La nostra ossessione per "Mi piace" – Parte 1

L'abbiamo fatto tutti, sfiorato il nostro feed di notizie e gli aggiornamenti di Facebook, e impulsivamente colpito "mi piace".

Ma oltre al fatto che è così facile da usare, cos'è esattamente che troviamo così irresistibile in questa piccola, apparentemente innocua funzione? E perché siamo così costretti ad amare persone, aggiornamenti e media online?

Secondo il Centro assistenza di Facebook, un simile è "un modo per dare feedback positivi o per connettersi con le persone a cui tieni." Le statistiche di recente pubblicazione indicano che oltre 65 milioni di utenti piacciono quotidianamente, e sebbene sia generalmente più popolare tra i giovani utenti , le persone di tutte le età sembrano divertirsi premendo il pulsante Mi piace.

Il fatto che sia un elemento così popolare delle funzionalità della piattaforma è molto importante per dimostrare quanto sia importante, sia per chi lo invia, sia per chi lo riceve.

Cosa c'è dietro la nostra ossessione per come?

Like è diventato molto più di una reazione positiva verso un post o un aggiornamento; si è evoluto in un feedback verso la persona stessa. Come regola generale, più ti piace, più amerai sentirai. Infatti, secondo l'antropologo Krystal D'Costa, il pulsante Mi piace è diventato così influente come uno strumento, che può aumentare o distruggere il proprio ego in effetti è diventato "un'estensione del proprio personale digitale". Non solo, ma altri ricercatori hanno dimostrato che la comunicazione basata sugli stessi diminuisce la sensazione di solitudine, poiché trasmette un senso di empatia e cura.

Dal punto di vista del mittente, l'invio di un mi piace può avere lo stesso effetto di sorridere o pronunciare una parola gentile a qualcuno. È fondamentalmente un modo molto semplice, a basso costo per comunicare un feedback positivo.

Allora perché ci piacciono le cose? Le persone inviano complimenti quotidianamente per tutta una serie di motivi, tra cui alcuni più strategici, come il fatto di voler apparire carini, di "succhiare" qualcuno o di ottenere qualcosa in cambio ("Sei così bello oggi … Può Prendo in prestito la tua auto? "). Fare i complimenti a una persona è letteralmente inestimabile : non ti costa nulla e può essere realizzato con il minimo sforzo. Non devi nemmeno intenderlo – le persone amano ricevere complimenti anche se sono molto consapevoli del suo uso manipolativo. Di fatto, portato all'estremo, pagare un complimento è un'opportunità "legittima" di mentire, il che è qualcosa che le persone inconsciamente tendono a divertirsi facendo di tanto in tanto.

Oltre a trasmettere un segnale positivo, l'atto di gradire qualcosa è la prova della propria esistenza nel regno online. I commenti affiliati a simili "firme" in realtà costituiscono la tua reputazione online e apprezzano le stesse cose che già all'interno della nostra rete riaffermano la nostra connessione con il gruppo, identificando i punti che abbiamo in comune. E c'è, naturalmente, la speranza che un favore venga ricambiato mi è piaciuto il tuo post, ora devi piacerti il ​​mio.

Negli ultimi anni, l'opportunità di apprezzare qualcosa o qualcuno si è diffusa al di fuori dei confini di Facebook verso altri siti. Si può premere come dopo aver letto un notiziario, acquistato un accessorio o guardando un film. In questi casi, il piacere di qualcosa è un'indicazione della soddisfazione del consumatore con il prodotto o il contenuto, in cui simili diventano un modo per comunicare le proprie opinioni e pensieri ad altri utenti virtuali che non hanno mai incontrato prima.

I tuoi Mi piace rivelano di più su di te di quanto pensi.

A parte l'impatto psicologico positivo di Facebook, come una funzione non è certamente privo di problemi. Nella primavera del 2013, una ricerca condotta da psicologi dell'Università di Cambridge ha colto il coperchio su come questa registrazione digitale facilmente accessibile del tuo comportamento possa essere utilizzata (in definitiva senza il tuo consenso) per estrarre informazioni personali sensibili su di te il tipo di informazioni che potresti non condividere nemmeno con i tuoi amici più cari.

Nello studio, oltre 58.000 volontari hanno fornito consensualmente i loro Mi piace su Facebook, profili demografici dettagliati e i risultati di numerosi test psicometrici. Usando la regressione logistica / lineare, i ricercatori sono stati in grado di predire i singoli profili psico-demografici semplicemente dai loro simili. In poche parole, hanno scoperto che i tuoi gusti possono rivelare tutto dal tuo orientamento sessuale, i tratti della personalità e il QI, alla tua razza, età e sesso. Possono prevedere le tue opinioni religiose e politiche, se i tuoi genitori sono separati, quanto sei felice e anche se usi sostanze di dipendenza o no.

Ma cosa spinge le persone ad apprezzare le cose al di fuori dei confini delle mura di Facebook se l'azione non è accompagnata da una ricompensa sociale? Scoprirai la risposta nella seconda parte di questo blog.

Solutions Collecting From Web of "La nostra ossessione per "Mi piace" – Parte 1"