La più lunga distanza nel mondo è dalla testa al cuore

Lao Tzu ha detto che il primo passo sulla via della saggezza è la capacità di dire "Non lo so". Ci piace credere che conosciamo moltissime cose. Tuttavia, comprendiamo molte meno cose di quelle che vorremmo ammettere. Conoscere una cosa e possederla – essere veramente investite in azioni e risultati – sono due cose diverse. La vera saggezza è, in definitiva, non nel sapere, ma nel fare.

La più lunga distanza nel mondo è dalla testa al cuore. Prendendo ciò che conosciamo e trasformandolo in un'azione dimostrabile, qualcosa che susciterà cambiamenti nelle nostre vite e nelle vite di coloro che ci circondano, è la vera saggezza. La capacità di trasformare la conoscenza in azione è spesso l'ostacolo.

Finché manteniamo una prospettiva razionale sulla nostra condizione personale, rimarremo bloccati. Nel gergo psicologico, questo è chiamato "isolare". Significa murare una situazione emotivamente carica e pensare, piuttosto che sentirsi, attraverso. Nessuna emozione, nessun investimento – nessun investimento, nessun movimento. È roba davvero semplice.

La volontà di cambiare è guidata da investimenti ed emozioni. Potremmo sapere che non dovremmo prendere quella bevanda, ma lo facciamo ancora. Perché? Non siamo ancora investiti nei risultati e nelle conseguenze. Non è finché non sentiamo una cosa – spostandoci dalla testa al cuore – che ci investiamo in essa. Questo è uno dei motivi per cui spesso dobbiamo affrontare una crisi – o creare una crisi – prima di creare movimento.

Quindi, come possiamo cambiare la nostra relazione con il cambiamento? Usando proprio la cosa che è l'ostacolo al nostro cambiamento come strumento per suscitare cambiamenti.

Pensa a qualcosa che sai essere un problema per te – bevo troppo, sono passivo-aggressivo, rabbia troppo facilmente, sono intollerante al cambiamento, ecc. Ora, pensa a come ti senti quando succede quella cosa. Fai un accordo con te stesso che presterai attenzione a quella sensazione.

La prossima volta che sorge questa sensazione, è una buona scommessa che risponderesti nel modo in cui hai in passato, perché gli esseri umani non sono nulla se non coerenti. Quando sorge questa sensazione, ora puoi dire "Non ho intenzione di farlo" invece di "Eccoci di nuovo".

Questa idea risale alla nostra conversazione sullo Yoga come mezzo per il cambiamento, poiché il passaggio dai bisogni ai sentimenti e le emozioni all'azione è coincidente con la visione del mondo egocentrica, etnocentrica e geocentrica, così come il movimento dal primo, al secondo, al terzo chakra.

Non è un caso che i tossicodipendenti o gli individui che agiscono in modi che divergono dalla norma sociale siano coerentemente considerati egoisti – cioè egocentrici. Il cambiamento è legato al pensare alle conseguenze delle nostre azioni, il che significa pensare agli altri – cioè, etnocentrico. Azione significa imporci al mondo in cui viviamo in modo produttivo, cioè geocentrico, ma, per farcelo fare, dobbiamo prima essere sani e ben costituiti noi stessi. Ciò significa imparare ad essere self-ish.

Tutto si riduce alla scelta. La decisione di evocare il cambiamento può essere guidata da emozioni crude o può essere uno sforzo cosciente e razionale che invoca il sentimento attraverso un processo ponderato. In ogni caso, dobbiamo passare dalla testa al cuore prima di poter creare movimento e proscrivere per noi stessi una vera trasformazione.

© 2008 Michael J. Formica, tutti i diritti riservati

My Psychology Today Therapists ProfileMy WebsiteEmail Me DirectlyTelephone Consultations

Solutions Collecting From Web of "La più lunga distanza nel mondo è dalla testa al cuore"