La nostra conoscenza è limitata

"I mistici esultano nel mistero e vogliono che rimanga misterioso", scrive Richard Dawkins. "Gli scienziati esultano nel mistero per una ragione diversa: dà loro qualcosa da fare". Questo, in poche parole, è il mio testo per il sermone di oggi.

Anche se alcune persone hanno suggerito che ci stiamo avvicinando alla "fine della scienza" – cioè, un momento in cui tutte le grandi domande sono state risolte, lasciando solo le piccole cose da risolvere – la realtà è diversa: la nostra conoscenza è ancora molto limitata , che lascia l'impresa scientifica più incompleta e, quindi, più eccitante che mai.

Penso qui a un solo aspetto della scienza – la biologia evolutiva – e, inoltre, solo un piccolo sottogruppo di quella grande impresa: la parte che riguarda la nostra specie, l'Homo sapiens. La ragione, a proposito, che la nostra conoscenza è più incompleta che mai non è perché siamo in qualche modo scivolati indietro, ma piuttosto, perché più impariamo, più scopriamo quanto più dobbiamo imparare! Newton notoriamente ha scritto che se avesse visto lontano era perché stava sulle spalle dei giganti; per lo stesso motivo, più la scienza vede, più il territorio sconosciuto viene in vista. Questa è la natura e l'eccitazione della scienza stessa.

E ironicamente, noi Homo sapiens siamo entrambi soggetti e oggetto di gran parte di questo inconsapevole.

"Conosci te stesso"? Più facile a dirsi che a farsi, soprattutto perché più ne sappiamo, più scopriamo quanto resta ancora da imparare. Lungi dall'essere scoraggiante, spero che questo sia considerato sia una ricompensa per le realizzazioni passate e, non meno, una sfida per fare di più. Chi vuole leggere di un argomento quando la scienza ha già "chiuso il libro" su di esso? La maggior parte degli articoli e dei libri sulla scienza, tuttavia, sono proprio questo: Conti di ciò che è già stato appreso. Questo breve articolo del blog e il libro da cui deriva sono diversi; parlano di misteri, di ciò che non sappiamo. Ancora.

The Collins Dictionary (2003) definisce il mistero come "un evento inspiegabile o inesplicabile, fenomeno, ecc.", Che sembra abbastanza ragionevole … fino a quando non ci pensi. Per un evento o un fenomeno essere inspiegabili è una cosa, ma essere inspiegabili è un'altra cosa. Se qualcosa è veramente inspiegabile, è al di là della possibile comprensione della comprensione umana e quindi è probabile che si adatti a una definizione teologica piuttosto che scientifica del mistero: qualcosa di inconoscibile se non attraverso la rivelazione divina, come il modo in cui il vino viene "misteriosamente" trasformato nel sangue letterale di Cristo durante l'Eucaristia.

Lasciami posare le mie carte sul tavolo qui e ora. Non credo nei misteri teologici, o meglio, credo che siano semplicemente dei modi di vestire l'insensatezza in un modo ingannevole. La questione, quindi, non è l'inesplicabile, ma piuttosto l'inspiegabile, le cose sugli esseri umani che sono attualmente sconosciute ma che rientrano nella portata potenziale della scienza. Dopotutto, il mondo reale pone in abbondanza veri e propri misteri, cioè enigmi che non sono ancora suscettibili di comprensione, ma che possiamo essere sicuri che saranno portati a termine, a volte in futuro.

La scienza, ovviamente, è nel business di fare proprio questo, rispondendo alle domande sul mondo naturale, incluso l'Homo sapiens. E poiché la natura non rivela prontamente i suoi segreti, gli scienziati sono comprensibilmente orgogliosi ogni volta che risolvono uno dei suoi numerosi enigmi. Di conseguenza, insegniamo corsi, teniamo lezioni e occasionalmente scriviamo libri il cui obiettivo è condividere questi trionfi. Dopo tutto, sono duramente conquistati e spesso immensamente utili. Nessuno, quindi, dovrebbe supplicarci di fare un giro alla vittoria di tanto in tanto.

Ma proprio come la corsa non è sempre rapida, né la battaglia per i forti (Ecclesiaste 9:11), gli applausi della folla non sempre dicono che la corsa è finita, o che la battaglia è vinta.

