La mia famiglia e altri animali

La scienza ha una brutta abitudine di sgonfiare l'ego umano. C'era una volta, la terra era il centro dell'universo e gli esseri umani erano il fulcro e lo scopo della creazione, il fulcro centrale del creatore dell'universo. Poi arrivò la scienza e, prima che sapessimo cosa ci colpiva, venimmo degradati a frammenti di polvere insignificanti che si arrampicavano ciecamente su un punto blu pallido che orbita attorno a una stella media in un universo incredibilmente grande. Alcuni dicono che le dimensioni non contano, ma sappiamo tutti che lo fa davvero. Mai più ci vedremo nella stessa luce.

Se la scienza in generale ha inferto un duro colpo al nostro ego collettivo, la teoria evolutiva ha trattato un centinaio di volte più potente. Come scrisse il filosofo Michael Ruse, "Non è solo che siamo su un granello di polvere che volteggia nel vuoto, ma che noi stessi non siamo altro che le scimmie trasformate". La teoria evolutiva trasforma la nostra visione di noi stessi e del nostro mondo a testa in giù e dentro e fuori. E una delle implicazioni più importanti della teoria riguarda la nostra relazione con gli altri animali. Loro e noi non siamo più prodotti di atti di creazione separati. Invece, siamo letteralmente parenti lontani.

Suppongo che ormai siamo tutti abituati all'idea che tutti gli esseri umani siano legati l'uno all'altro. Assomiglio più a mio fratello di quanto sembri mio cugino perché sono più legato a mio fratello, ed è esattamente la stessa ragione per cui assomiglio più a mio cugino che a un estraneo casuale. La specie non si divide in due gruppi: parenti e non parenti. Siamo tutti parenti – tu, io, Einstein, Buddha, Hitler – è solo che alcuni di noi sono più lontanamente imparentati degli altri. (Cerca di non pensarci più la prossima volta che sei con il tuo coniuge, partner o amante. Sei parenti di sangue!)

Tutto questo è vero anche per gli altri animali. Quindi, proprio come sembriamo più i nostri cugini che i nostri vicini, somigliamo più ai nostri vicini che agli scimpanzé, ma è lo stesso tipo di differenza in entrambi i casi: una differenza di parentela. Se riuscissi a ricondurre il tuo albero genealogico ai tuoi 250.000 bisnonni, verrai al più recente antenato comune di tutti gli esseri umani, degli scimpanzé e dei bonobo. Se tornassi indietro, alla fine arriveresti al più recente antenato di te stesso e del tuo cane o gatto domestico, o l'uccello nell'albero esterno o il ragno sotto la doccia. Tutti questi animali sono i tuoi lontani cugini lontani. Una visita allo zoo è una riunione di famiglia.

Jane Goodall e un parente lontano

E non si ferma solo con gli animali. Quando attraversi un prato o un campo, i fili d'erba sotto i piedi sono letteralmente i tuoi lontani cugini. Così sono i batteri nel tuo intestino. In definitiva, tutta la vita conosciuta su questo pianeta può essere fatta risalire ad un antenato comune, e ogni forma di vita che sia mai esistita qui può essere collocata su un singolo albero genealogico. Tutta la vita sulla terra è letteralmente una grande famiglia (anche se una famiglia disfunzionale in cui i membri della famiglia hanno l'abitudine di mangiarsi l'un l'altro). Questa è una delle lezioni più profonde della teoria evolutiva.

