La paura-vergogna dinamica

Il mio collega, Pat Love e io abbiamo scritto che un gran numero di dispute coniugali sono scatenate da una inconscia pauravergogna dinamica, in cui la paura o l'ansia di uno innesca il comportamento evitabile dalla vergogna (ritiro o aggressività) nell'altro, e viceversa . L'esempio classico si verifica in macchina. Un passeggero di una donna sussulta per qualcosa che vede sulla strada. Suo marito si arrabbia, percependo il suo involontario sussulto come un assalto al suo aurore. Farà il broncio o dirà qualcosa di sarcastico o si trasformerà in Ben-Hur, pronto a scacciare quegli altri carri dalla strada, rendendola ancora più spaventata e arrabbiata. Ognuno di loro sentirà che l'altro è esagerato, insensibile, sconsiderato o immaturo.

Il colpevole qui non è scarsa capacità di comunicazione o ferite infantili. Piuttosto, la coppia è soggetta ad un primitivo presente interattivo dinamico in altri animali sociali – quando la fuga non è praticabile, la paura in uno stimola l'aggressività nell'altro. Questa dinamica assume dimensioni sessuali per due ragioni. Le femmine di animali sociali tendono ad essere più paurose e vigili dei maschi in generale, ma soprattutto quando sono giovani. Inoltre tendono ad avere un udito e / o un senso dell'olfatto migliori, rendendoli ideali sistemi di allarme per il gruppo. I maschi tendono ad essere più grandi, più potenti, più aggressivi, più sacrificabili (il branco avrà miliardi di spermatozoi, ma solo una manciata di uova), e più adatti a proteggere da intrusi e predatori. I maschi che non riescono a rispondere alla paura femminile, cioè quelli che non riescono a proteggere il branco, sono soggetti all'attacco dei membri più dominanti. Sebbene l'antropomorfizzazione sia rischiosa, la mancata protezione causa una vulnerabilità nei maschi di alcuni animali sociali che sembra vicina a ciò che chiameremmo vergogna.

Questa antica vulnerabilità maschile si presenta negli umani moderni come il terrore del fallimento, in particolare come protettore, fornitore o amante. Il dolore del fallimento può essere così debilitante per gli uomini che spendiamo enormi quantità di energia emotiva cercando di evitarlo, sia nel comportamento che nella costruzione dell'ego maschile, che può essere pensato come una negazione del fallimento. Certo, anche le donne hanno ego, ma "La morte prima del disonore" non è una frase associata ai gruppi femminili e poche donne preferiscono comportarsi come un idiota piuttosto che un "perdente". L'ego maschile sembra aver bisogno di risorse considerevoli da difendere.

Grazie al nostro ego, gli uomini sono gli unici esempi di animali sociali che trasformano costantemente l'aggressività nei confronti delle femmine ansiose con le quali siamo legati. Così abbiamo pervertito la funzione naturale dell'aggressività negli animali sociali, che è secondariamente autoprotezione ma principalmente protezione dei propri cari. (Diventerai più aggressivo se attacco tua moglie o i tuoi figli che se ti aggredisco – la protezione dei tuoi cari prevale sull'autoprotezione.) Abbiamo riciclato la funzione primaria dell'aggressività dalla protezione dei propri cari alla protezione dell'ego; tragicamente, nessuno può offendere l'ego di un uomo tanto gravemente quanto la moglie o l'amante.

Portandoci insieme e distruggendoci
L'inconscia paura-vergogna dinamica funziona molto bene nel corteggiamento. Prima che il legame sociale si formi – prima che l'uomo sia il protettore ufficiale del branco – risponde all'ansia, alle espressioni di preoccupazione o all'esposizione alla vulnerabilità di una donna con il supporto e il desiderio di aiutare. Vuole essere di supporto, protettivo, generoso (almeno nei suoi mezzi), attento e buona compagnia, in tal modo lenendo ogni timore di danno, isolamento o privazione che possa avere.

È improbabile che un uomo si innamori di una donna che pensa di essere un perdente, un laico schifoso o un ubriacone. Di solito ha bisogno che il suo partner sia soddisfatto del suo successo (o potenziale di successo), soddisfatto dal suo amore e che si senta sicuro e protetto in sua presenza. Ha bisogno di sentire che crede in lui. Lenisce il suo timore di fallire.

In breve tempo, le stesse vulnerabilità che ci hanno uniti cominciano a farci a pezzi. Dopo il matrimonio (o la convivenza), un uomo si aspetta che sua moglie (o coabitante) non avrà mai più un'emozione negativa, perché ora la sta proteggendo. Quando diventa ansiosa o paurosa, si sente come un fallimento. La sua difensività la rende più ansiosa, e la sua paura lo rende più vergognoso. Se lei dice: "Mi sento isolato, non riesco a soddisfare i miei bisogni, mi dai per scontato, mi vogliono solo per il sesso, ecc.", Sente, a prescindere da come dice lei, "Il tuo modo di amare non è abbastanza buono; stai fallendo come marito; sei un cattivo ragazzo "Diventa difensivo e arrabbiato e cerca di controllarla o si ferma emotivamente.

