La necessità del possesso accademico

Pochi giorni fa, un articolo apparso sul Wall Street Journal in cui due scrittori hanno discusso a favore e contro la concessione del mandato nel mondo accademico. Per coloro che non hanno familiarità con il processo, una cattedra universitaria è una professione in cui in una data futura (in genere varia da quattro a nove anni dal momento in cui assume la posizione), un accademico deve presentare il suo dossier al possesso Comitato. Il fascicolo è in genere costituito da tre componenti: produttività (e qualità) della ricerca, qualità dell'insegnamento (e capacità innovativa) e servizio (ad esempio, servizio in comitati amministrativi, seduto su bacheche editoriali). Varie commissioni dipartimentali, di facoltà e universitarie votano in seguito sulla possibilità di concedere o negare il possesso al richiedente. Con la concessione del mandato, al richiedente viene effettivamente concessa la sicurezza del posto di lavoro per tutta la vita, che può essere revocata solo se commette una delle diverse possibili violazioni professionali (o il dipartimento del richiedente viene chiuso).

Ogni pochi anni, i politici che cercano di suscitare sentimenti pubblici nei confronti di quei "professori grassi, legittimi e pigri" (una posizione populista a buon mercato), faranno discorsi infuocati sul loro desiderio di abolire il mandato nelle loro giurisdizioni. Molti laici si uniranno quindi alla lotta anti-possesso soprattutto durante i periodi di difficoltà economica. La logica dietro i sentimenti anti-possesso è che il possesso promuove la pigrizia e la mancanza di responsabilità verso i componenti chiave (ad esempio, gli studenti), e come tale dovrebbe essere abolito dal momento che poche altre professioni sono garantite sicurezza di lavoro per tutta la vita (i tribunali della Corte Suprema americana hanno tale sicurezza ).

È indubbiamente vero che ci sono mele cattive che usano male il sistema di possesso. Detto questo, costituiscono una minoranza di professori. La maggior parte dei professori non trascorre dieci o più anni a ottenere un'istruzione universitaria, seguita da una se non diverse posizioni post-dottorato, seguita da una media di sei anni come assistente professore, in modo che possano alla fine "truffare il sistema di possesso". la grande maggioranza degli accademici (e certamente i più produttivi) vedono la loro professione come una chiamata; sono individui intrinsecamente motivati ​​che vanno felicemente al lavoro indipendentemente dal loro stato di possesso.

A differenza degli insegnanti di scuola elementare e superiore, in genere la maggior parte dei professori deve fare di più che insegnare. Ciò non implica affatto che l'insegnamento non sia importante, ma da tempo immemorabile, le società avanzate hanno riconosciuto che un ruolo definitivo di intellettuale / studioso / accademico / scienziato è la creazione di nuove conoscenze. La più grande risorsa accumulata dall'umanità è la sua capitale della conoscenza. Questa saggezza collettiva, dal più pratico al più teorico e arcano, definisce la nostra comune umanità. Quasi tutte le azioni che prendiamo quotidianamente possiedono i segni indelebili di un ricercatore che ha lavorato per 18 ore al giorno per fornirci il particolare comfort, prodotto, servizio o beneficio.

Quindi perché è necessario il possesso per la creazione di conoscenza? La storia intellettuale dell'umanità è definita dalla tensione senza fine tra i pionieri intellettuali e l'ortodossia dello status quo. Le idee intellettuali più importanti che siano mai state proposte sono proprio quelle che hanno modificato la nostra visione del mondo finora accettata (ad esempio, la teoria dell'evoluzione, la rivoluzione copernicana, la teoria della relatività). Nessuna svolta scientifica merita il suo valore se non innervosisce i custodi dello status quo. Questo è ciò che li rende idee così importanti. Socrate, Galileo e Spinoza furono puniti per aver mantenuto posizioni intellettuali contrarie ai poteri regnanti. Scrivere un trattato accademico che è critico nei confronti dell'Islam nell'Arabia Saudita contemporanea probabilmente ti farà imprigionare se non ucciso. Fortunatamente, la rinascita, la rivoluzione scientifica e l'illuminazione hanno contribuito a ridurre la probabilità di essere uccisi per aver mantenuto posizioni intellettuali contrarie. Naturalmente, ci sono altri modi "benigni" con cui chi detiene le redini del potere può punire coloro che sfidano l'ortodossia accettata. Immagina se gli accademici dovessero preoccuparsi della reale possibilità di perdere il lavoro ogni volta che proponevano un'idea o una discussione audaci. Non è necessario essere un epistemologo sofisticato per comprendere l'effetto agghiacciante che questo avrebbe sull'innovazione intellettuale. Devo aggiungere che la stragrande maggioranza dei meritevoli programmi di ricerca richiedono molti anni prima di dare i suoi frutti. Tali iniziative di ricerca a lungo termine non potrebbero mai essere affrontate se i professori operassero con incarichi a tempo determinato. Prova a mappare il genoma umano, risolvendo l'ultimo teorema di Fermat, esplorando l'epidemiologia globale del disturbo ossessivo-compulsivo, impegnandosi in uno scavo archeologico, o scrivendo una biografia accademica su Gengis Khan mentre era sotto contratto biennale. Quelli che criticano il possesso sono raramente accademici, e come tali non hanno alcuna comprensione di ciò che comporta la borsa di studio accademica.