Ho insegnato corsi di scienze a livello universitario e universitario per quarant'anni, e non sono meno colpevole dei miei colleghi nel fornire quella che potrebbe essere una prospettiva ingannevole sulla scienza. Come chiunque altro, insegno ciò che è noto, spesso a rischio di ingannare gli studenti nel pensare che la scienza di oggi è un catalogo di fatti consolidati e comprensibili: così le cellule metabolizzano i carboidrati, così funziona la selezione naturale, ecco come le informazioni codificato nel DNA è tradotto in proteine. La realtà, naturalmente, è che sappiamo molto su come le cellule metabolizzano i carboidrati, come funziona la selezione naturale e così via. Ma un'altra realtà parallela è che c'è molto di più che non sappiamo … e pochi corsi che parlano di questo. (Uno di questi giorni, disegnerò un corso intitolato "Quello che non sappiamo della biologia", sperando che i miei colleghi di chimica, fisica, geologia, matematica, psicologia e simili si uniscano al divertimento.)

Ma fino ad allora, dobbiamo arrangiarci. Questo è esattamente ciò che ho tentato nel mio libro più recente, Homo Mysterious: Evolutionary Mysteries of Human Nature , appena pubblicato dalla Oxford University Press. Il suo obiettivo è lo stesso che spingo ai miei studenti: Capire ciò che è già noto, ma non come un fatto statico compiuto. Piuttosto, fallo con un occhio per esplorare ciò che non è noto, quegli affascinanti misteri evolutivi che rimangono da risolvere. E così, ho tentato di esaminare le ipotesi più promettenti che circondano domande come queste:

• Perché l'omosessualità persiste? Dato che, a conti fatti, gli omosessuali di entrambi i sessi producono meno bambini rispetto ai rettilinei, questo è un mistero evolutivo di prima classe.

• Perché le donne hanno le mestruazioni? Alcune mammelle femminili sanguinano un po 'a metà del ciclo, ma non in modo cospicuo come l'Homo sapiens.

• Perché le donne hanno un seno prominente non in lattazione? Siamo l'unica specie di mammiferi così dotati.

• Perché le donne sperimentano l'orgasmo? Le donne non orgasmiche non hanno meno successo delle loro controparti orgasmiche, quindi qual è il suo profitto in termini di fitness?

• Perché gli uomini vivono costantemente vite più brevi delle donne? Allo stesso modo, perché sono più pelosi sulla maggior parte del loro corpo, eppure meno sulla parte superiore delle loro teste?

• Perché è vicino a un "universale interculturale" per le donne ad adornare i loro corpi più degli uomini? Tra la maggior parte degli animali, è il contrario.

• Perché le donne si sottopongono alla menopausa? È estremamente raro in altri animali che le donne smettano di ovulare quando hanno ancora molta della loro vita davanti a loro.

• Perché la religione è presente in tutte le società umane? In breve, quali sono le presunte compensazioni che compensano i costi personali associati alla pratica di quasi tutte le religioni.

• Perché le persone fanno arte (inclusi musica, poesia, storie, arte visiva, scultura, danza e così via)? Alfred Russel Wallace pensava che ciò richiedesse un intervento divino; Darwin non è d'accordo.

• Perché gli esseri umani sono coscienti? Dopotutto, è possibile immaginare un mondo di robot intelligenti o zombi, che vanno in giro per la loro attività di miglioramento della forma fisica senza la minima consapevolezza di ciò che stanno facendo.

• Perché abbiamo sviluppato un cervello così grande? Era al servizio della comunicazione, dell'uso degli strumenti, della competizione sociale, della competizione bellica, dell'attrazione sessuale, ecc.?

• La specie umana si è evoluta in molte regioni geografiche diverse e poi si è coalizzata, o ci siamo evoluti in un unico luogo (probabilmente l'Africa), e successivamente si sono diffusi.

• Perché siamo diventati bipedi? E allo stesso modo, perché siamo diventati così (relativamente) senza pelo rispetto ad altri mammiferi?

• Perché ridiamo, piangiamo, arrossiamo, sogniamo?

• Quali sono le fonti biologiche – se esistono – dei giudizi e delle regole etiche umane?

• In che misura le razze umane sono realtà biologiche o costrutti sociali?

Questa è solo una lista di partenza. I più grandi misteri evoluzionari, paradossalmente, sono quelli che non siamo attualmente in grado di elencare. Proprio come alcune mappe medievali utilizzate per designare regioni sconosciute con la frase "hic sunt dragons" (Qui ci sono i draghi), una mappa moderna delle nostre terre inesplorate potrebbe concludere "hic sunt mysteria".

Felice esplorazione!

Solutions Collecting From Web of "La nostra conoscenza è limitata"