La neuroplasticità compromessa è legata al dolore cronico?

I neuroscienziati hanno fatto scoperte rivoluzionarie su come la neuroplasticità varia nelle persone con dolore cronico. Questi studi gettano nuova luce su come il cervello elabora il dolore e potrebbe portare a trattamenti migliori per il dolore cronico.

Il dolore cronico è comune in tutto il mondo. Si stima che oltre 100 milioni di americani siano affetti da dolore cronico. Circa il 20% degli adulti soffre di dolore cronico da moderato a severo.

Neuroplasticità è il termine usato per descrivere la capacità del cervello di cambiare strutturalmente e funzionalmente in base all'esperienza personale e all'uso. Uno dei principi fondamentali su come funziona la neuroplasticità è legato al concetto di potatura sinaptica.

La potatura neurale si basa sul fatto che le connessioni individuali all'interno del cervello vengono continuamente ricollegate o rimodellate, in base a quanto vengono utilizzate e ritenute importanti o non necessarie. Il cervello ama essere ottimizzato, ma a volte questo processo va in tilt, come può essere il caso del dolore cronico.

Il concetto di base della neuroplasticità si basa sull'idea che "i neuroni che sparano insieme, legano insieme " e "i neuroni che si spaccano, si separano ". Se ci sono due neuroni che lavorano insieme e spesso producono un impulso simultaneamente, le loro mappe corticali diventerà una rete neurale.

Questa idea funziona anche in modo opposto – i neuroni che non lavorano insieme o producono regolarmente impulsi simultanei formeranno connessioni diverse e smetteranno di comunicare. Questa è la chiave per la neuroplasticità, la potatura neurale e la connettività cerebrale.

Neuroplasticità compromessa legata al dolore cronico

"La neuroplasticità è alla base del nostro apprendimento e della nostra memoria, rendendola vitale durante lo sviluppo della prima infanzia e importante per l'apprendimento continuo per tutta la vita", afferma la dott.ssa Ann-Maree Vallence, postdottorato nel Robinson Institute dell'Università di Adelaide in Australia.

La dott.ssa Vallence ha condotto uno studio su pazienti con cefalea cronica di tipo tensivo (CTTH), un comune disturbo del dolore cronico. Il CTTH è caratterizzato da una sorda, costante sensazione di pressione o di tensione che di solito colpisce entrambi i lati della testa, che si verificano per 15 giorni o più al mese. Altri sintomi includono sonno debole, irritabilità, memoria disturbata e concentrazione e depressione e ansia.

"I meccanismi responsabili dello sviluppo del dolore cronico sono capiti male. Mentre la maggior parte delle ricerche si concentra sui cambiamenti nel midollo spinale, questa ricerca indaga il ruolo della plasticità cerebrale nello sviluppo del dolore cronico. "Il dott. Vallence presenterà i suoi risultati alla Conferenza europea di marzo 2014 sulla ricerca sul cervello in Francia.

"Le persone che vivono con mal di testa cronico e altre forme di dolore cronico possono sperimentare una ridotta qualità della vita, poiché il dolore spesso impedisce loro di lavorare, tra le altre cose. È quindi fondamentale comprendere le cause del dolore cronico, non solo tentare di trattare i sintomi con i farmaci ", afferma il dott. Vallence.

In questo studio, i partecipanti hanno svolto un'attività motoria consistente nel spostare il pollice il più rapidamente possibile in una direzione specifica. Il cambiamento delle prestazioni (o apprendimento) sull'attività è stato tracciato registrando la rapidità con cui i soggetti muovevano il pollice. È stata anche utilizzata una tecnica di stimolazione cerebrale non invasiva per ottenere una misura della neuroplasticità dei partecipanti.

"In genere, quando le persone intraprendono un compito di allenamento motorio come questo, le loro prestazioni migliorano nel tempo e questo è collegato con un cambiamento neuroplastico nel cervello", dice il dott. Vallence. "Le persone senza storia di dolore cronico hanno migliorato il compito con l'allenamento, e abbiamo osservato un cambiamento neuroplastico associato nel loro cervello. Tuttavia, i nostri pazienti con cefalea cronica non sono migliorati e non ci sono stati cambiamenti nel cervello, il che suggerisce una neuroplasticità compromessa ".

"Questi risultati forniscono una nuova e importante visione della causa del dolore cronico e potrebbero infine contribuire allo sviluppo di un trattamento più mirato per il CTTH e altre condizioni di dolore cronico", ha concluso.

