'accettazione dell'altro. Israele è una società molto diversificata con tanta tensione tra i suoi diversi sottogruppi. È quindi ancora più notevole.

Curiosamente, molti dei giovani che guidano questa dimostrazione sono registi. Daphni Leef si è laureata alla scuola di cinema dell'Università di Tel Aviv. Molti dei professori di quel dipartimento cinematografico andarono a studiare la "new wave" durante gli anni '60 nella Sorbona e finirono per partecipare alla rivolta studentesca del 1968.

I cineasti comprendono anche i simboli visivi e sanno come creare una realtà dal nulla, credendo che un simbolo potente possa uscire dal nulla e creare un grande cambiamento. Senza televisioni nelle tende e molto tempo libero, si sta svolgendo molta attività creativa. Le tende sono piene di spettacoli teatrali con frange in corso, tempi di lettura di storie per bambini e cuochi che vengono a cucinare all'aperto per la comunità dei manifestanti.

350.000 persone che manifestano la richiesta di cambiamento sociale in Israele è l'equivalente di 15.000.000 di americani che dimostrano (circa il 5% della popolazione) di correre sulle strade di New York, Los Angeles, Dallas e Minneapolis. Queste dimostrazioni esigono dal governo che tutta la popolazione del paese abbia diritto a una buona istruzione, alloggi a prezzi accessibili e un buon sistema sanitario. Il sistema sanitario in Israele è stato oggetto di privatizzazione, durante il quale la sua qualità si è deteriorata immensamente.

Sempre più persone in tutto il mondo, guidate dalla giovane generazione di Twitter, stanno insorgendo contro i loro governi. Il filo comune che collega tutti loro è il promemoria (a vari livelli) del loro governo che lavorano per le persone e non viceversa. È iniziato nella rivolta della Birmania del 2007. Le persone hanno comunicato al mondo attraverso le immagini del cellulare (come presentato nel documentario candidato all'Oscar "Burma VJ"). Come una palla di neve, persone in Iran, Egitto, Tunisia, Siria, Grecia e ora Israele, ciascuna per le proprie ragioni, sono scese in piazza. La democratizzazione dei media (twitter e Facebook) ha creato un potente strumento per il popolo, che potrebbe solo portare un vero potere democratico alla gente.

I media hanno un ruolo importante in queste dimostrazioni. Le dittature hanno il pieno controllo sui loro canali mediatici, usandolo come mezzo per controllare l'opinione pubblica. Apparentemente, anche le democrazie hanno qualcosa del genere. Come suggerito da Chomsky nel suo modello di propaganda, esiste una forte relazione tra élite economiche, centri di potere e media.

Queste dimostrazioni sono sorprendentemente positive e non violente. I manifestanti cantano all'ufficiale di polizia. "Anche tu, signor ufficiale, vali di più". Tali dimostrazioni pacifiche di centinaia di migliaia di persone sono noiose per un supporto in cerca della prossima azione da mettere sullo schermo.

I media israeliani stanno, quotidianamente, diffondendo la paura e la provocazione sul conflitto israelo-palestinese con il popolo del paese. Sanno che la paura e l'azione sono i migliori produttori di piattaforme per il buon tempo commerciale. È stato interessante osservare le reti israeliane durante l'inizio del fenomeno della tenda. Si sono concentrati principalmente su "mangiatori di sushi" e anarchici dai capelli rasta che occupano le tende. I media stavano cercando di rompere questo corpo incontrollabile del potere della gente presentandoli come Ludicosi e alienati dal mainstream israeliano. Bene, le persone hanno appena lasciato i loro televisori mentre si muovevano verso le tende, guidati dal "lunatico sull'erba".

Queste dimostrazioni ci ricordano che la diffusione della paura attraverso i media non fa in modo che le persone dimentichino realmente ciò a cui hanno diritto, a prescindere dalla loro religione, razza o genere. È anche una dimostrazione molto politica, ma per mantenere il suo potere unito per ora si concentra sul lato sociale.

Vengono a ricordare un'altra cosa: negli ultimi anni, il parlamento israeliano ha sistematicamente approvato leggi che mirano a ridurre la libertà di parola, corrispondenti a qualsiasi cosa abbiano bisogno di mettere a tacere. Questo è quello che succede quando fai proprio questo. Mi dà una grande speranza nell'umanità.

Judith Manassen Ramon, email: judguy@gmail.com. Sito Web: http://dolphinboyfilm.com/

Riferimenti-

Herman e Chomsky, Un modello di propaganda http://www.thirdworldtraveler.com/Herman%20/Manufac_Consent_Prop_Model.html

Risveglio israeliano ?! Video di Yan Beddegenoodts e Niel Iwens, 2011

Manjoo (2008), True Enough: imparare a vivere in una società post-fact

Dimostrazione della tenda di Tel Aviv il 6 agosto 2011. Video di Oren Levin

Solutions Collecting From Web of "La piazza israeliana di Tahrir: nuovi media e politica in azione"