La neuroscienza di … Tutto!

C'è qualcosa che si può leggere in questi giorni che non riguarda la neruoscienza? Potrebbe esserci qualcosa da scansionare nel tubo della risonanza magnetica? Quelle parti della vita che prima erano considerate emotive, esperienziali, sensoriali o semplicemente misteriose ora vengono scoperte e cerebralizzate da scienziati del cervello. Le neuroscienze affermano di aver infranto il codice su amore, romanticismo, sessualità, omosessualità, attaccamento, creatività, coraggio, felicità, dolore, coscienza, intuizione, moralità, appetito, essere e, naturalmente, Dio.

Neuroplasticità, reti neuronali, neurotrasmettitori, neurochimici, cortecce neuronali, reazioni sinaptiche, l'amigdala, la corteccia cerebrale, battiti bi-naturali, onde cerebrali … queste sono le parole che ora ascoltiamo quando discutiamo della vita. La scienza ha ufficialmente rapito l'esperienza umana.

Alcuni esempi: la neuroscienza ha ora dimostrato che la meditazione porta a un aumento della materia grigia nel cervello, e quindi a un migliore apprendimento e memoria. Inoltre, quella meditazione aumenta la parte del cervello che produce sentimenti di amore, compassione e perdono. L'amore, d'altra parte, è stato scientificamente dimostrato per produrre l'ormone dopamina, che crea piacere, e anche stimola la noradrenalina, che aumenta la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. Inoltre, l'amore abbassa la serotonina, la sostanza chimica associata alla sensazione di controllo, e quindi ora sappiamo che l'instabilità e l'ansia sono neurologicamente indotte dall'amore. In un altro laboratorio, gli scienziati hanno dimostrato che il coraggio viene creato quando viene attivata la regione prefrontale chiamata corteccia cingolata sottogengivale, in modo da smorzare le risposte corporee alla paura. Dai un nome all'esperienza, ora possiamo dimostrare che esiste biologicamente, come esiste e perché esiste.

Ho meditato per molti anni. So, dalla mia esperienza personale, che la pratica mi fa sentire più compassionevole, spazioso, radicato e presente. Mi sono anche innamorato. So che l'amore mi fa sentire felice, e anche a corto di fiato a volte. So che quando sono coraggioso, mi sento disposto ad affrontare la mia paura, orgoglioso e anche collegato a un senso di crescita personale. Non ho bisogno delle neuroscienze per dirmi che tutto sta accadendo, la mia esperienza mi dice che cosa è indiscutibilmente vero.

A dire la verità, non abbiamo più bisogno della nostra esperienza personale o dei sensi provati, abbiamo la scienza per dirci quello che stiamo vivendo e per confermare che è reale e credibile. Non abbiamo più bisogno di conoscere Dio, la scienza stessa è il nostro nuovo Dio.

Perché improvvisamente abbiamo bisogno di dimostrare o dimostrare che ciò che stiamo vivendo sta realmente accadendo e spiegabile, razionale, concreto. Perché ora abbiamo bisogno delle neuroscienze per confermare che ciò che stiamo vivendo soggettivamente è in realtà oggettivo? Crediamo che sapendo come appare l'amore nel cervello, come il nostro cervello risponde all'amore, saremo in grado di ricrearlo?

La nostra crescente deferenza e dipendenza dalla scienza è in parte il risultato del nostro rapporto sempre più profondo con la tecnologia. Nell'era digitale, la nostra attenzione è focalizzata perennemente all'esterno, su un dispositivo e su ciò che il dispositivo fornisce, e raramente, se mai rivolto verso l'interno, in noi stessi. Ciò a cui diamo valore e che ci interessa è ora situato da qualche parte fuori di noi, ma non più dentro di noi. La nostra esperienza personale, la nostra verità interna, non è più qualcosa che consideriamo importante, degno o persino affidabile. Il filo spinato nel nostro stesso felt sense, intuizione e profonda conoscenza è stato tagliato.

