La paura si nasconde dietro il perfezionismo

Di tutti i fardelli che infliggiamo a noi stessi e quelli che ci circondano, il perfezionismo è tra i più pesanti. Ognuno di noi ha molta esperienza con un atteggiamento di indifferenza verso la qualità, che ci permette di essere soddisfatti con beni e servizi "abbastanza buoni" da vendere agli altri: giocattoli che si rompono al primo utilizzo, meccanica inaffidabile e costosa, ordini sbagliati nei ristoranti, gli aerei che non funzionano in orario, i computer che congelano e ci lasciano parlare con persone che sostengono il supporto tecnico in India, hanno truffato le indagini della polizia. L'elenco dei fallimenti umani di competenza e attitudine è lungo. Per combattere queste inefficienze le aziende adottano ogni sorta di approcci di "controllo di qualità" per costruire una società in cui le cose funzionano la maggior parte del tempo. "Zero difetti" è un ideale cercato frequentemente ma raramente raggiunto. Mentre questo processo di intolleranza per errore rende un ambiente di business ragionevolmente efficiente, quando applicato all'area oscura delle relazioni umane, ha alcuni svantaggi critici.

Prendi i bambini, per esempio. Un professore di legge di Yale ha pubblicato un libro intitolato "Battle Hymn of the Tiger Mother", che promuove l'idea che crescere bambini di successo richieda che i genitori prendano tutte le decisioni su come i loro figli trascorrono il loro tempo: praticamente studiando o praticando musica. Dal momento che il segreto del successo accademico o musicale è "pratica tenace, pratica, pratica", non ci devono essere sleepover, giochi, giochi scolastici, TV o giochi per computer. Né il bambino ha il permesso di ottenere alcun voto inferiore a A. La giustificazione per questo regime è che "i bambini da soli non vogliono lavorare, motivo per cui è fondamentale ignorare le loro preferenze". Se il bambino resiste a questo programma di "rote" ripetizione, "va bene" scortare, punire e vergognare il bambino ". Racconta un aneddoto sulla reazione inorridita dei" genitori occidentali "a una cena quando apparentemente si vantava di chiamare sua figlia" spazzatura ".

Anche ammettendo un po 'di esagerazione da parte di un autore che vende un libro, questo è un materiale stimolante per i genitori che desiderano il meglio per i loro figli. Siamo costretti a riflettere su questioni come quello che costituisce il successo in questa società, e su quali valori desideriamo trasmettere ai nostri figli e come si svolge questo processo. Il dibattito si svolge in un contesto di preoccupazione per il narcisismo e un senso di diritto che, in modo equo o ingiusto, sono visti come valori culturali impliciti nell'America del XXI secolo. Il suddetto libro definisce il successo unicamente in termini di risultati individuali, con un piccolo tentativo di nascondere il disprezzo della madre per i "perdenti" con cui i suoi figli sono in competizione.

Sarebbe difficile trovare un esempio migliore di paura come motivatore rispetto allo stile genitoriale sostenuto da qualcuno che sostiene che insulti e intimidazioni sono l'essenza della genitorialità di successo. Un simile approccio manifesta una visione profondamente pessimistica della natura umana che suppone che i nostri figli, e per estensione, il resto di noi siano fondamentalmente pigri e spinti dai nostri desideri incontrollati di piacere e quindi debbano essere forzati da qualche fonte esterna – genitori, religione, governo – conformarsi a un rigido insieme di regole che ci renderanno persone migliori, o almeno più trattabili. Tale ipotesi richiede molti vincoli e molte proibizioni ("Non lo farai …"). E il meccanismo di applicazione di base è la paura. Basta osservare la vita in una società teocratica come l'Iran o l'Afghanistan sotto i talebani per avere un'idea di come funziona quell'idea.
Dal momento che tutti ammettono che ci devono essere delle regole per regolare le nostre vite insieme, ci devono essere anche delle sanzioni per infrangerle. Questa è la teoria su cui poggia il nostro sistema giudiziario. Ma trovare l'equilibrio tra le conseguenze positive e quelle negative è dove dovrebbero essere i nostri sforzi. Se credi nell'idea che la maggior parte delle persone abbia una coscienza e un senso di reciproco obbligo nei confronti dell'altro, è probabile che si comporti (e si aspetti che gli altri si comportino) in un modo diverso rispetto a quello in cui credi che siamo motivati ​​principalmente dal nostro interesse personale e sono trattenuti dal trarre vantaggio dagli altri solo da un sistema di legge punitiva. La verità, naturalmente, è che ci sono tra di noi, forse l'1 per cento della popolazione, persone senza coscienza che passano la vita a sfruttare i loro concittadini. Questi sono i sociopatici contro i quali dobbiamo proteggerci. (La loro incidenza nelle popolazioni carcerarie è di circa il 25%.) Rispondono solo a conseguenze negative e sono quindi pericolose per le persone che li circondano. Sfortunatamente, la loro incessante ricerca del proprio interesse personale combinata con le loro personalità lucide e sfruttatrici a volte li inducono a salire ai vertici nelle attività politiche e commerciali. La loro incidenza tra dirigenti e politici di successo è stata stimata al 4%.

