La morte dietro il distintivo

Il 1 ° agosto 2012 ha segnato l'anniversario di un anno da quando l'agente di polizia di San Diego David Hall si è ucciso a casa sua. Hall era di fronte all'apparizione di un tribunale pochi giorni prima del suo suicidio, per la sua parte in un incidente di guida ubriaco è stato coinvolto in servizio fuori servizio. Era andato alle riunioni di AA e aveva appena avuto una visita dalla neonata Unità di Benessere di San Diego, che si concentra sulla salute fisica e mentale degli ufficiali, e specialmente su coloro che hanno messo a rischio la loro vita personale e professionale. Qualunque cosa gli dicessero non affondò e si tolse la vita nel suo cortile, con una pistola, mentre la sua famiglia era dentro la sua casa.

Ci sono molti agenti di polizia in questo paese che sentono lo stress del loro lavoro, che raggiungono il punto di "sovraccarico allostatico" e che non si tolgono la vita. Eppure, alcuni lo fanno e raramente fa notizia. Ma ci sono molte notizie su come un soldato dell'esercito uccide se stesso ogni giorno. Dove sono le storie sui 180-200 ufficiali delle forze dell'ordine che si uccidono ogni anno? Sicuramente diamo valore alle loro vite e al loro contributo alla sicurezza delle nostre case, aziende, città e città?

I principali motivatori del suicidio della polizia tendono a concentrarsi su due potenti piloti: la perdita e il suo compagno, la vergogna che l'accompagna. Gli ufficiali a rischio di suicidio sono spesso di fronte alla perdita della loro carriera e, in quanto tali, la perdita di status si lega così strettamente alla loro professione. Puoi essere un idraulico, ma vivi la tua vita 24 ore su 24 come un poliziotto. Come molti veterani di guerra che non riescono a "spegnerlo" e diventano e rimangono ipervigilanti anche quando la situazione non lo richiede, gli agenti suicidi sono così legati alla loro percezione di "essere un poliziotto", che qualsiasi cosa che possa mettere in pericolo quella persona può diventare pericolo di vita.

L'elenco dei fattori di rischio per i suicidi della polizia è comune e comprensibile, perché alcuni di essi riguardano anche la popolazione non di polizia: depressione, abuso di alcool, problemi coniugali, disciplina del lavoro in sospeso, retrocessione, perdita di posti di lavoro, arresti o condanne, problemi, problemi medici post-pensionamento (molti poliziotti non impiegano molti anni nei loro pensionamenti prima che muoiano di cancro, malattie cardiache e altre malattie legate allo stress), il senso di abbandono da parte del datore di lavoro se sono in il processo di cessazione e una percezione della mancanza di sostegno sociale ed emotivo al di fuori del gruppo di pari, vale a dire: "Nessuno capisce cosa vuol dire fare questo lavoro".

Quindi perché i vigili del fuoco hanno meno suicidi? Hanno anche lavori pericolosi e stressanti, in uniforme e in pubblico. A differenza dei poliziotti, che lavorano per lo più da soli, il concetto di squadra si applica a quasi tutto il loro lavoro. I vigili del fuoco lavorano da 24 a 48 ore di turni, con un sacco di tempo libero per fare il punto dopo chiamate ad alto rischio e le loro esposizioni collettive a traumi e violenze. Di solito hanno una forma fisica migliore degli sbirri. Il pericolo nel loro lavoro deriva più dagli eventi che dalle persone. E, "La gente ama i vigili del fuoco". I poliziotti si sentono generalmente non graditi quando non sono necessari (vedono la gente che li fissa nei ristoranti) e questo contribuisce al loro senso di distacco dalla società educata.

Quindi cosa si può fare e cosa si sta facendo per affrontare questa silenziosa epidemia di suicidi della polizia? Secondo uno studio del NYPD, "L'esposizione precoce e ripetuta ai benefici dei servizi psicologici e degli strumenti personali di gestione dello stress sembra funzionare meglio. Ogni agenzia dovrebbe tentare di creare e mantenere una cultura psicologicamente sana, ad ogni livello, durante la carriera di ogni ufficiale ".

Ciò include discussioni franche e aperte sull'accademia sulla questione; formazione per i nuovi supervisori sul campo per vedere potenziali segnali di allarme; formazione per il coaching per tutti i supervisori; accesso più semplice e confidenziale ai programmi di assistenza dei dipendenti (EAP); lavorare per rimuovere lo stigma costante tra gli ufficiali sull'uso dei servizi psicologici dipartimentali; costante presa di coscienza sui pericoli del suicidio nelle divisioni, nelle squadre e nelle formazioni; e sentire le parole di ufficiali coraggiosi che parleranno del loro uso positivo di EAP, consulenza, terapia e aiuto prima che fosse troppo tardi.

Dice un ufficiale veterano, che ha contemplato l'atto di uccidersi prima di farsi aiutare, "Nulla di questo lavoro vale la pena di toglierti la vita. C'è sempre, sempre, sempre una soluzione migliore. Ti aiuteremo e la tua carriera. Abbi il coraggio di chiedere aiuto. I suicidi della polizia ci feriscono tutti. "

John M. Violanti, noto ricercatore suicida della polizia dell'Università di Buffalo, ha dichiarato: "Il lavoro della polizia è un'occupazione psicologicamente pericolosa". Se ci interessiamo davvero degli uomini e delle donne che ci proteggono sui nostri muri, dobbiamo dedicare stesse risorse per prevenire i suicidi della polizia come facciamo per prevenire i suicidi militari.

Il Dr. Steve Albrecht, PHR, CPP, BCC, è un esperto di violenza sul posto di lavoro a San Diego. Consulta, parla e scrive sulle sfide delle risorse umane ad alto rischio, sulla sicurezza aziendale e sui problemi della polizia. Ha lavorato per il Dipartimento di Polizia di San Diego per 15 anni. Può essere contattato all'indirizzo drsteve@drstevealbrecht.com

Solutions Collecting From Web of "La morte dietro il distintivo"