La nostra crisi di rabbia: la rabbia ci eleva tirando giù gli altri?

Quarto in una serie di post su quale filosofia può contribuire a comprendere e affrontare la rabbia (parte III qui)

Rivediamo rapidamente gli ultimi due post di questa serie: Martha Nussbaum ritiene che la rabbia sia una reazione problematica, una che dovremmo sradicare se possibile. Nell'ultimo post, abbiamo considerato la sua argomentazione che nella misura in cui la rabbia ci porta a volere vendetta contro coloro che ci hanno fatto torto, la rabbia è incoerente: la vendetta su coloro che ci taccia non porterà indietro le perdite causate dalle loro azioni. Proposi che, pur credendo che il recupero possa restituirci ciò che abbiamo perso è fuorviato, la rabbia potrebbe non essere così inutile come suggerisce Nussbaum. La rabbia – e il recupero che ci porta a cercare – può invece riflettere il desiderio che coloro che ci trattano ingiustamente non possano beneficiare della loro ingiustizia.

Geralt, via pixabay
Fonte: Geralt, via pixabay

Ora passiamo all'altra possibile motivazione o scopo di rabbia di cui parla Nussbaum, che definisce la strada dello status . Qui il punto di rabbia non è cercare di riguadagnare ciò che un trasgressore ci ha fatto con un esatto rimborso. Piuttosto, la strada dello status vede la rabbia come un modo per mettere il malfattore e la sua vittima su un campo di gioco uguale.

Quando una persona viene trattata ingiustamente, un messaggio implicito dietro a questo maltrattamento è che la vittima non è moralmente significativa come il trasgressore. Quelli che ci sbagliano sembrano dire: "non importa quanto io – dopo tutto, guarda le cose terribili che sono disposto a farti (e probabilmente non vorrai soffrire me stesso)." Su questa immagine le vittime delle ingiustizie personali non sono tanto danneggiate quanto umiliate o degradate, collocate su un rango inferiore della gerarchia sociale. Quando, per rabbia, desideriamo fare del male a coloro che ci hanno fatto del male, speriamo che la persona sia ugualmente umiliata o degradata. Avendoci abbassato il grado della gerarchia sociale, il trasgressore viene poi abbassato di grado in modo che ora ci troviamo, almeno simbolicamente, sullo stesso piano morale. La rabbia, come Nussbaum comprende la strada dello status, può lavorare per ripristinare lo stesso status tra due individui la cui uguaglianza è stata interrotta da uno di loro che maltratta l'altro.

Incorpora da Getty Images

Nussbaum pensa che la strada dello status sia "non stupida o facile da liquidare". Tuttavia, sostiene che c'è qualcosa di "moralmente sospetto" su come la strada dello status giustifichi rabbia e rimborso. La strada dello status, afferma,

trasforma tutte le lesioni in problemi di posizione relativa, facendo in modo che il mondo ruoti attorno al desiderio di sé vulnerabili per il dominio e il controllo. Poiché questo desiderio è al centro del narcisismo infantile, penso che questo sia un errore narcisistico

Sperando che quelli che ci hanno trattato ingiustamente finiscano per nuocere in modo tale che saremo in condizioni uguali con loro è un sintomo di auto-assorbimento, secondo Nussbaum. Dovremmo essere molto meno preoccupati di dove siamo nella comunità rispetto a perseguire la giustizia.

Secondo me, probabilmente Nussbaum è corretto nel fatto che sperare che coloro che ci fanno torto subiscano un danno in modo tale da non essere più in grado di "superarci" simbolicamente non è una sana risposta alle azioni illecite. In effetti, penso che Nussbaum potrebbe anche essere un po 'troppo caritatevole per questa posizione.

Per uno, come Nussbaum descrive il desiderio in questione, è un desiderio di abbassare un trasgressore perché un trasgressore (almeno simbolicamente) ti abbassa. Trattandoti ingiustamente, un trasgressore trasmette un falso messaggio sul tuo status relativo – che non consideri come suo morale uguale. Il Nussbaum sembra supporre che nel ferire il trasgressore, abbatti il ​​colpevole di un piolo o due e così trasmetti il ​​vero messaggio che sei uguale morale. Ma trovo questo pensiero sconcertante. Nussbaum fa sembrare che la vittima dell'ingiustizia debba provare vergogna e dovrebbe quindi desiderare di portare un malfattore "giù" al suo livello. Eppure, in verità, il trasgressore, non la sua vittima, dovrebbe provare vergogna. Forse una migliore risposta alla propria rabbia, quindi, è cercare di contrastare la prospettiva della vergogna "elevando" se stessi piuttosto che portando il colpevole al ribasso. Invece di cercare il rimborso, potremmo affermare la nostra uguaglianza attraverso azioni che dimostrano il nostro valore. Forse l'obiettivo dovrebbe essere quello di celebrare o convalidare le vittime dell'ingiustizia anziché danneggiare i perpetratori di ingiustizia.

Una seconda preoccupazione che nutro per la critica di Nussbaum sulla strada dello status è simile a una preoccupazione che ho sollevato circa la sua ragione per respingere la strada del recupero, vale a dire, la sua affermazione che il desiderio di danneggiare coloro che ci sbagliano deve essere motivato dal desiderio di degradare o denigrare un trasgressore in modo da far valere la nostra uguaglianza. Come lo vede Nussbaum, questo desiderio è moralmente problematico perché è narcisistico. Ma dubito che questo desiderio sia ciò che motiva la rabbia, o è il motivo più moralmente difendibile dietro la rabbia. Ho suggerito nel post precedente che la rabbia e il desiderio di "ripagamento" possono in realtà poggiare su un desiderio più moralmente rispettabile, vale a dire che gli altri non traggono beneficio dalle loro azioni illecite. Molto gravemente, quelli che ci fanno torto non dovrebbero soffrire perché la loro sofferenza ripristinerà i beni che hanno preso da noi, o perché ciò pone il malfattore e la sua vittima (o sue vittime) su un piano morale uguale. Piuttosto, dovrebbero soffrire perché non è giusto che traggano beneficio dalla loro ingiustizia. Ma, contro Nussbaum, questo desiderio non sembra essere narcisistico, radicato in fantasie infantili di dominazione e controllo.

Il Nussbaum lotta (mi sembra) per trovare un modo moralmente difendibile di comprendere la rabbia e il desiderio di retribuzione che motiva che spiega anche come sia solitamente la rabbia personale. Ma radicare il desiderio rabbioso di retribuzione nel desiderio che coloro che si impegnano in azioni illecite non ne traggano beneficio rende questo desiderio sia moralmente legittimo che profondamente personale. Come membro di una comunità di presunti equivoci morali, posso entrambi avere un impegno di principio che gli altri non traggano beneficio dalle loro azioni illecite e un senso profondamente personale del fatto che il loro beneficio sia particolarmente offensivo per me. E questo desiderio non sembra riflettere alcuna illusione che il mondo sia intrinsecamente giusto o soggetto al controllo di una persona o che abbia diritto a preoccupazioni speciali.

Ancora una volta, sospetto che Nussbaum tragga conclusioni plausibili dalla sua analisi della rabbia, delle sue motivazioni e dei suoi obiettivi – ma sono meno convinto che la sua analisi sia azzeccata.

Nel prossimo post, considereremo alcuni altri punti critici che Nussbaum fa sulla rabbia, in particolare, che la rabbia non è necessaria per proteggere la nostra dignità e il rispetto di noi stessi.

Solutions Collecting From Web of "La nostra crisi di rabbia: la rabbia ci eleva tirando giù gli altri?"