La misteriosa scomparsa della mania unipolare

La scienza suggerisce una sovrapposizione tra iperfocused ADHD e mania unipolare.

Royalty-Free Images from Istock

Fonte: immagini royalty-free da Istock

Mania è uno stato dell’umore caratterizzato da un umore elevato / euforico, espansivo o insolitamente irritante che dura almeno una settimana e che non è il risultato dell’uso di sostanze. L’irritabilità può anche manifestarsi come una maggiore impazienza con gli altri, una maggiore sensibilità alle critiche (essere “permalosi”) o un comportamento passivo-aggressivo (opposizione e testardaggine).

Quando si verifica come componente del disturbo bipolare di tipo I (anche noto come depressione maniacale), devono essere presenti almeno tre sintomi da triadi distinte tra i seguenti sette gruppi (DSM-IV-TR, APA, 2000):

(1)
(a) preoccupazioni e atteggiamenti egocentrici
(b) auto-stima inflazionata
(c) grandiosità

(2)
(a) livelli elevati di energia
(b) una ridotta necessità di sonno o frequenti risvegli
(c) aumento dell’attività fisica / sensazione di nervosismo

(3)
(a) discorso rapido astratto
(b) eccessiva loquacità
(c) frequenti interruzioni

(4)
(a) pensieri di corsa
(b) bruschi cambi di opinione
(c) spostamenti frequenti da un argomento / compito a un altro

(5)
(a) difficoltà a mantenere l’attenzione
(b) distraibilità da stimoli irrilevanti
(c) difficoltà nel concentrarsi su compiti essenziali

(6)
(a) iperfocus su compiti non essenziali
(b) pianificazione eccessiva e idealistica della condotta futura
(c) agitazione psicomotoria o irrequietezza

(7)
(a) processo decisionale impulsivo
(b) scarsa capacità di giudizio
(c) comportamento spericolato

In bipolare sono presenti episodi di ipomania che durano tipicamente almeno una settimana. L’ipomania è uno stato moderato di mania in cui i sintomi non sono abbastanza gravi da compromettere il funzionamento quotidiano, ma sono comunque osservabili da altri.

Mania unipolare?

I criteri diagnostici per il disturbo bipolare comprendono i sintomi della mania e anche i sintomi delle depressioni, che di solito si verificano in momenti diversi. Detto questo, rimane una domanda interessante su ciò che dovremmo dire delle istanze osservate di mania unipolare.

La maggior parte dei ricercatori bipolari non ha nulla da dire sulla mania unipolare. Eppure gli studi che sono stati condotti indicano che ci sono individui con episodi maniacali e senza depressione.

Tuttavia, le persone con sintomi maniacali unipolari descritti in letteratura presentano sintomi clinici moderatamente diversi da quelli osservati nella mania bipolare.

I pazienti unipolari maniaci tendono ad esibire più grandiosità (ad esempio, credendo di essere più intelligenti e consapevoli o migliori decision maker di tutti gli altri e meritano ammirazione), più sintomi psicotici (ad esempio, credendo di essere ricchi e famosi o avere poteri speciali) e una tendenza generale ad avere energia in eccesso ed essere positivi ed entusiasti. Inoltre rimangono normalmente in stati maniacali o ipomaniacali per lunghi periodi di tempo rispetto ai bipolari. D’altra parte, i unipolari hanno meno probabilità di essere suicidi o hanno disturbi d’ansia coesistenti.

La misteriosa scomparsa della mania unipolare

Tuttavia, a differenza della depressione unipolare e del disturbo bipolare, la mania unipolare non è una categoria diagnostica all’interno della psichiatria. Non appare nei principali sistemi diagnostici per i disturbi psichiatrici e ha ricevuto pochissima attenzione da clinici e ricercatori.