Ma la teoria di Darwin non fa altro che sottolineare la nostra affinità con gli animali. Mette in discussione l'idea stessa che gli abitanti di questo pianeta possano essere significativamente divisi in esseri umani e animali in primo luogo. Ora sappiamo che siamo venuti tutti attraverso lo stesso processo, e la nostra origine comune suggerisce che avremo più cose in comune con altri animali di quanto non avessimo immaginato. Siamo una specie animale tra innumerevoli milioni. Certamente, la distinzione uomo-animale è ancora praticabile; dopotutto, raramente commettiamo errori nell'assegnazione di entità a una categoria o l'altra. Ma dopo Darwin, la distinzione sembra improvvisamente arbitraria – arbitraria quanto la distinzione altrettanto praticabile tra, ad esempio, tartarughe e non tartarughe. Post-Darwin, è più naturale pensare agli umani come a un sottoinsieme della categoria animale . L'idea che gli umani non siano animali ha esattamente lo stesso senso dell'idea che la terra non è un pianeta, o il sole non è una stella. Possiamo dire queste cose se vogliamo. Tuttavia, se desideriamo inquadrare una visione oggettiva dell'universo (cioè una visione che sarebbe ugualmente valida dal punto di vista di qualsiasi specie su qualsiasi pianeta), dobbiamo considerare il sole come una stella, la terra come un pianeta … e umani come animali.

Questo suggerimento è senza dubbio molto meno scioccante per le orecchie moderne di quanto non fosse ai tempi di Darwin. Nondimeno, non è chiaro che la maggior parte delle persone abbia pienamente preso in considerazione le sue implicazioni. Se lo avessero fatto, allora forse le discipline accademiche come la sociologia e l'antropologia sarebbero considerate come branche specialistiche di zoologia; i medici sarebbero considerati sottotipi di veterinari (uno specializzato nella cura dei bisogni di salute di una sola specie); i diritti umani sarebbero visti come un sottoinsieme dei diritti degli animali; e la socializzazione dei bambini sarebbe vista come un esempio di addestramento o addomesticamento degli animali (rendendo genitori e insegnanti un sottotipo di addestratori di animali). Questi esempi non sono particolarmente gravi. Fanno un punto serio, però, che è che, almeno in una certa misura, ci consideriamo ancora separati dal resto del regno animale. Per questa ragione, potremmo avere un punto cieco morale quando si tratta dei nostri 'fratelli compagni' (come una volta Darwin descrisse animali non umani).

Come tutti sappiamo, molte persone hanno reagito in modo molto negativo alla teoria di Darwin quando l'ha servito per il consumo pubblico. Ciò era in parte dovuto al fatto che la teoria eliminava il bisogno di Dio. Ma quella non potrebbe essere l'intera storia; dopo tutto, le persone potevano ancora credere che Dio ha creato la vita attraverso il processo evolutivo (almeno se non ci hanno pensato troppo). La reazione avversa potrebbe essere stata guidata in larga misura dal fatto che molte persone sono state insultate dall'idea che siamo animali. Molti pensavano che Darwin avesse fatto uscire le scimmie da loro – e in un certo senso lo aveva fatto. Ma se ci pensi, la loro indignazione in questo è un po 'offensivo per le scimmie! In una certa misura, la protesta pubblica seguita alla rivelazione della teoria dell'evoluzione di Darwin rivelò un profondo pregiudizio nei confronti degli animali non umani. Un membro del Ku Klux Klan sarebbe mortificato per sapere che in realtà era un uomo di colore. La reazione di molte persone all'apprendimento che in realtà sono animali, o in realtà scimmie, è la stessa. (Per qualche ragione, non sono così turbati dall'essere classificati come mammiferi o come esseri viventi.

Un altro motivo per cui le persone potrebbero essere state resistenti all'idea che gli esseri umani siano animali è che solleva una possibilità inquietante: se altri animali non sono altro che macchine organiche complesse, come hanno suggerito Descartes e altri, forse lo è anche per noi. Sebbene molte persone oggi siano piuttosto a proprio agio con l'idea che siamo animali, ai tempi di Darwin, erano notizie profondamente sgradite. E il fatto è che, per molte persone, lo è ancora.

Ora per alcune buone notizie: nel mio prossimo post sul blog, rivelerò … il significato della vita!

-Questo post è tratto, con modifiche, dal libro Darwin, God and the Meaning of Life di Steve Stewart-Williams – disponibile ora da Amazon.com, Amazon.ca e Amazon.uk.

Segui Steve Stewart-Williams su Twitter

Solutions Collecting From Web of "La mia famiglia e altri animali"