Connettività alterata della rete in modalità predefinita collegata a dolore cronico

In un altro recente studio sulla neuroplasticità e il dolore cronico, i ricercatori del Brigham and Women's Hospital di Boston si sono concentrati su una specifica rete di regioni del cervello chiamata Default Mode Network (DMN). I ricercatori hanno scoperto che il DMN esibiva drammatici cambiamenti neuroplastici nella connettività neurale quando un paziente con dolore cronico si muoveva in un modo che aumentava il mal di schiena. Lo studio appare nell'edizione stampata di gennaio 2013 della rivista Pain .

Connettività cerebrale nella DMN legata al dolore cronico.

Durante le regioni di dolore acuto all'interno del DMN (come la corteccia prefrontale mediale) è diventato meno collegato al resto della rete, mentre le regioni al di fuori della rete (come l'insula) sono diventate più fortemente collegate a questa rete. Alcune di queste osservazioni sono state osservate in studi precedenti su pazienti con fibromialgia, il che suggerisce che questi cambiamenti nella connettività cerebrale potrebbero riflettere una caratteristica generale del dolore cronico.

Ho scritto sul ruolo dell'insula nel dolore fisico e sociale in un recente post sul blog di Psychology Today intitolato "The Neuroscience of Social Pain", se desideri leggere di più su questo argomento.

"Abbiamo dimostrato che specifici pattern cerebrali sembrano tracciare la gravità del dolore riportato dai pazienti e possono predire chi è più probabile che si verifichi un peggioramento del mal di schiena cronico mentre eseguono manovre progettate per indurre dolore", ha detto Marco Loggia, PhD, il principale autore dello studio e ricercatore presso il Pain Management Center di BWH e il Dipartimento di Radiologia del Massachusetts General Hospital.

Loggia ha detto: "Mentre dobbiamo essere prudenti nell'interpretazione dei nostri risultati, questo ha il potenziale per essere una scoperta entusiasmante per chiunque soffra di dolore cronico. Non capiamo esattamente cosa ci sia dietro tutto questo, qualsiasi interpretazione è pura speculazione, ma quello che vediamo è che la riacutizzazione del dolore induce una temporanea interruzione nel modello di connettività. "

Mentre i risultati suggeriscono che il cervello può compensare e adattarsi al dolore, non è chiaro se la funzione cerebrale complessiva possa essere compromessa in qualche modo.

La dott.ssa Loggia ha concluso: "Non possiamo troppe deduzioni basate su un singolo studio, ma una possibilità è che l'aumentata connettività tra la corteccia prefrontale mediale e la DMN che vediamo al basale potrebbe essere un meccanismo di compensazione, come se forse i pazienti sollevassero il loro connettività di base per rinforzare in qualche modo il prossimo episodio di dolore che, come suggeriscono i nostri dati, interromperà la connettività. "

Conclusione: sono necessarie ulteriori ricerche sulla neuroplasticità e sul dolore cronico

Il fatto che la risposta del cervello al dolore possa essere oggettivamente identificata e quantificata utilizzando l'imaging cerebrale potrebbe portare a un miglioramento del monitoraggio e migliori trattamenti dal dolore cronico in futuro. Si spera che questi tipi di risultati porteranno a più studi clinici e ricerche.

Catherine Bushnell, PhD, presidente della Canadian Pain Society di Montreal, in Québec, ha commentato: "Questo entusiasmante studio aggiunge alla letteratura crescente che indica che il dolore cronico altera il cervello. Mostrare cambiamenti nella connettività tra regioni cerebrali importanti per l'umore e la funzione cognitiva potrebbe aiutare a spiegare perché i pazienti con dolore spesso sviluppano disturbi d'ansia e hanno problemi con la memoria e il processo decisionale. "

Bushnell conclude che "studi sulla funzione e struttura del cervello in un'ampia varietà di condizioni di dolore cronico, tra cui la fibromialgia, la sindrome dell'intestino irritabile, l'artrite e il dolore neuropatico, stanno ora mostrando cambiamenti nel cervello che suggeriscono che il dolore cronico è più di un semplice sintomo . A causa di questi tipi di studi, molti medici cominciano a pensare al dolore cronico come a una malattia in sé. "

Se vuoi leggere di più su questo argomento, controlla i post del mio blog Psychology Today :

  • "Otto abitudini che migliorano la funzione cognitiva"
  • "Lo stress cronico può alterare la struttura e la connettività cerebrale"
  • "La neuroscienza del dolore sociale"
  • "Il segreto per migliorare il processo decisionale"
  • "I neuroscienziati scoprono come la pratica rende perfetti"
  • "La dimensione e la connettività dell'amigdala predice l'ansia"
  • "La neurobiologia della grazia sotto pressione"
  • "In che modo la meditazione riduce l'ansia a livello neurale?"
  • "Qual è il progetto Connectome? Perché dovresti preoccuparti? "

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

Solutions Collecting From Web of "La neuroplasticità compromessa è legata al dolore cronico?"