La metafora mentale "Malattia" non ha funzionato: che cosa succederà?

Alcuni decenni fa il filosofo Ludwig Wittgenstein disse che era giunto il momento di iniziare a confrontare le "malattie" mentali con qualcosa di diverso. Cioè, per allontanarsi dalla metafora della "malattia". Non potrei essere più d'accordo. Insistere nel pensare a persone con problemi mentali come "malate" è stato ed è ancora un fallimento strategico e pratico.

Fu all'inizio del 20 ° secolo che la medicina riuscì a strappare il controllo del trattamento del folle ai curatori morali non medici, molti dei quali erano quaccheri. Poi è iniziato quello che il mio amico lo storico sociologo Andy Scull ha definito "un'orgia di sperimentazione" sul pazzo (vedi il meraviglioso libro di Scull, ordine sociale / disturbo mentale, UC Press). La medicina non aveva idea di cosa fare. I pazzi venivano iniettati con sangue di cavallo e febbre malarica, posti in "sacchi di mummia" refrigerati, dati attacchi epilettiformi derivati ​​da canfora, sottoposti a varie terapie di "riscaldamento" – la lista continua. Una teoria, proposta da Henry Andrews Cotton, sosteneva che tutte le forme di follia, dalla delinquenza giovanile alla schizofrenia, erano causate da terzi molari infetti o denti "saggezza". Il suo trattamento? Estrazione di un dente. Tutti questi approcci erano immersi nel riduzionismo biologico e tutti vantarono tassi di guarigione astronomicamente elevati di 70, 80, persino 100 percento. È stato durante questo periodo che il modello della "malattia" ha preso saldamente piede. Presto ci sarebbero stati altri tipi di modelli di crisi, modelli di coma e infine lobotomia. Finalmente arrivarono gli antipsicotici, e quando fecero furono definiti "lobotomie chimiche" perché il loro effetto principale era produrre disinteresse e apatia (proprio come oggi, secondo me).

Il fatto triste è che in oltre 100 anni di ricerca sulla "malattia" mentale guidata da un modello di malattia basato sui difetti, la resa in termini di vera comprensione è stata trascurabile. Potrebbe suonare irrealisticamente scortese, ma ecco cosa intendo. Ancora oggi, non abbiamo idea di cosa sia la schizofrenia, per non parlare di cosa lo causa o come trattarlo efficacemente (per fare solo un esempio). Come disturbo è estremamente eterogeneo; sembra diverso in tutti quelli che "lo hanno". Questa eterogeneità tormenta la ricerca sulla causalità poiché per trovare ciò che causa qualcosa dobbiamo prima sapere che cosa è quel "qualcosa". E parlando di causalità: nessun modello causale di schizofrenia ha mai smesso di funzionare. Nessun sito specifico di patologia cerebrale è stato identificato in modo affidabile. E i modelli biochimici focalizzati sulla dopamina (o sui recettori D2) sono profondamente imperfetti, come ammetteranno la maggior parte di loro. Infine, per quanto riguarda il trattamento, gli antipsicotici sono semplicemente farmaci terribili. Uno studio recente (nel New England Journal of Medicine) dei nuovi agenti ha rilevato un tasso di interruzione del 72%. Perché così in alto? Perché gli effetti collaterali sono debilitanti.

Anche se può sembrare diverso, il caso è più o meno lo stesso per la depressione. Non sappiamo cosa ne sia la causa – sebbene ci siano molte teorie – e i farmaci antidepressivi in ​​media solo leggermente hanno superato il placebo negli studi clinici (uno studio, ad esempio, ha riscontrato un tasso di duplicazione del placebo dell'89% in particolare).

Non sono un semplice Szaszian, ma siamo onesti: i problemi mentali non assomigliano minimamente alla maggior parte delle malattie. Mia figlia ha avuto una frattura composta del suo polso. Il medico ha fatto una radiografia, ed ecco, c'era la pausa, perché tutti potessero vedere. Non c'era alcun mistero su cosa causasse la rottura, e anche nessun mistero su come trattarlo. Con problemi mentali, la diagnosi è abbozzata e quasi mai definitiva (niente UA o prelievo di sangue o scansione cerebrale mi dice cosa tu "hai"), la causalità è un mistero, e il trattamento è prova ed errore (per esempio, nessuno lo sa con nessun grado di certezza quale antidepressivo funzionerà per quale individuo).

Prima facie, il modello della malattia ha molto poco senso. E, ancora più importante, non ci ha portato da nessuna parte. La psichiatria è nelle epoche della pietra.

Si richiede una nuova metafora, una per sostituire "malattia" e "malattia". La domanda è: quale forma dovrebbe assumere?

Solutions Collecting From Web of "La metafora mentale "Malattia" non ha funzionato: che cosa succederà?"