La persecuzione di eccellenza

La squadra di basket femminile del Connecticut ha recentemente completato una corsa molto battuta alla sua seconda il campionato nazionale consecutivo e il risultato è stato ancora più notevole, perché lo hanno fatto imbattendosi in queste due stagioni, vincendo con una media di punti a doppia cifra e stabilendo una serie vincente record di 78 partite.

Sono la migliore squadra offensiva del paese; giocare la miglior difesa del paese e competere con una concentrazione, determinazione e livello di impegno fisico che li rende una forza irrefrenabile contro cui giocare.

L'architetto di questa incredibile squadra e le sue realizzazioni è Geno Auriemma che recluta alla grande giocatori e poi infonde in loro una voglia di successo che travolge, esaurisce e sconfigge infine tutti quelli che vengono sulla loro strada. È un genio tattico notoriamente esigente e spesso spietato che spinge i giocatori attraverso le loro zone di comfort a livelli di prestazioni che potrebbero aver pensato irraggiungibili.

In ambienti come questi in cui vincere diventa abituale e atteso, non è raro che il programma consideri i suoi avversari come meri ostacoli nella ricerca di una sorta di eccellenza collettiva; il loro obiettivo non è semplicemente vincere partite ma aspirare a giocare a una partita di basket perfetta e esibirsi a un livello che nessun altro può raggiungere.

La squadra di Auriemma, con le sue superstar animate e spericolate, ha stabilito uno standard mozzafiato che potrebbe non essere mai eclissato e si possono solo ammirare le loro conquiste storicamente uniche.

Eppure, ci sono quelli che dubitano e mettono in discussione e, mentre gli oppositori e i secondi indovini sono una parte consolidata e accettata del mondo dello sport, sembra esserci una spiacevole sensazione di sessismo nell'ottica che in qualche modo i successi del team di UConn possano essere male per il basket femminile.

Prima del completamento del torneo, i commentatori televisivi stavano facendo domande su quanto buona o cattiva sia la striscia vincente di UConn e il dominio generale fossero per il benessere del gioco. L'analista di ESPN Rebecca Lobo, ex campionessa nazionale di UConn, ha suggerito diplomaticamente che la questione potrebbe essere "orientata al genere" ed è difficile non essere d'accordo.

La stessa domanda potrebbe essere posta se ci fosse una squadra maschile dominante che ha raggiunto gli stessi standard? Forse. Ma è difficile immaginare che qualcuno si chieda se le straordinarie squadre di basket dell'UCLA di John Wooden siano state buone o cattive per lo sport quando hanno vinto dieci campionati in dodici anni. O se i college e le affiliazioni dominanti in altri sport stanno in qualche modo danneggiando il gioco che giocano.

È deludente pensare che le persone possano percepire le realizzazioni di questa squadra come aberranti o almeno aperte alla domanda perché il loro genere rende in qualche modo i loro risultati meno potenti o validi.

Persino Auriemma è stato condannato con lievi elogi da parte di coloro che si chiedono se possa allenare una squadra maschile e avere successo; l'implicazione è che è più facile raggiungere l'eccellenza nell'istruire le donne o che in qualche modo non è così serio o sfidare un ambiente.

Forse alcuni di questi punti di vista sono portati da atteggiamenti "ispirati al genere" della società per quanto riguarda gli atleti di sesso femminile nella nostra cultura. Ci aspettiamo che le ragazze e le donne "giochino bene" anche quando partecipano ai livelli più alti e competitivi dei loro sport e consideriamo le donne altamente qualificate e ad alto rendimento come al di fuori di una norma desiderata?

Elizabeth Lambert, una calciatrice dell'Università del New Mexico è diventata qualcosa di simile a un paria nazionale l'anno scorso quando ha colpito e tirato i capelli di un avversario in una partita di playoff. Anche se il suo scarso giudizio e la mancanza di autodisciplina erano evidenti per tutti, era il pregiudizio che le ragazze avrebbero dovuto fare in modo che le sue azioni venissero trasmesse inesorabilmente da una costa all'altra? È difficile immaginare che una situazione altrettanto imprudente o violenta in un gioco maschile (e succedono frequentemente) sollevi un sopracciglio nei media e quasi certamente non finirà per essere il foraggio per il disprezzo isterico dei presentatori televisivi su programmi mainstream come il Oggi Show o The View.

Più recentemente, la squadra olimpica di hockey canadese ha affrontato una serie di critiche per il ritorno al ghiaccio, un'ora dopo aver vinto la medaglia d'oro, e avere la temerarietà di bere birra e fumare sigari nello stadio vuoto mentre si fotografavano con le loro medaglie. Anche se nessuno lo considererebbe un comportamento esemplare, probabilmente non è raro e si sospetta che altri olimpionici abbiano celebrato in una varietà di modi spensierati senza lo stesso scrutinio e la stessa fanfara febbrile. Era la natura della celebrazione o il genere dei partecipanti che ha causato lo scalpore, o entrambi? Se la loro condotta era considerata rozza, perché è così che abbiamo un problema con le donne che si comportano in modo così bizzarro come gli uomini? Per lo stesso motivo, perché alcune persone hanno un così alto sospetto di aggressività, competitività e spregiudicatezza nelle atlete quando sono considerate ammirevoli qualità fondamentali nelle loro controparti maschili?

Il calibro di Auriemma e North Carolina allenatore di calcio femminile Anson Dorrance, le cui squadre hanno ha vinto 21 campionati nazionali in 25 tentativi, ha evitato il "dumbing-down" o l'abbassamento delle aspettative dei suoi atleti e ha perseguito costantemente livelli di eccellenza senza eguali.

Cosa li rende così buoni? Grandi allenatori, giocatori eccezionali, duro lavoro, un impegno a mettere da parte tutti i preconcetti di genere riguardo ai loro ruoli o abilità, e la mentalità di fare tutto il necessario per vincere. I loro team sono così bravi che sono diventati riveriti / disprezzati in modo simile ai Dallas Cowboys o ai New York Yankees; sono la squadra che tutti vogliono battere, ma anche la squadra che tutti segretamente desiderano. In un certo senso è il massimo dei complimenti nello sport.

Con questo in mente è difficile capire come si possa percepire che il dominio di UConn sia in qualche modo negativo per il loro sport. Hanno distrutto gli stereotipi che suggeriscono che le ragazze e le donne non possono o non devono giocare duro; hanno dimostrato che la competitività e la tenacia non sono qualità specifiche per genere e hanno dato a tutte le squadre, indipendentemente dallo sport o dal genere, un assaggio di ciò che è la vera eccellenza atletica.

Il fatto che siano donne non dovrebbe, tranne che per i pensatori più vittoriani tra noi, fare una differenza nel riconoscere un risultato così raro.

Solutions Collecting From Web of "La persecuzione di eccellenza"