La personalità del proprietario influisce sui metodi di addestramento del cane?

Risultati intriganti da uno studio sulla personalità, la punizione e il comportamento del cane.

La ricerca mostra che l’uso di metodi di addestramento del cane avversi, come la punizione positiva, è associato a segnalazioni di comportamenti problematici più gravi come la paura e l’aggressività. E la ricerca mostra anche un legame tra la personalità del proprietario di un cane e alcuni aspetti del comportamento del cane. Queste due scoperte sono collegate?

In altre parole, le persone con determinati tratti di personalità sono più propensi a usare metodi di addestramento del cane particolari, e questo spiega il legame con il comportamento del cane? Questa è la domanda investigata in un recente rapporto del Dr. Nicholas Dodman et al (2018).

Wyatt Ryan/Unsplash

Fonte: Wyatt Ryan / Unsplash

Ad esempio, una ricerca precedente ha scoperto che le persone con punteggi alti per il nevroticismo avevano più probabilità di avere cani che erano disobbedienti. Forse questo è dovuto ai metodi di allenamento che scelgono?

Lo studio ha coinvolto 1.564 proprietari di cani che hanno completato un sondaggio online che includeva misure della loro personalità, indipendentemente dal fatto che siano depressi, i metodi di addestramento del cane che usano e il comportamento del loro cane (usando un questionario chiamato mini-CBARQ).

I risultati suggeriscono che il legame tra personalità del proprietario e comportamento del cane non è in realtà mediato dai metodi di allenamento. Ma mostrano un legame tra la depressione negli uomini e la tendenza a usare metodi avversivi.

I risultati mostrano anche un’associazione tra l’uso di metodi di allenamento avversi e l’aggressione dei cani nei confronti del proprietario e degli estranei, i comportamenti legati alla separazione, l’abbaiare persistente, la caccia e la sporcizia domestica (urinare e defecare) da soli. Ciò non è sorprendente e si lega ai risultati di altri studi sui metodi di addestramento del cane.

Sorprendentemente, ea differenza degli studi precedenti, i risultati non hanno mostrato un’associazione tra l’uso di metodi di allenamento avversi e la paura e l’ansia nei cani.

Tra i proprietari che avevano punteggi bassi per la coscienziosità, c’era un collegamento tra l’uso di metodi avversivi e il comportamento di inseguimento del cane; e tra gli uomini con depressione, c’era un legame tra l’uso di metodi avversivi e il cane che defeca in casa.

Lo studio ha anche trovato un collegamento tra la personalità del proprietario e il comportamento del cane. Le persone che avevano punteggi più bassi di gradevolezza, estroversione, stabilità emotiva e coscienziosità avevano più probabilità di avere cani con aggressività nei confronti del proprietario, paura degli estranei e orinazione in casa quando erano soli. (Un punteggio più basso per la stabilità emotiva significa maggiore nevroticismo).

Siete incoraggiati a leggere il documento (che è l’accesso aperto) per una dichiarazione completa dei risultati relativi alla personalità del proprietario, in quanto vi sono molti piccoli effetti.

I ricercatori dicono che alcune di queste scoperte hanno un senso intuitivo. Uno che mi ha interessato è il legame tra i proprietari che si considerano meno graditi e quelli che hanno maggiori probabilità di urinare in casa quando lasciati a casa da soli. Meno piacevole significa più litigioso e critico. I ricercatori suggeriscono che i cani di proprietari meno gradevoli hanno maggiori probabilità di essere ansiosi e quindi possono urinare come comportamento correlato alla separazione. Mi chiedo se questi proprietari sono più propensi a dire al loro cane per gli errori di sporcamento della casa, qualcosa che può rendere il cane timoroso di urinare davanti al proprietario (ad esempio sulle passeggiate) e più propensi a urinare in casa quando il proprietario è non là. Questo sarebbe un argomento interessante per la ricerca futura.

Un altro suggerimento interessante nel documento si riferisce alla scoperta che gli uomini con depressione moderata hanno cinque volte più probabilità di usare metodi di allenamento avversi rispetto alle donne che non sono depresse. I loro cani hanno anche maggiori probabilità di essere aggressivi con altri cani e di sporcare la casa (urinare e defecare) quando lasciati soli.