Il mio percorso scientifico personale è un esempio significativo. Più di due decenni fa, da giovane studente di dottorato, avevo identificato la mia vocazione scientifica, cioè di dar sistematicamente il campo al comportamento del consumatore (che fino ad allora non aveva avuto infusioni di psicologia evolutiva nella sua strumentazione teorica). Questo è stato uno sforzo professionale molto rischioso, uno per il quale ho dovuto pagare a caro prezzo (ad esempio, essendo ostracizzato da alcuni dei "gruppi" rilevanti). Fortunatamente, la scienza è un processo di correzione automatica, e di conseguenza molti dei miei più strenui critici sono ora forti sostenitori del mio programma di ricerca! Supponiamo che non avessi il mandato. Come avrei potuto essere certo che il presidente dell'università, il prevosto, il preside o i miei colleghi dipartimentali non avrebbero deciso di licenziarmi? Dopo tutto, molti detrattori detestano la teoria evolutiva, e io certamente ho tratto la mia giusta dose di ira. Tuttavia, sono stato in grado di persistere nel mio programma di ricerca a lungo termine senza timore che potessi perdere la mia casa se avessi preso un tale rischio intellettuale.

Prendiamo la mia esperienza di blog su Psychology Today come secondo esempio. Ho pubblicato numerosi articoli su argomenti "hot button" altamente controversi (es. Femminismo, pornografia, pene e taglia del seno, pena di morte, assistenza sanitaria, ecc.). Forse molto vividamente, ho scritto numerosi post altamente critici nei confronti della religione. Cosa succede se un amministratore della mia università non apprezza le mie posizioni altamente pubbliche su un argomento particolare? Cosa gli impedisce di licenziarmi? Tenure. So per certo che condividendo alcune delle mie opinioni su questi argomenti sensibili, sono stato punito professionalmente in vari modi (ad esempio, avendo ritirato un'offerta di lavoro all'ultimo minuto). Gli umani non apprezzano il fatto di aver messo in discussione le loro posizioni intellettuali e i loro sistemi di credenze. Il sistema di possesso protegge gli accademici dalla perdita della camicia e della casa nella ricerca di posizioni intellettuali rischiose. Nonostante il problema del "deadwood" inerente al possesso, il sistema deve essere mantenuto se vogliamo rimanere una conoscenza che crea civiltà. È il proverbiale compromesso costi-benefici.

Due punti finali: (1) è un errore che esiste una tensione tra ricerca e insegnamento. Di fatto, molti degli studiosi e degli scienziati più esperti sembrano essere dotati pedagogicamente; (2) il più grande predittore del prestigio di un'università è la qualità e la quantità di ricerca che i suoi professori producono. Harvard, Stanford, MIT, Cornell, Princeton e l'Università di Chicago sono prestigiose università perché possiedono ricercatori altamente qualificati. Ciò non significa che l'insegnamento dovrebbe essere ignorato o relegato a un ruolo secondario; tuttavia è importante sottolineare che è una grande borsa di studio che definisce le istituzioni prestigiose. Naturalmente, quanto peso viene assegnato alle tre componenti professionali (ricerca, insegnamento e servizio) dipenderà dall'università. Un istituto di ricerca che concede un dottorato completo come la Stanford University giustamente porrà una maggiore importanza alla ricerca quando valuterà i suoi professori che dire un college di arti liberali largamente universitario come il Pitzer College.

Spero di aver offerto un caso convincente per i benefici del mandato accademico. La prossima volta che il vostro politico locale suggerisce l'abolizione del sistema a lungo tenuto, saprete che è l'unico mezzo con cui vengono protetti coloro che sposano idee intellettuali impopolari e controversi. Allo stesso modo in cui la libertà di parola è il fondamento di una democrazia liberale, il possesso è la linea di vita che alimenta inseguimenti intellettuali senza ostacoli.

Solutions Collecting From Web of "La necessità del possesso accademico"