Questo non è sempre stato il caso. Lo psichiatra tedesco Emil Kraepelin (1899) usò il termine “mania periodica” per riferirsi a episodi maniacali ricorrenti senza depressione. All’incirca nello stesso periodo lo scienziato tedesco Carl Wernicke (1900) propose che episodi singoli o ricorrenti di mania o depressione dovessero essere visti come distinti disordini. I termini “psicosi fasiche” e “psicosi fasiche pure” furono introdotti dal neurologo tedesco Karl Kleist (1911, 1953) e dal suo allievo Karl Leonhard (1957) per descrivere la mania unipolare e la depressione unipolare.

Se una volta la mania unipolare era stata ampiamente riconosciuta come un disturbo separato dalla depressione, perché il termine scomparve improvvisamente dal vocabolario della maggior parte dei clinici e dei ricercatori?

Un’opinione diffusa è che la mania unipolare non esiste e non può esistere come disturbo mentale separato perché i suoi sintomi variano troppo grandemente tra i diversi individui per definire un’entità clinica unificata. Di conseguenza, quando i sintomi che suggeriscono la mania monopolare danno adito a una sofferenza abbastanza grave da cercare aiuto, la condizione è comunemente classificata e trattata come disturbo bipolare con sintomi depressivi lievi o non agitati. L’ultimo manuale diagnostico per le malattie psichiatriche (DSM-V) afferma anche esplicitamente che le persone la cui funzionalità è compromessa da episodi maniacali senza depressione dovrebbero essere diagnosticate con bipolare I.

Un ulteriore motivo per cui la mania unipolare non è ufficialmente riconosciuta come una condizione diagnostica separata dal disturbo bipolare è che sono stati condotti pochissimi studi sulla sindrome. Di conseguenza, non vi è consenso riguardo ai criteri diagnostici o alla loro prevalenza.

Evidenza scientifica per mania unipolare

Nonostante la posizione scettica verso la mania unipolare, ci sono scoperte neurobiologiche indipendenti che medici e ricercatori dovrebbero riconoscere una condizione psichiatrica caratterizzata da alcuni dei sintomi di episodi maniacali bipolari che appartengono ancora a una categoria clinica separata.

Una scoperta significativa è che gli individui con depressione unipolare e individui bipolari hanno un ventricolo terzo più grande del normale (delimitato dal talamo e dall’ipotalamo su entrambi i lati sinistro e destro). Questo allargamento suggerisce che la depressione potrebbe essere dovuta a un’infiammazione del cervello in queste regioni. Nessun analogo ingrandimento dei ventricoli è stato trovato in pazienti con mania monopolare.

Esistono anche evidenze farmacologiche per una voce clinica per la mania unipolare che è distinta dalla mania bipolare. Mentre i pazienti bipolari spesso traggono beneficio dal trattamento con sali di litio, uno stabilizzatore dell’umore, i sintomi della mania unipolare non sembrano migliorare con il trattamento al litio.

Se la mania unipolare e il disturbo bipolare sono malattie biologiche distinte con distinti meccanismi neurobiologici di base, la mania unipolare che altera la funzionalità merita il proprio ingresso clinico nei manuali diagnostici.

Che tipo di malattia biologica è una mania unipolare?

Come abbiamo visto, ci sono alcune prove che la mania unipolare e il disturbo bipolare sono malattie biologiche distinte. Ma se è così, sorgono nuovi enigmi. Uno è quello di spiegare che tipo di malattia biologica è la mania unipolare. Un secondo è quello di spiegare perché i sintomi degli episodi maniacali bipolari si verificano raramente (se mai) senza depressione.

Un suggerimento radicale che affronta il primo enigma è che la mania unipolare è un sottotipo di disturbo da deficit di attenzione e iperattività, o ADHD. Mania unipolare e ADHD si presentano entrambi con sintomi come la tendenza ad essere loquaci e spesso interrompendo gli altri, un aumento di energia o attività, impulsività, difficoltà a prestare attenzione e facilmente distrarsi.

La principale differenza tra la mania unipolare e l’ADHD è che i sintomi della precedente condizione si verificano tipicamente negli episodi, mentre i sintomi dell’ADHD sono cronici (almeno durante l’infanzia, sebbene possano migliorare o scomparire con la maturazione del bambino). Tuttavia, questa differenza non dovrebbe essere la sola ragione per escludere che la mania unipolare possa essere una sottocategoria biologica dell’ADHD.