Altri studi hanno anche rilevato che gli uomini hanno maggiori probabilità di utilizzare metodi di allenamento avversi rispetto alle donne, ma il legame con la depressione moderata e il comportamento del cane è sorprendente. È anche difficile da interpretare. Gli scienziati scrivono,

“Studi recenti suggeriscono che uomini e donne sperimentano sintomi diversi di depressione, e che gli uomini tendono a riportare tassi più alti di attacchi di rabbia / aggressività, abuso di sostanze e assunzione di rischi. Gli uomini depressi sono quindi più propensi a rispondere ai problemi comportamentali dei loro cani in modo aggressivo e punitivo, e questo suggerisce che tali individui potrebbero non essere i candidati ideali per la proprietà o l’adozione dei cani. ”

Ma anche se questo studio ha trovato alcuni collegamenti tra personalità e metodi di allenamento, essi non sono stati in grado di spiegare gran parte della varianza nel comportamento del cane. Sembra che se la personalità del proprietario influisce sul comportamento del cane, è attraverso qualche altro mezzo rispetto ai metodi di allenamento che scelgono. Questa è stata una scoperta sorprendente e sono necessarie ulteriori ricerche per indagare su ciò che sta accadendo.

Naturalmente, i risultati correlazionali non mostrano la causalità. Gli scienziati suggeriscono che, poiché i tratti della personalità sono stabili nel tempo, è probabile che siano la causa delle differenze nel comportamento dei cani, ma che l’uso della punizione può essere il risultato (piuttosto che la causa) dei problemi comportamentali del cane. Questo è del tutto possibile (ma se così fosse, la punizione non ha risolto il problema, almeno dal momento in cui i proprietari hanno compilato il questionario). Penso che sia anche possibile che l’uso di metodi punitivi sia correlato a livelli inferiori di conoscenza dei cani e dell’addestramento del cane.

Gli scienziati hanno chiamato il loro breve questionario sui metodi di addestramento del cane. Atteggiamenti verso la formazione, ma (come si dice sul giornale) è in realtà una misura di quante persone usano metodi avversivi. Ad esempio, domande relative all’uso di soffocare / polo / collari shock, urlare contro il cane e alfa rotoli. Non ci sono domande sul rinforzo positivo. Le domande sui metodi di allenamento erano gli unici elementi che non erano stati convalidati nella ricerca precedente.

Poiché altri studi hanno trovato un collegamento tra la frequenza del rinforzo positivo e un comportamento migliore del cane (ad es. Arhant et al 2010), sarebbe utile includere domande sul rafforzamento positivo nelle ricerche future. La questione se l’uso del rinforzo positivo da parte dei proprietari media il legame tra personalità del proprietario e comportamento del cane rimane senza risposta e sarebbe una domanda interessante per la ricerca futura.

Poiché l’uso di metodi avversivi è un rischio per il benessere, è urgente la ricerca sull’uso da parte della gente di metodi di addestramento del cane e su come incoraggiare le persone a usare rinforzi positivi (Ziv, 2017; Todd, 2018).

Questa è una carta affascinante che ci dà molto da pensare e alcune buone idee per la ricerca futura. È anche un altro studio che ci ricorda che è meglio non usare metodi conflittuali per addestrare i cani.

Riferimenti

Arhant, C., Bubbna-Lititz, H., Bartels, A., Futschik, A., & Troxler, J. (2010). Comportamento di cani più piccoli e più grandi: effetti dei metodi di allenamento, incoerenza del comportamento del proprietario e livello di impegno nelle attività con il cane Scienza del comportamento animale applicato (123), 131-142 DOI: 10.1016 / j.applanim.2010.01.003

Dodman, NH, Brown, DC e Serpell, JA (2018). Associazioni tra personalità del proprietario e stato psicologico e prevalenza di problemi comportamentali canini. PloS one, 13 (2), e0192846. http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0192846#abstract0

Todd, Z. (2018). Ostacoli all’adozione di metodi di addestramento umano del cane. Journal of Veterinary Behavior. 25: 28-34. https://doi.org/10.1016/j.jveb.2018.03.004

Ziv, G. (2017). Gli effetti dell’uso di metodi di allenamento avversi nei cani: una recensione. Journal of Veterinary Behavior: Clinical Applications and Research, 19, 50-60. https://doi.org/10.1016/j.jveb.2017.02.004

Solutions Collecting From Web of "La personalità del proprietario influisce sui metodi di addestramento del cane?"