La mia più sincera risposta a un giornalista aspirante

PlainorPeanut41, CC 3.0
Fonte: PlainorPeanut41, CC 3.0

Un aspirante giornalista mi ha scritto chiedendo un "in" per un lavoro di giornalismo.

Ecco la mia risposta:

Caro XXXX,

Candidamente, oggi, stai affrontando lunghe avversità contro il fatto di fare anche un ramen, vivendo dal giornalismo. Di solito è vero anche per i tanti scrittori competenti e abbastanza rapidi che ho cercato di aiutare.

Certo, conosco meglio la mia situazione, quindi la condividerò con te. Ho scritto 20 saggi in una delle più famose riviste di notizie del mondo e sebbene sappia come negoziare, avendo scritto molto sull'argomento, la mia paga totale è stata di $ 0. Ero un editorialista in una rivista importante ancora più prestigiosa. La paga era $ 190 a colonna. Questa settimana, ho avuto un editoriale in una pubblicazione nazionale. Paga: $ 0. In ogni caso, la mia scrittura giornalistica mi ha guadagnato meno all'ora di quanto avrei potuto fare il chorizo ​​alla griglia a Taco Bell.

Per quanto riguarda il giornalismo televisivo, ho lavorato in solitaria per 13 settimane alla CNN-Money in prima serata: la mia paga? A $ 0. Sono al mio 27 ° anno, ospitando un programma settimanale di un'ora su una stazione radio pubblica a San Francisco e guadagno più denaro durante ogni campagna di raccolta fondi rispetto alla maggior parte degli spettacoli in una fascia oraria simile ma la mia paga totale per gli oltre 26 anni: a $ 0.

E questo è con una biografia che diciamo che è almeno così forte come quella di un giornalista medio.

Troppo, devo ammettere che scuoto la testa per l'ipocrisia dei media liberali. Nei loro scritti e segmenti, sostengono quasi sempre i diritti dei lavoratori, ad esempio aumentando il salario minimo a un salario di sussistenza, ma pagano la maggior parte dei loro giornalisti, un gruppo piuttosto talentuoso, meno del salario minimo o nulla.

Inoltre, oggi, la posizione della tua scrittura potrebbe essere limitata. Il giornalismo politicamente corretto ha una possibilità di pubblicazione molto migliore: ad esempio, un articolo che promuove la redistribuzione dal successo a quello che non ha successo è molto più probabile che venga pubblicato e elogiato, se si promuove un paese, un'azienda o un maschio bianco di successo. È probabile che quest'ultimo sia censurato o censurato. Ironico che i media liberali, che continuano a sbattere la destra per il maccartismo di 70 anni fa, ad esempio, con il recente film Trumbo, oggi eserciti una censura più pervasiva dalla sinistra.

Alcuni aspiranti giornalisti si spostano dal loro sogno di giornalismo a scrivere per società, governo o organizzazioni non profit, di solito nel loro dipartimento di pubbliche relazioni o marketing, ma la maggior parte degli aspiranti giornalisti ritiene che non soddisfi il loro desiderio di scrivere giornalistico.

(Ho quindi dato il suo feedback sulla sua scrittura, che era flaccida, auto-assorbita e non intelligente. Non voglio includere qui le specifiche per evitare di rivelare chi è: una ricerca su Google sulle frasi che ho commentato avrebbe rivelato il suo nome .)

In parte è colpa delle università. Continuano ad ammettere studenti di giornalismo indifferenti, a prendere i loro soldi, a sedurli con siti web e opuscoli che sbranano alcuni giornalisti di successo (senza dire quale sia la loro retribuzione). Poi, i professori, più desiderosi di buone valutazioni degli studenti che degli steward su strade sagge, gonfia gli aspiranti giornalisti che sono alla disperata ricerca di una parola che legittima il loro continuare a perseguire una carriera di giornalismo.

Mi sono seduto in cima all'edificio Time-Life con alcuni editori senior e tutti hanno concordato sul fatto che le università non sono etiche nell'ammettere e far passare tanti studenti di giornalismo e che oggi, tutti, tranne una piccola percentuale d'elite, di solito finiscono per non guadagnare anche una vita marginalmente sostenibile dal giornalismo, eppure quegli scrittori, come me, continuano a scrivere per una miseria o gratuitamente perché ci sentiamo in dovere di scrivere, per pagare o meno.

Sono sicuro che le persone "più gentili" offriranno un'immagine diversa, ma ciò che ho scritto è in definitiva più gentile, almeno secondo me.

Cordiali saluti,

Marty Nemko

La biografia di Marty Nemko è su Wikipedia. Il suo nuovo libro, il suo 8 °, è Il meglio di Marty Nemko.

Solutions Collecting From Web of "La mia più sincera risposta a un giornalista aspirante"