La maggior parte delle nostre paure sul comportamento sociopatico si concentrano sulle nostre apprensioni personali. Le persone sopravvalutano regolarmente la prevalenza del crimine e hanno timori esagerati di essere vittimizzati. È facile capire perché dal crimine ci sono notizie interessanti e interi canali via cavo sono dedicati a ritrarlo. La nostra paura della violenza guida il dibattito sulla necessità per ogni cittadino di portare armi anche in luoghi come chiese o campus universitari, anche se le nostre possibilità di difenderci sono minime. (Uno armato di spettatore alle riprese del Congresso Giffords del 2011 e altri in Arizona hanno quasi sparato alla persona sbagliata.)

I difetti di segnale nei disturbi di personalità autoassorbiti come il narcisismo e la sociopatia sono un'assenza di coscienza o di empatia nelle persone con questi tratti. La maggior parte delle preoccupazioni delle persone riguardo al comportamento criminale sono dirette a singoli atti di violenza. Quello che dovremmo davvero desiderare di discernere sono i casi in cui le persone al potere, che hanno la capacità di influenzare la vita di milioni di persone, mostrano abitualmente deficit nella loro capacità di sentire battiti del cuore diversi dai loro. Siamo intrattenuti dalle ipocrisie di politici, star del cinema e persone di ricchezza, specialmente quando assumono la forma di infedeltà sessuale. Perché i trasgressori, quando vengono esposti, così spesso risultano essere coloro che hanno giudicato le trasgressioni o le vite sessuali degli altri? Esiste una connessione tra una pubblica promulgazione di "valori familiari" e un desiderio privato di vivere in modo diverso?

Di tutti i modi in cui tradiamo noi stessi e le persone intorno a noi l'infedeltà sessuale è una delle più comuni e consequenziali. E in gran parte è guidato dalla paura: la paura del processo di invecchiamento con la sua implacabile perdita di attrattiva fisica, la paura che non abbiamo nelle nostre vite ha avuto la nostra parte di sesso romanzo, la paura che altri possano divertirsi più di noi. Il ritratto delle relazioni nel nostro divertimento e tra quelli pagati per intrattenere noi è destinato a lasciare molti con la sensazione di aver vissuto vite inibite con poche opportunità di soddisfare i loro desideri sessuali. Poiché il sesso vende, siamo bombardati da immagini di gioventù e bellezza che sembrano allettanti fuori dalla portata della maggior parte di noi.
Non ci viene insegnato dai nostri genitori o dalla cultura che un buon sesso si verifica nel contesto di una relazione in cui i partecipanti si preoccupano di se stessi e di entrambi allo stesso modo. Invece siamo spaventati dai divieti, religiosi e non, che rendono solo più eccitante il frutto proibito delle relazioni extraconiugali. Poiché Adamo ed Eva non potevano resistere alla partecipazione alla conoscenza del bene e del male, così troviamo il modo di bruciare le nostre vite in cenere sull'altare dell'infedeltà. Alcuni addirittura sostengono che le persone, come la maggior parte degli animali, non sono "cablate" per la monogamia. Gli spettacoli televisivi celebrano la poligamia, anche se si deve dire che è un'istituzione specifica per genere: un uomo, più mogli, che solleva interrogativi sul ruolo dei diritti maschili nel costruire razionalizzazioni religiose per questo. E ci troviamo di fronte alla domanda dietro tutti i giudizi morali: chi, se qualcuno, viene ferito? Se le mogli, come affermano di essere, sono contente della disposizione e sono state in grado di gelare le ciglia, allora qual è il danno in ogni definizione alternativa di ciò che costituisce una relazione? Forse tali accordi sono semplicemente un altro sintomo, come l'alto tasso di divorzi, del declino del matrimonio convenzionale?

Eppure ci aggrappiamo all'ideale degli impegni monogami anche se la metà dei nostri primi affondi al matrimonio non dura. L'ideale di un'altra persona che ci ami come siamo, tornando a casa da noi ogni notte, essendo disposti ad avere figli con noi e acconsentendo a invecchiare insieme sembra avere una presa fissa sui nostri sogni. Quindi cerchiamo una persona simile dal momento in cui siamo giovani senza sapere esattamente chi stiamo cercando. Che il processo sia incline agli errori, al crepacuore e al secondo tentativo è scoraggiante ma inevitabile. Sappiamo che siamo nati da soli e moriremo soli, ma la solitudine nel tempo tra questi eventi è intollerabile e così continuiamo a cercare l'un l'altro in quello che mi piace definire "la ricerca dello straniero perfetto". Alcuni sono abbastanza fortunati per trovare quella persona, il resto si ferma nel nulla nello sforzo. Se solo avessimo un'idea migliore di chi stiamo cercando, potremmo avere una migliore possibilità di prepararci a trovarlo, e rispondere alla domanda che ci guida: due persone imperfette possono creare un rapporto perfetto che li ispirerà a abbandonare tutti gli altri, non come un obbligo, ma come un dono?

Solutions Collecting From Web of "La paura si nasconde dietro il perfezionismo"