La neuroscienza della guerra

A volte è difficile tenere traccia di tutti i conflitti in corso nel mondo. La Russia invade la Crimea, la Siria è un incubo umanitario, la Corea del Nord continua a spuntare missili schifosi, e non dimentichiamo tutte le cose terribili che i media non coprono in Africa. Tutti questi scenari portano a indicibili sofferenze e raramente i risultati si mescolano alle motivazioni originali dell'andare in guerra. Un altro caso in Iraq.

Mentre nazioni e gruppi si comportano male, la maggior parte delle persone non lo è. Avendo viaggiato in numerosi posti del mondo, ho generalmente trovato persone civili. La maggior parte delle persone evita i conflitti quando possono perché è scomodo. Quindi la domanda è: perché evitiamo interazioni negative con gli altri, ma sembra pensare che i conflitti di massa siano spesso giustificati?

Recenti studi su come i processi umani rischiano e come funziona il cervello degli psicopatici possono far luce su questa strana congiunzione di "Non voglio essere scortese" e "lascia andare bomba". Un gruppo fuori dalla Corea (Jung, Sul, e Kim) hanno fatto un interessante studio MRI funzionale in cui le persone o hanno fatto una scommessa finanziaria per se stessi o per gli altri. I risultati hanno dimostrato che le persone usavano circuiti neurali completamente separati quando stavano prendendo decisioni rischiose per se stessi rispetto a qualcun altro. Quando si gioca d'azzardo per se stessi, uno specifico organo a forma di mandorla nel cervello noto come l'amigdala divenne attivo. Questo piccolo punto situato dietro gli occhi è fondamentale per il modo in cui elaboriamo le emozioni, i sentimenti di paura e felicità che assegniamo ad altre informazioni che arrivano nelle nostre percezioni. Quando facciamo una scommessa per qualcun altro, entra in gioco una regione diversa conosciuta come il lobo prefrontale mediale dorsale. Questa è un'area associata a una logica più fredda e al processo decisionale.

Al primo livello, grandioso, siamo emotivi quando si tratta di noi stessi e razionali quando si tratta di altri. Essere razionali è una buona cosa, giusto?

Entra nello psicopatico.

Ci sono stati numerosi studi sulla differenza tra il cervello delle persone normali e quelli dei psicopatici. La differenza fondamentale: l'amigdala. Sembra che quando uno psicopatico elabora le informazioni vi sia una significativa mancanza di attivazione all'interno dei loro centri emotivi. Possono guardare immagini molto inquietanti e l'attesa risposta cerebrale nel loro amigdala è assente. Una differenza fondamentale è che le nostre emozioni non sono solo ciò che ci fa sentire bene e male per le esperienze nella nostra vita; l'amigdala e i suoi circuiti associati sono anche essenziali per connettersi con altri umani. Quando la propria elaborazione emotiva viene attenuata, ciò porta a comportamenti scollegati, freddi e spesso criminali. Se uno psicopatico vuole qualcosa e se il modo più semplice per ottenerlo richiede di ferire qualcuno, così sia.

Riportandolo alla differenza tra non dimenticare di lasciare un suggerimento e schierare forze militari, quando interagiamo con le persone c'è un contesto emotivo necessario. Le interazioni dirette faccia a faccia coinvolgono necessariamente i nostri circuiti emotivi e in qualche misura rafforzano un comportamento civile. A riprova di ciò, pensa a come le e-mail e gli argomenti di testo diventano brutti. In parte il contesto emotivo viene spesso rimosso e la connessione perduta porta a dichiarazioni dolorose che tutti finiscono per pentirsi più tardi. Allo stesso modo, quando facciamo scelte rischiose che coinvolgono "gli altri", utilizziamo diverse risorse nel nostro cervello che possono separarci dalla nostra connessione emotiva con le persone che colpisce. Quindi, proprio come dovremmo smettere di inviare quell'e-mail fino a quando non avremo avuto il tempo di considerare le sue ripercussioni, dovremmo fermarci collettivamente per elaborare le conseguenze umane di un intervento militare. Mentre è una richiesta emotiva, è anche il meno psicopatico.

Solutions Collecting From Web of "La neuroscienza della guerra"