La nostra "dipendenza" non-americana verso la famiglia reale

Ovunque si gira in questa più antica delle democrazie, si vedono i media schiavizzare i "Royal", per lo più i Royal britannici. Questi Royals, la cui famiglia fu scaricata dal paese 229 anni fa a costo enorme delle vite americane, hanno potere, potere ereditario, come dimostrano il nostro forte interesse, il tempo mentale speso e la reazione a tutto ciò che fanno. Sembrano essere persone molto simpatiche, ma i tempi e i soldi dei media spesi per coprire le loro vite potrebbero sicuramente essere spesi meglio in storie che coprono persone che sono nate dal nulla e diventano qualcosa, forse superando grandi probabilità e facendo del bene – ricorda, l'ideale americano !

Ma non deve essere. L'au courant Daily Beast / Newsweek ha anche una rubrica, aggiornata ogni giorno, "The Royalist", che riporta "su tutti gli aspetti della famiglia reale britannica". Quasi tutti i media americani hanno ceduto alla dipendenza da Royal e se queste persone di origine ereditaria il privilegio di una vita non imparziale mai abbellire le nostre coste, siamo estasiati! Le porte della Casa Bianca sono spalancate per questi fornitori di privilegi, demotivando quegli americani comuni che lavorano duramente e sacrificano potentemente, ma non riceveranno mai quell'invito personale nella casa degli Stati Uniti.

Un atto rivoluzionario contemporaneo, degno dei risultati di un seggio al Trattato di Parigi, di un uomo la cui vita e morte hanno ricevuto una copertura meno dettagliata nei media americani rispetto al vestito da sposa di Kate Middleton, si è svolto in Tunisia, il 4 gennaio 2011. Mohamed Bouazizi, un oscuro venditore di frutta, padre e capofamiglia della stessa età del principe William, che lavorava per $ 10 al giorno, si è dato fuoco per protestare contro la dittatura tunisina. Era un eroe che ha compiuto il più grande sacrificio che si possa fare per una grande causa e ha contribuito a dare inizio alla magnifica lotta del XXI secolo per la libertà da dittatori e monarchie, una lotta per realizzare un sogno di democrazia, come l'America fece tanti anni fa nella rivoluzione americana.

Le monarchie e molte dittature sono basate sul privilegio ereditario, in cui i leader sono scelti dalla possibilità di nascere e non dai loro sforzi, abilità, abilità o realizzazioni, cioè dalla loro psicologia. Questo è il vecchio ordine medievale. Le monarchie sono un simbolo contro i principi democratici ed egualitari, una sorta di antitesi della grande lotta centrale del XXI secolo.

Anche se una monarchia contemporanea ha apparentemente poco potere, può di fatto avere un potere significativo, una persuasione psicologica e una presa sull'attenzione e sulla percezione della gente di ciò che costituisce una società libera ed egualitaria, oscurando il principio così importante delle pari opportunità per tutti , il valore dell'iniziativa individuale, il duro lavoro e la motivazione nel creare una buona vita. Tutti questi valori possono essere distorti quando ci genuflettiamo con royalty e privilegi ereditati.

La semplice presenza di qualsiasi monarchia nel XXI secolo, con o senza potere, è il simbolo sbagliato per le culture sempre più sofisticate, illuminate, istruite, cognitive che danno speranza per l'espansione globale della democrazia. La storia della democrazia non sarà completa finché tali forme di leadership ereditaria non saranno passate nei libri di storia.

I nostri amici britannici possono naturalmente fare quello che vogliono, anche aggrappandosi alle ultime vestigia di pompa e privilegio medievale. Ma l'America ha rappresentato per molti un faro di libertà, opportunità per tutti e uguaglianza. Spero che la nostra implacabile ossessione per le vite di Royals finirà presto e più tardi, e che nel migliore dei casi si realizzerà una riflessione sulla continua importanza del sogno americano, sul significato della storia e sulla promessa di questo nuovo secolo.

Solutions Collecting From Web of "La nostra "dipendenza" non-americana verso la famiglia reale"