L’ipotesi che la mania unipolare sia un tipo di ADHD è supportata dalla scoperta che i difetti nella sostanza bianca della corteccia prefrontale si verificano sia negli adulti con episodi maniacali ricorrenti che nei bambini con ADHD. Sta anche dicendo che i bambini con ADHD hanno maggiori probabilità di sviluppare il disturbo bipolare come giovani adulti rispetto ai bambini che non sono stati diagnosticati con ADHD.

L’evidenza più convincente per l’ipotesi che la mania unipolare sia un sottotipo di ADHD si basa sul fatto che quest’ultima condizione si divide in sottotipi. Il più comunemente discusso è il tipo iperattivo-distrattibile. Quando l’ADHD persiste fino all’età adulta, tuttavia, l’iperattività spesso diminuisce e viene sostituita da quello che potremmo chiamare sottotipo iperfocalizzato a intermittenza (a volte indicato anche come sottotipo iperattentivo / flusso e ADD con perseverazione ; Webb, et al., 2005).

Quello che segue è un confronto tra i sintomi del sottotipo iperattivo-distrattibile e la varietà a intermittenza iperfocalizzata. Naturalmente, questi sintomi possono essere presenti in vari gradi.

Iperattivo-distrattibile Intermittently Hyperfocused

Disattenzione Difficoltà nel dirigere (e reindirizzare) l’attenzione
Distaccabilità Ciclismo iperfocus e distraibilità
Iperattività Sognare ad occhi aperti come trance
Procrastinare procrastinare
Impulsività Impulsività / scarsa capacità decisionale
Irritabilità o “acting out” Irritabilità o impazienza
Disorganizzato Disorganizzato
Forgetful Forgetful
Regolato dalla paura della punizione Regolato dalla paura del fallimento e dell’imbarazzo
Commutazione costante delle attività Difficoltà a cambiare attività

Gli episodi maniacali unipolari sembrano avere molto più in comune con il sottotipo ADHD a intermittenza iperfocale rispetto alla varietà iperattivo-distrattibile.

Le principali caratteristiche della mania unipolare che sembrano mancare nell’ADHD sono l’innalzamento dell’umore e l’accresciuta autostima / grandiosità. I ricercatori e i clinici a volte considerano queste differenze come i principali fattori che contraddistinguono la distinzione tra mania e ADHD.

A quanto pare, tuttavia, queste differenze non costituiscono una buona base per assegnare mania e ADHD a diverse categorie cliniche. Ecco quattro ragioni.

(i) L’innalzamento dell’umore è solo un modo in cui l’umore può subire un’alterazione negli episodi maniacali. L’irritabilità aumentata è comune almeno quanto l’euforia / l’umore elevato e l’irritabilità è un sintomo comune nell’ADHD.

(ii) Grandiosità, o maggiore autostima, a volte si verifica nei pazienti con ADHD che hanno successo a causa (o nonostante) della loro iperfocus.

(iii) L’iperfocus e la disattenzione verso altre persone potrebbero facilmente essere confusi con l’alta autostima o la grandiosità nei pazienti con iperfocus.

(iv) La grandiosità non è un sintomo richiesto o frequente della mania bipolare. Con più ricerche, si può scoprire che non è così prevalente nella mania unipolare.

Perché i sintomi degli episodi maniacali bipolari si verificano raramente senza depressione?

Mania unipolare per definizione avviene senza depressione. Quindi, se la mania unipolare e il bipolare sono condizioni cliniche distinte, sorge la domanda perché i sintomi degli episodi maniacali bipolari si verificano raramente senza depressione?

O per mettere la domanda in modo diverso: perché pensare che i sintomi degli episodi maniacali unipolari siano significativamente diversi da quelli degli episodi maniacali bipolari?

La spiegazione più probabile (ancora inesplorata) è che durante un episodio maniacale nel disturbo bipolare I, i livelli cerebrali del neurotrasmettitore dopamina siano elevati. Questo può spiegare l’umore euforico (o irritabile), l’aumento di energia e attività, nonché l’accresciuta autostima.

