La mia segreta dipendenza da Glenn Beck

Glenn Beck

Abbiamo sentito molto questa settimana su Glenn Beck, grazie al suo rally "Restoring Honor" di sabato sul National Mall. Ma è stata l'estate del 2009 quando sono diventato veramente dipendente dalle sue buffonate. Era l'estate delle riunioni del municipio della riforma dell'assistenza sanitaria. Su Internet, le immagini tremanti di rappresentanti eletti che venivano derisi e gridati iniziarono sequenze di provocatori di destra che lanciavano i mob, e guidava la carica. Entro questa primavera, passavo abbastanza tempo a Media Matters for America, l'auto-descritto "cane da guardia basato sul web di disinformazione conservatrice", avrei potuto anche lavorare lì. In alcuni giorni ha contrassegnato una dozzina di diversi stimoli dai programmi radiofonici e televisivi di Beck, mescolati ai suoi compagni di viaggio.

Certo, non è solo su Internet che posso ottenere il mio sdegno. Da solo in una stanza d'albergo, accendo Fox News e lascio che il suo bizzarro maleducato mi travolga. In macchina, accenderò la radio su AM e troverò la stazione radio più vicina, quindi la cambierò in NPR per timore che mia moglie sospetti di aver perso le biglie. Le mie opinioni politiche cadono decisamente a sinistra, quindi perché non riesco ad ottenere abbastanza rant del giusto? Sono sicuro che se avessi guardato, avrei potuto trovare una controparte sulla destra che documenta la retorica liberale esagerata di Rachel Maddow e Keith Olbermann per la gioia dei conservatori masochisti. Ma quanto tempo produttivo, a Washington o tra i cittadini, si perde nel seguire ogni nuovo sfogo di un esperto politico? Non sono a favore dei paraocchi, ma non sono questi i tipi di scherno che i nostri genitori ci hanno insegnato a ignorare?

L'anno scorso, mentre facevo ricerche per il mio libro, mi sono imbattuto in un profilo in Christianity Today di un cristiano ultra-conservatore che ha citato la Bibbia nel sostenere, tra le altre cose, i benefici della schiavitù e dell'esecuzione degli adulteri. L'articolo ha notato con un certo timore che stava "diventando qualcuno che anche chi si occupa dei propri affari nel" mainstream "non controverso non può permettersi di ignorare." Ho mandato la storia a mio fratello. Siamo cresciuti come umanisti secolari, ma è nato di nuovo quando aveva 17 anni. All'università, lui ei suoi amici maschi hanno fatto fuori le ragazze, dichiarandosi "scapoli fino al rapimento". Oggi è un cristiano evangelico autodenunciato conservatore.

Non sono sicuro di cosa mi aspettassi che la sua reazione sarebbe stata. Penso che volessi solo provare per vedere se il suo misuratore di oltraggio funzionava. Quindi sono rimasto sorpreso quando ha risposto che non solo ha trovato il ragazzo "completamente sbagliato", ma che ha fatto di tutto per ignorare le persone come lui. Li ha descritti come quelli che "si rivolgono a mere inclinazioni naturali e mi distraggono dalla direzione in cui Dio si muove nella mia vita".

La capacità di mio fratello di sintonizzare influenze indesiderate, di solito a causa di sesso, oscenità o violenza, in passato era stata fonte di preoccupazione per me. Potevo ricordare come, prima di diventare un cristiano, potesse deliziare la cultura popolare più spregevole. Volevo poterlo condividere di nuovo con lui. Ma in questo caso, l'ho apprezzato, e non solo perché ci sembrava di essere d'accordo su questo pazzo.

Mentre contrattiamo il flusso di informazioni e opinioni che inondano le nostre vite del XXI secolo, penso che mio fratello abbia l'approccio giusto. La capacità di ignorare le presentazioni assurde, l'estremo per l'estremo, l'intenzionalmente provocatorio, sembra sempre più una virtù. Libera tempo per esplorare idee che sono costruttive e impegnative, ed evita la rabbia inutile che si prova nei confronti di un bullo con una visione opposta. Non so se è un'idea cristiana, ma sto cercando di adottarlo. E forse lascerò l'indignazione a Media Matters.

Solutions Collecting From Web of "La mia segreta dipendenza da Glenn Beck"