L'inconscia paura-vergogna dinamica spiega molti problemi di relazione, incluso il motivo per cui le coppie diventano così irrazionali riguardo ai problemi di denaro, che sono, per la maggior parte, solo considerazioni pratiche di bilancio e di equità. Il suo timore di fallire come fornitore gli fa venir voglia di controllare le provviste, il che stimola la paura della privazione che le fa desiderare di spendere soldi per mantenere un nido, e viceversa. Spiega anche almeno alcuni dei combattimenti sul sesso. Indipendentemente da chi ha il desiderio sessuale maggiore, la sua ansia di fare sesso stimola il suo timore di fallire come amante e il suo compenso per paura di fallire come amante stimola la sua ansia di fare sesso con lui.

Un uomo arrabbiato e non violento non riesce a capire perché sua moglie abbia paura di lui, quando non l'ha mai danneggiata fisicamente ed è certo che non lo farebbe mai. Dopotutto, non avrebbe avuto paura se fosse arrabbiata con lui. Non importa che la fisiologia maschile rafforzi potentemente gli effetti del comportamento risentito o arrabbiato. I maschi della maggior parte degli animali sociali hanno una massa muscolare maggiore e voci più profonde e più risonanti, specificamente progettati per ruggire o urlare. La voce maschile arrabbiata diventa più profonda e minacciosa, perché è progettata per invocare la paura di un danno fisico (nei rivali e nei predatori), che lo voglia o no. Le donne arrabbiate possono sembrare stridule o sgradevoli, ma raramente le loro voci invocano la paura di un danno fisico negli uomini adulti. I maschi arrabbiati o risentiti della maggior parte delle specie di mammiferi sociali sperimentano più flusso di sangue ai loro muscoli (ci gonfiamo quando ci arrabbiamo), rendendo il nostro corpo più minaccioso fisicamente. Allora, perché ha paura?

Molti terapeuti sottovalutano enormemente il potere della dinamica paura-vergogna o, peggio, patologizzano. Proprio l'altro giorno ho ricevuto un'email da una donna sposata con un uomo arrabbiato, risentito e, a volte, emotivamente violento. Il terapeuta della loro coppia, un uomo, ha spiegato che la sua paura e mancanza di fiducia nei confronti del marito, che sta tentando di riformare, era una specie di "ricatto" – una caratterizzazione provocata dalla vergogna se ne avessi mai sentito uno. Le raccomandò di entrare nella psicoterapia individuale per scoprire le origini genetiche o infantili della sua paura. Allo stesso modo, le terapeute donne sono pronte a etichettare l'ego degli uomini e le battaglie con vergogna come evolutivamente immaturo o narcisistico e danno la colpa a genitori cattivi o al patriarcato.

Compassione vs. Empatia
Quando si tratta di paura e vergogna, l'empatia – l'identificazione con i sentimenti di un altro – rischia di oscurare l'esperienza più profonda di ciascun partner. Ci può essere un guadagno a breve termine nel comprendere che è ansiosa o che sta cercando di evitare di sentirsi come un fallimento, ma "mettersi nei panni dell'altro" porta a qualcosa di simile:

"Non avrei paura se ciò accadesse a me, quindi non dovrebbe neanche."

"Se venissi licenziato dal mio lavoro lo userei come motivazione per formare legami più forti al lavoro la prossima volta, ed è così che dovrebbe vederlo."

Piuttosto che cercare di empatizzare sulla paura e la vergogna, abbiamo bisogno di una forma più elevata di compassione e rispetto per le vulnerabilità che non condividiamo. Ad esempio, le persone vedenti, il cui cervello è cablato per immagini visive, non possono entrare in empatia con i ciechi nati, la cui corteccia visiva è cablata per un senso diverso. Ma possiamo provare compassione e ammirazione per loro mentre negoziano un mondo costruito per gli avvistati. E possono provare lo stesso per noi che sono così carenti in altri sensi preziosi. Con questa compassione di livello superiore per le nostre diverse vulnerabilità, la comunicazione tra i propri cari e il loro supporto diventa facile. Senza di esso, il nostro desiderio di supporto si trasforma in manipolazione o controllo e i nostri negoziati assumono la forma di:

"Devi essere più simile a me e vedere il mondo come faccio io."

Le coppie possono migliorare notevolmente le loro relazioni se identificano le emozioni negative che indeboliscono le loro interazioni come la dinamica inconscia paura-vergogna. Non è una persona che lo fa all'altro; è qualcosa che accade a entrambi, e insieme possono disarmarlo entrando in contatto con i loro valori più profondi. A un livello di valore profondo, né l'altro vuole sentirsi in ansia o un fallimento. A quel livello sono più compassionevoli e possono ripristinare la loro connessione l'uno con l'altro.

Fortunatamente, la connessione calma sia la paura che la vergogna e facilita notevolmente la negoziazione sui comportamenti. Collegato, le coppie possono risolvere i problemi. Disconnessi, si perderanno in torrenti di risentimento e rabbia causati dalla loro paura e vergogna.

Fai il quiz paura-vergogna per donne o uomini su http://compassionpower.com.

Solutions Collecting From Web of "La paura-vergogna dinamica"