La mia mamma mi ha insegnato come temere

Preoccupazioni animali e sociali negli afro-americani

"Andrà tutto bene baby!"

Storicamente, pochissime ricerche si sono concentrate sulla prevalenza di ansia e disturbi correlati nei campioni delle minoranze etniche, in particolare nei campioni afroamericani. Fortunatamente, la tendenza è migliorata, con più lavori in questo settore. Seguendo queste linee, molti studi, incluso il mio stesso lavoro, esaminando le differenze razziali ed etniche negli afroamericani rispetto ai bianchi non ispanici hanno scoperto che sia gli adulti che i bambini afroamericani sostengono più sintomi di fobie specifiche rispetto alle loro controparti bianche.

Per essere chiari, ci sono quattro categorie diagnostiche di fobie specifiche, tra cui: il tipo di animale (cani, serpenti, ratti e topi); tipo di ambiente naturale (tempeste, acqua); tipo di lesione da iniezione di sangue (auto-esplicativo); tipo situazionale (ascensori, viaggio aereo) e il tipo "altro" (può includere personaggi in costume e altri oggetti / situazioni che non rientrano in modo pulito nelle categorie diagnostiche elencate). Tra gli articoli relativi a queste categorie di fobie, studi di ricerca suggeriscono che gli afro-americani sostengono più paura degli animali, in particolare cani strani, serpenti, ragni, ma anche ratti e topi rispetto alle controparti bianche non ispaniche. La paura dell'acqua è spesso approvata, ma la conserveremo per dopo. I timori sociali di non essere un successo, di essere autocoscienti, di sembrare sciocchi e di essere criticati sono sostenuti più pesantemente negli afro-americani che nei bianchi non ispanici. A parte la componente genetica necessaria per sperimentare il processo di ansia in modo cronico, ci sono un certo numero di considerazioni socioculturali che possono contribuire a queste scoperte.

Fattori socioculturali che influenzano questi risultati:

Ansia sociale

Non essere ingenui. Vi è un'abbondanza di fattori che spiegano perché alcuni gruppi potrebbero essere più propensi a sostenere i sintomi di determinate condizioni rispetto ad altri; I neri non fanno eccezione. In termini di sviluppo della fobia, sappiamo che, in generale, un individuo sviluppa in genere una fobia attraverso la testimonianza (condizionamento vicario) o la disinformazione su un oggetto o una situazione ("I cani possono morderti e ucciderti." "Stai lontano da Mr Il giardino di Jenkins perché ha quel grosso cane! ") Questo è nel contesto di una tendenza ad essere paurosa o ansiosa.

Sappiamo anche che la maggior parte dell'ansia viene trasmessa da genitore a figlio attraverso questa "disinformazione" e predisposizione genetica. Ad esempio, tutti hanno sentito questo detto da almeno una femmina adulta: "Ragazzo, mettiti sopra un cappotto o prenderai la phemonia!" Perché non riesco a prendere un raffreddore? Ti lascerò pensare alle tue esperienze. Nel contesto delle paure sociali e delle paure specifiche degli animali, in particolare i cani, si potrebbe affermare che molti afro-americani esposti all'ostilità razziale durante, per esempio, il movimento per i diritti civili, potrebbero potenzialmente associare la paura e l'ansia con i cani. Ancora una volta, la componente genetica deve essere presente e solo una minoranza di individui sviluppa in primo luogo una fobia da un'esperienza di condizionamento traumatico (essere attaccata da un animale).

Un'ulteriore considerazione socioculturale è il numero di afroamericani negli Stati Uniti concentrati nelle aree urbane in cui: (a) non è possibile possedere determinati animali e (b) alcuni animali sono accompagnati da un cartello che recita "Attenti al cane". Questo è stato certamente il mio caso di crescere in un ambiente urbano. Perché dovresti avvicinarti a un cane chiamato Orso o Mostro (forse sono troppo sensibile qui). Infine, ricorda il mio punto sulla trasmissione familiare: un bambino impara a percepire se stesso, il mondo e gli altri dai suoi genitori. Se il mio genitore trasmette attraverso me che certi oggetti o situazioni sono grossolani (nel caso di gatti, ratti, topi) o pericolosi , imparerò ad associare paura e ansia con questi oggetti o situazioni (vedi commento precedente su molti afro-americani , in particolare la generazione dei miei genitori, non associando con piacere alcuni animali.)

In termini di ansia sociale, in particolare di timore di non essere un successo, di essere autocoscienti, di sembrare stupidi e di essere criticati, è importante notare che la scoperta ben documentata delle reti di supporto dei parenti è essenziale per la cultura afro-americana. Inoltre, bisogna considerare il contesto storico del razzismo e della discriminazione contro gli afro-americani. Essere coerentemente scrutato, etichettato, attaccato, stereotipato e spesso isolato contribuirebbe indubbiamente alla percezione di dover "provare se stessi", in particolar modo alla luce dell'essere molto social / orientati alla comunità, per cominciare. Il successo personale spesso riflette il "nostro" successo come una rete estesa, che è coerente con le culture collettiviste, pur essendo in diretto contrasto con la maggior parte della cultura occidentale. Come tale, la minaccia di essere stereotipati dai bianchi americani, o potenzialmente esaminati per le situazioni di performance (dare un discorso, essere impiegati in un'occupazione composta prevalentemente da bianchi non ispanici) potrebbe plausibilmente contribuire a sostenere queste paure. L'ironia, a parte le fobie specifiche che sono relativamente facili da trattare, è che la maggior parte delle persone raramente cerca un trattamento per una fobia specifica. Perché? Perché ho una preoccupazione cronica, DOC e depressione. Oh, a proposito, Doc, anche a me non piacciono gli animali.

Solutions Collecting From Web of "La mia mamma mi ha insegnato come temere"