Ma una volta che i livelli cerebrali di un neurotrasmettitore sono stati elevati per un po ‘durante un lungo episodio, il cervello tende ad accomodarsi regolando i siti recettoriali a cui si lega la sostanza chimica. Quando ci sono meno recettori per i quali la sostanza chimica può legarsi, la sostanza chimica non provocherà più una risposta cellulare che scatena i sintomi maniacali.

Se i recettori della dopamina diventano pesantemente sotto-regolati, cosa che probabilmente accadrà prima o poi, i bassi livelli cerebrali della dopamina possono portare a una sensazione di vuoto, una mancanza di motivazione, una diminuzione della capacità di provare piacere e sentimenti negativi come come angoscia e irritabilità. Ma questi ultimi sintomi sono tra i tipici sintomi depressivi che si verificano nel disturbo bipolare.

Perché la mania unipolare è ciclica quando ADHD non lo è?

Se la mania unipolare non è veramente mania, ma l’ADHD con iperfocus, sorge la domanda per cui non vediamo una diminuzione dei sintomi in pazienti non medicati con ADHD con iperfocus. Perché quest’ultima condizione non è episodica o ciclica?

La ragione più probabile è che i deficit del neurotrasmettitore differiscono negli episodi maniacali bipolari e nell’ADHD con iperfocus (cioè mania unipolare). È stato a lungo stabilito che gli individui con ADHD hanno livelli di dopamina inferiori alla norma nella corteccia prefrontale (piuttosto che un eccesso come nella mania bipolare). Overmedicating con gli stimolanti che aumentano i livelli di dopamina potrebbe provocare un down-regulation dei recettori della dopamina nel cervello e un ritorno finale dei sintomi di ADHD-possibilmente accompagnato dai sintomi depressivi. Ma la normalizzazione dei livelli cerebrali di dopamina non dovrebbe comportare una sottoregolazione. La differenza nei sistemi dopaminici nell’ADHD bipolare maniacale con iperfocus (pseudonimo di mania unipolare) può quindi spiegare perché l’ADHD con iperfocus, a differenza della mania bipolare, normalmente non va in bicicletta.

Berit “Brit” Brogaard è un co-autore di The Superhuman Mind

Riferimenti

American Psychiatric Association (2000). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali . (4th Text Revision ed.) Washington, DC: American Psychiatric Association.

Nel nuovo manuale diagnostico, DMS-V, una diagnosi di mania e ipomania richiede non solo la presenza di umore esaltato o irritabile, ma anche l’associazione di questi sintomi con aumento di energia / attività. Sono state aggiunte anche altre sottocategorie di disturbo bipolare. Un ulteriore importante cambiamento al DSM-V è che non richiede alcun episodio depressivo maggiore per periodi di mania da diagnosticare come disturbo bipolare di tipo I.

Kleist, K. (1911). “Die klinische stellung der motilitatspsychosen”, ” Zeitschrift für die Gesamte Neurologie und Psychiatrie 3: 914-977, Vortrag auf der der der die der vereins bayerischer psychiater”, München, Germania.

Kleist, K. (1953). “Die gliederung der neuropsychischen erkrankungen”, ” Monatsschrift für Psychiatrie und Neurologie 125: 526-554″.

Kraepelin, E. (1899). “Die klinische stellung der melancholie”, Monatsschrift für Psychiatrie und Neurologie 6: 325-335.

Leonhard, K. (1957). Aufteilung der endogenen psychosen und ihre differenzierte atiologie , Akademie, Berlino, Germania.

Webb, JT; Modificare, ER; Webb, NE Goerss, J .; Beljan, P .; Olenchak, FR (2005), diagnosi errata e doppia diagnosi di bambini e adulti dotati: ADHD, bipolare, OCD, Asperger, depressione e altri disturbi , Scottsdale, AZ: Great Potential Press, Inc., 50-51.

Wernicke, C. (1900). Grundriss der Psychiatrie , Leipzig Thieme.

Solutions Collecting From Web of "La misteriosa scomparsa della mania unipolare"