La nuova timidezza

Crescendo nel Bronx devi avere una pelle spessa. Ciò ha reso difficile per mio fratello minore George, che era timido.

George era così timido da portare in classe un sacchetto di carta in testa. Voleva connettersi con gli altri bambini, non sapeva proprio come. Nascondersi in realtà lo faceva sentire più a suo agio nel suo ambiente.

Era ciò che è noto come disposatively timido. La timidezza delle disposizioni implica la paura del rifiuto essendo socialmente inaccettabile per certi gruppi o individui sociali, come il proprio gruppo di pari, le autorità o coloro che una persona vuole impressionare, come i membri dell'altro sesso.

Negli ultimi decenni la timidezza si è evoluta. La timidezza ora gioca un ruolo chiave nel complesso ciclo causale tra l'isolamento sociale autoimposto di molti giovani e il loro eccessivo tempo trascorso in mondi virtuali come videogiochi e porno.

Negli anni '70 e '80, quando ho aperto la strada allo studio scientifico della timidezza tra adolescenti e adulti, circa il 40 per cento della popolazione statunitense si considerava come una persona timida o timida.

Una percentuale uguale ha riferito di essere stata timida in passato, ma aveva superato il suo impatto negativo. Il 15 per cento in più ha dichiarato che la loro timidezza è stata indotta a livello di situazione, come ad esempio appuntamenti al buio o esibizioni pubbliche. Quindi solo il 5 percento circa erano veri-blu mai-timidi.

Negli ultimi trenta anni, tuttavia, tale percentuale è aumentata. In un sondaggio del 2007 condotto da Shyness Research Institute presso l'Indiana University Southeast, l'84% dei partecipanti ha dichiarato di essere timido a un certo punto della propria vita, il 43% ha dichiarato di essere timido e solo l'1% ha dichiarato di non essere mai stato timido. Due terzi di coloro che erano attualmente timidi hanno detto che la loro timidezza era un problema personale!

La profonda paura del rifiuto sociale è aumentata in parte come risultato della tecnologia, che minimizza l'interazione sociale diretta, faccia a faccia, come conversare con altre persone, cercare informazioni, fare acquisti, andare in banca, ottenere libri della biblioteca e molto Di Più.

La rete fa tutto per noi più velocemente, in modo più accurato e senza bisogno di creare connessioni sociali. In un certo senso, la comunicazione online consente ai più timidi di facilitare il contatto con gli altri nell'ambito della comunicazione asincronistica.

Ma credo che in questo modo sia più difficile creare connessioni reali, alimentando un ciclo di isolamento sociale. Come ha notato uno dei ricercatori dello studio del 2007, Bernardo Carducci:

… i cambiamenti tecnologici stanno influenzando la natura della comunicazione interpersonale, in modo che stiamo vivendo interazioni elettroniche più strutturate e interazioni sociali meno spontanee dove c'è l'opportunità di sviluppare e praticare abilità interpersonali, come negoziare, fare conversazione, leggere il linguaggio del corpo e segnali facciali , che sono importanti per fare nuove amicizie e favorire relazioni più intime.

La nuova razza di timidezza non nasce dal voler raggiungere ma dal timore del rifiuto sociale facendo una pessima impressione, ma, piuttosto, non volendo fare contatto sociale per non sapere come, e poi allontanarsi ulteriormente dagli altri, più fuori di pratica si ottiene.

Philip Zimbardo
Hacked Maslow? La realtà virtuale consente agli utenti di aggirare le esigenze di amore e appartenenza per soddisfare le esigenze di stima.
Fonte: Philip Zimbardo

Così, questa nuova timidezza viene continuamente rinforzata, interiorizzata e, peggio, non riconosciuta nemmeno quando porta all'assenza di contatto con la maggior parte delle altre persone. E molte persone timide si comportano in modo imbarazzato o inappropriato con colleghi, superiori, in situazioni non familiari e in interazioni uno-contro-sesso opposte.

Quindi, a parte l'aumento della timidezza, ciò che è diverso oggi è che la timidezza tra i giovani, in particolare i giovani, è meno una paura del rifiuto e di più sull'imbarazzo sociale fondamentale – non sapere cosa fare, quando, dove o come.

La maggior parte dei giovani sapeva come ballare ed erano in grado di coinvolgere le giovani donne in argomenti di conversazione neutrali. Ora non sanno nemmeno dove cercare un terreno comune, e vagano per il paesaggio sociale come turisti in una terra straniera incapaci e non disposti a chiedere indicazioni.

Molti di loro non conoscono il linguaggio del contatto facciale, l'insieme di regole non verbali e verbali che consentono a una persona di parlare e ascoltare confortevolmente qualcun altro e indurli a rispondere in modo diverso.

L'assenza di tali abilità sociali critiche, essenziali per la navigazione in situazioni sociali intime, incoraggia una strategia di ritirata, andando a prova di fallimento. Le ragazze e le donne uguagliano il probabile fallimento; sicuro è uguale al ritiro in mondi online e fantasy che, con la pratica regolare, diventano sempre più familiari, prevedibili e, nel caso dei videogiochi, più controllabili.

Una sorta di timidezza distorta si è evoluta mentre il sé digitale diventa sempre meno simile all'operatore della vita reale. L'ego è il playmaker; il personaggio è l'osservatore, poiché il mondo esterno si riduce alla dimensione della camera da letto di un giovane. Da qui il fenomeno mondiale di hikikomoris, NEET, bamboccioni, ecc.

In questo modo, possiamo dire che la timidezza è sia una causa del problema, sia una delle conseguenze dell'uso eccessivo di giochi e pornografia. Come un giovane del nostro sondaggio per Man, Interrupted ha commentato:

Io gioco ai videogiochi e guardo regolarmente la pornografia … ma ho sempre avuto un aspetto normale e ho odiato il fastidioso aspetto di dover fare lo sforzo di placare il sesso opposto. È costoso, confuso e raramente di successo. Mi sento come se i rapporti personali con qualsiasi ragazza / donna che ho conosciuto non significassero nulla per me e possano essere facilmente sostituiti con una compagnia maschile, mentre la pornografia riempie il resto.

Per affrontare questa nuova timidezza, dobbiamo coinvolgere nuovamente i giovani sfidandoli e ricompensandoli in modi che devono essere nel mondo reale.

Negli ultimi decenni la società si è concentrata sul potenziamento di ragazze e donne, che è stato molto necessario. Ma durante questo periodo, i bisogni dei ragazzi sono stati in gran parte trascurati. Nessuno ha visto investire nel loro sviluppo come "ne vale la pena" – ora molti di loro non vedono il loro ritorno nel mondo reale come se ne valesse la pena.

La società deve mostrare ai giovani che sono amabili e desiderabili – in sostanza dimostrano loro che valgono la pena di essere umani – se vogliamo vederli ricollegare, piuttosto che dis-connettersi, con la società in generale.

Solutions Collecting From Web of "La nuova timidezza"