Inoltre, nel processo di capire la scienza della nostra esperienza, intellettualizzando e oggettivando il mondo soggettivo ed emotivo, stiamo rinunciando a parti estremamente importanti e gioiose dell'essere umani. Per citarne alcuni: mistero, meraviglia, stupore, umiltà del tipo che deriva dal non sapere come e perché la vita funziona: l'insondabilità di vivere questa esperienza umana.

Questa estate ho visto un tramonto mozzafiato con qualcuno che mi ha educato sulla neuroscienza della bellezza e su come lo determiniamo, proprio mentre il cielo si stava dissolvendo in una rosa shockante e una lavanda scintillante. Ciò che desideravo davvero in quel momento era di essere senza fiato, e sentire la bellezza, non sentire le sue reazioni sinaptiche. Per me, il fatto che ci sia un cielo, uno che diventa rosa e lavanda, che il rosa e la lavanda esistano, e che ci sia un "io" che riesce a vedere tutto – è abbondante.

Personalmente amo il mistero; Adoro sapere che non so tutto, che c'è qualcosa di più grande di me in gioco. Amo il senso di abbandono che arriva accettando la mia piccolezza nella vastità. Con la tecnologia, tuttavia, è arrivato il bisogno di sapere tutto, per abbattere la vita in fatti conoscibili e dimostrabili. Ma purtroppo la conoscenza della vita può ostacolare e persino sostituire l'esperienza di viverla. Craccare il codice sulla vita, sapere che sta accadendo un'esperienza, e perché, è un sostituto irrisorio per viverlo direttamente e sperimentarlo per noi stessi.

Il fatto è che non c'è niente di sbagliato nel comprendere le neuroscienze e in che modo si relaziona con la vita: è affascinante e meravigliosa. E non si tratta di seppellire la testa nella sabbia ed evitare la conoscenza. I problemi sorgono tuttavia, quando noi:

1. Inizia a credere che abbiamo bisogno di dimostrare come e perché la nostra esperienza sta accadendo per fidarsi e sapere che sta accadendo.

2. Rimanda alla scienza e assegnala con autorità, al di sopra e al posto della nostra esperienza, cuore e pancia.

3. Sostituisci la nostra conoscenza dell'esperienza per l'esperienza (sentita) stessa.

Inoltre, quando la scienza dimostra l'esistenza di un'esperienza, diciamo, che l'amore genera dopamina, che poi procura piacere, sta anche suggerendo che l'esperienza è la stessa per tutti. Ma questo è falso. Tutti noi sperimentiamo l'amore, il piacere e ogni altra emozione in modo diverso. Suggerendo che la nostra esperienza è solo un evento scientifico, solo causa ed effetto, ci stiamo derubando della squisita sottigliezza della nostra esperienza e neghiamo ciò che ci rende speciali come singoli esseri umani. Mentre le sostanze chimiche rilasciate potrebbero essere simili per ogni persona che vive un'esperienza particolare, come la viviamo, che è molto più delle sostanze chimiche, è ciò che rende l'esperienza significativa, e fa parte di ciò che ci rende ciò che siamo.

Succede qualcosa di straordinario e indescrivibile quando investigiamo e mariniamo nella nostra stessa verità – ciò che il corpo conosce. E ancor più notevole, quando apprezziamo e crediamo in quella verità, dimostrabile o no, di essere la nostra guida.

La nostra esperienza è la nostra più grande insegnante e fonte di saggezza. Non allontanarti da ciò che è per te solo perché la scienza ti dice che ha le risposte, le tue risposte. Non allontanarti dalla tua conoscenza in riferimento a un'immagine di risonanza magnetica.

In questo momento, chiediti, cosa stai vivendo? Cosa sa il tuo corpo? Cosa è vero per te? Rivolgi la tua attenzione a te stesso, alla tua esperienza unica. Ricorda che hai già le risposte a ciò che è reale e vero per te.

Per saperne di più:

  • La tecnologia ha abbattuto il tempo
  • La vera forza è sentire ciò che è
  • La tecnologia ci scoraggia?

Solutions Collecting From Web of "La neuroscienza di … Tutto!"