La membrana mente-cervello: un filtro tra mente e cervello?

Risolvere il difficile problema della relazione tra mente e cervello.

wikimedia commons

Fonte: wikimedia commons

Il nostro contatto sensoriale con la realtà esterna è limitato dagli intervalli ristretti che i nostri organi di senso possono registrare. Possiamo vedere solo una piccola parte dello spettro elettromagnetico, soprattutto perché l’atmosfera della Terra scherma così tanto di esso. Non possiamo vedere la maggior parte degli infrarossi mentre alcuni animali possono vedere di più. Possiamo sentire solo una gamma ristretta di suoni potenziali. Le balene possono sentire frequenze molto basse che non possiamo. Gusto, odore e tatto sono allo stesso modo limitati. I nostri organi di senso plasmano la nostra conoscenza di ciò che ci circonda. Agiscono come “filtri” per gli input per il nostro cervello.

Queste limitate gamme di capacità sensoriali sembrano essere state sviluppate per promuovere l’adattamento alla vita sulla Terra.

Molto di più sta succedendo intorno a noi che non possiamo percepire. Ci sono invenzioni o dispositivi che estendono i sensi fisici umani di vista, udito, gusto, odore, pressione, temperatura e gravità.

Eppure c’è ancora di più da scoprire che espandendo le nostre attuali capacità sensoriali. Gli astrofisici possono osservare direttamente solo il 5% dell’universo. Il resto dell’universo sembra essere costituito da una misteriosa sostanza invisibile chiamata materia oscura (25%) e una forza che respinge la gravità nota come energia oscura (70%). Sono chiamati “oscuri” perché gli astrofisici non sanno di cosa sono fatti. Questi elementi oscuri costituiscono il 95% di ciò di cui è fatto l’universo. Ciò significa che l’energia oscura e la materia oscura sono proprio qui con noi proprio adesso. E non possiamo percepirli con i nostri sensi ordinari o con estensori meccanici.

Cos’altro c’è là fuori che non possiamo rilevare con i nostri strumenti estensivi sensoriali?

Alcune coincidenze sono indizi di nuove realtà che non possiamo vedere. Gli esempi includono simulpathity, sentendo il dolore di una persona cara a distanza e GPS umano, arrivando a dove dobbiamo essere senza sapere come.

Nelle giuste condizioni il nostro cervello lascia trasparire esperienze che ci dicono che qualcosa oltre i nostri soliti sensi sta accadendo.

Pianura

Il libro Flatland fornisce un’immagine utile per l’intrusione di qualcosa da una dimensione diversa nella nostra consapevolezza. Fu scritto nel 1884 dal maestro / teologo britannico Edwin Abbott. Il personaggio principale è un quadrato in una popolazione maschile che va dai cerchi (royalty) ai triangoli (lavoratori bassi). Le donne sono segmenti di linea. Osserva un punto sull’aereo che è Flatland. Il punto si espande in un cerchio e poi si ritrae in un punto che poi scompare. The Square cerca di convincere la regalità dell’esistenza di un’altra dimensione. Lo hanno messo in prigione.

Nel nostro mondo 3D, alcune coincidenze possono essere come sfere quadridimensionali che passano attraverso la nostra griglia spazio-temporale.

Alberi come metafore

The Secret Language of Trees sta venendo alla luce.

Comunicano tra loro attraverso le loro radici usando le miglia di funghi che li circondano. Proprio come con gli umani, più sono connessi, più lunga è la loro durata. Potrebbe esserci un “albero madre” che è collegato in lungo e in largo attraverso le sue radici. Quando lei inizia a morire, distribuisce il carbonio e le sostanze nutritive del suo corpo a quei ragazzi più geneticamente come lei.

Ci guardiamo l’un l’altro e noi stessi come se fossimo individui solitari, ma siamo più simili agli alberi di quanto sappiamo. Anche noi possiamo e comunichiamo tra loro attraverso mezzi invisibili, attraverso viticci in un’oscurità invisibile.

Questa oscurità invisibile passa sotto molti nomi: Grande Mente, Coscienza, Madre Mare di Coscienza, Mistero e Dio. Chiamo l’aspetto della maggiore coscienza legata alla Terra, alla Psicosfera, alla nostra atmosfera mentale. Questa descrizione assomiglia all’idea di De Chardin della Noosfera.

La membrana mente-cervello

La Psicosfera è piena di informazioni sull’energia che è attiva, agitata, ribollente e stratificata. (Myers p.121) Le nostre menti individuali sono immerse in esso, ma separate da esso.

Cosa impedisce alle informazioni energetiche della Psichefera di sopraffare le nostre menti individuali? Deve essere il nostro cervello I nostri cervelli si comportano come filtri. Nietzsche ha affermato che la verità è un esercito mobile di metafore. Per qualcosa di così complesso come questa soglia tra la nostra mente e la psicosfera, sono necessarie più metafore. Come i ciechi che ispezionano l’elefante, ogni metafora fornisce una parte diversa della verità. Qui ce ne sono un po:

Cose : valvola di riduzione, soglia, finestra con una tenda, cervello come antenna, TV, radio, smartphone o laptop.
Processi : trasmissione, autorizzazione, risonanza, messa a punto, filtraggio, setacciamento, canalizzazione, repressione, limitazione e forse individuazione delle informazioni dalla Psicosfera.
Variabilità della soglia : diradamento o ispessimento, più o meno permeabile.
La membrana mente-cervello

La membrana cellulare controlla il movimento delle sostanze dentro e fuori le cellule. Le membrane variano nel loro spessore. Possono avere una struttura omogenea o eterogenea. Le membrane possono essere neutre o cariche e il trasporto di particelle può essere attivo o passivo. Quest’ultimo può essere facilitato dalla pressione, concentrazione, gradienti chimici o elettrici del processo di membrana. Questi schemi di attività della membrana possono avere analoghi nella membrana mente-cervello.

Qualunque metafora diventi la realtà futura, la nostra capacità di sperimentare la simulabilità e il GPS umano sono in qualche modo legate agli stati funzionali del cervello. I ricercatori stanno attualmente studiando queste relazioni. Un pezzo avvincente del puzzle coinvolge la rete di modalità predefinita del cervello (DMN) e le sostanze psichedeliche. Le alterazioni nella connettività della DMN sono associate ai cambiamenti di coscienza associati alle esperienze mistiche. Potrebbe il DMN essere funzionalmente correlato alla membrana mente-cervello?

Solutions Collecting From Web of "La membrana mente-cervello: un filtro tra mente e cervello?"