"La più grande teoria del lavoro da Freud" del DSM e della Psichiatria

In quello che potrebbe benissimo essere visto come un momento epocale, l'Istituto Nazionale di Salute Mentale degli Stati Uniti ha effettivamente abbandonato la DSM e il suo approccio basato sui sintomi. Come dice il direttore nel suo blog, "I pazienti con disturbi mentali meritano di meglio".

Già nel 2008 il New York Times ha sottolineato che la teoria del cervello impresso "fornisce alla psichiatria forse la sua più grande teoria del lavoro da Freud, e che è fondata nel lavoro all'avanguardia della scienza." E, anticipando la nuova posizione del NIMH, The New York Times ha anche osservato che "La teoria non ha alcuna utilità per le diverse categorie di disordini della psichiatria, e darebbe ai risultati genetici una dimensione completamente nuova".

E non solo genetica, ma anche psichiatria. Secondo il modello diametrico della malattia mentale, il mentalismo – la nostra innata capacità di comprendere il comportamento della nostra e delle altre persone in termini mentali come l'intenzione, l'emozione e il significato – varia lungo un continuum che va dall'autismo alla psicosi. I disturbi dello spettro autistico (ASD) mostrano deficit sintomatici nel mentalismo, a volte con compensazioni nella cognizione meccanicistica (la capacità di comprendere il mondo fisico incarnato in scienza, tecnologia e matematica). I disturbi dello spettro psicotico (PSD) sono l'opposto: sintomaticamente iper-mentalistico, con deficit endofenotipici nella cognizione meccanicistica. Se è così, allora la normalità e la sanità mentale sono ovviamente il risultato di una cognizione equilibrata e centralizzata: abbastanza per comprendere te stesso e le altre persone in termini mentali, ma non tanto da renderti paranoico o così poco da renderti autistico.

Ma un'altra ovvia implicazione è che anche la psichiatria dovrebbe essere una forma di cognizione centralizzata e bilanciata dal punto di vista mentale, dopotutto, che cos'è la psichiatria se non l'epitome scientifico di sana comprensione? E col beneficio del senno di poi, ora è facile vedere che nel ventesimo secolo la psichiatria non ha mai raggiunto uno stato d'animo così equilibrato e sano di mente. Al contrario, la prima metà del secolo è stata dominata dall'emergere della psicoanalisi da una parte e del comportamentismo dall'altra. Descritto in termini diametralmente, la psicoanalisi sembra un iper-mentalismo istituzionalizzato, grazie alla sua mentalizzazione dei meccanismi cerebrali inconsci e alla mania per trovare significato in ogni cosa, dai sogni alla lingua, per non parlare della sessualizzazione erotomana dell'infanzia e della rappresentazione paranoica della famiglia nel complesso di Edipo.

Il comportamentismo, al contrario, istituzionalizza l'ipo-mentalismo dell'autismo nella sua negazione della mente e il rifiuto di osservare la terminologia mentale nella spiegazione scientifica. E se i comportamentisti sono autistici impliciti, le principali autorità hanno sottolineato che i bambini autistici sono comportamentisti naturali.

Sebbene nel corso del XX secolo siano stati fatti molti tentativi per trovare un centro stabile tra questi estremi, nessuno è mai riuscito, e anche se la terapia comportamentale cognitiva è emersa come la migliore tecnica terapeutica, mancava del suo paradigma distintivo e rimaneva irrimediabilmente eclettica per quanto riguarda la teoria di base era preoccupato. E nessuna teoria del ventesimo secolo ha mai affrontato il problema fondamentale di come il DNA, lo sviluppo e il cervello spiegavano il comportamento, figuriamoci la malattia mentale.

Ma la teoria del cervello impresso – nata, abbastanza appropriatamente, alla fine del secolo – lo fa. In effetti, la teoria chiarisce che la malattia mentale non è altro che deviazione dalla normale gamma di mentalizzazione, sia nella direzione autistica che psicotica. E per quanto riguarda il DNA, lo sviluppo e il cervello, la teoria propone che siano variazioni nell'espressione dei geni durante lo sviluppo del cervello che spiegano dove la configurazione cognitiva di una persona finisce sul continuum mentalistico, con fattori ambientali che contribuiscono alla misura che replicano, assomigliano o rinforzano tali effetti.

La configurazione cognitiva della teoria cerebrale impressa è strategicamente centralizzata nella misura in cui riconosce distintamente sia il mentalismo che il meccanismo della mente, e bilancia l'ASD contro il PSD nel suo modello diametrico della mente e della malattia mentale (sotto).

La psichiatria ha oscillato tra l'iper-mentalismo della psicoanalisi e l'ipo-mentalismo del comportamentismo abbastanza a lungo. È giunto il momento che si stabilisca dove si trova già il modello diametrico: strategicamente nel mezzo, con i benefici di entrambi e le disabilità di nessuno dei due grazie all'essere non solo la più grande, ma anche la teoria del lavoro più equilibrata da Freud.

(Grazie a Jonas Forare.)

Solutions Collecting From Web of ""La più grande teoria del lavoro da Freud" del DSM e della Psichiatria"