La marijuana può indurre psicosi?

Questa domanda è discussa in modo ricorrente nella stampa popolare e dai blogger online. Quello che ho scoperto è che, a seconda delle motivazioni personali per sostenere o mettere fuori legge l'uso di marijuana, i dati disponibili permettono di formulare argomenti ragionevoli su entrambi i lati del problema. La risposta effettiva è molto più sfumata.

I libri di medicina farmacologica degli anni '70 affermavano che le persone che avevano una storia di frustrazioni ripetute e privazioni, che erano sessualmente disadattate, soprattutto omosessuali o che cercavano di fuggire e talvolta possedevano difetti di personalità e spesso erano psicopatiche, sono il tipo di persone chi fuma marijuana Onestamente, questo è ciò che i medici hanno insegnato quarant'anni fa. Nel 1971, una pubblicazione riportò che "l'uso moderato o pesante della marijuana negli adolescenti e nei giovani senza predisposizione alle patologie psicotiche può portare alla decomposizione dell'ego, dal lieve disturbo dell'ego alla psicosi". Tuttavia, questo studio definiva un utente pesante come qualcuno che fumato fino a 200 sigarette di marijuana al giorno! Se fai i conti, questo è uno spinello ogni cinque minuti di veglia.

In una pubblicazione un po 'più tarda, la teoria della psicosi della marijuana è stata testata di nuovo somministrando questionari a persone che venivano ammesse alle istituzioni mentali nello stato del Missouri. I ricercatori hanno identificato 38 individui che avevano usato marijuana prima di aver mostrato sintomi psichiatrici. Un'analisi preliminare dei risultati ha confermato la loro ipotesi che il fumo di marijuana porti a psicosi. Tuttavia, questi ricercatori hanno deciso di approfondire i loro dati e determinare cos'altro stavano facendo i loro pazienti prima di essere ricoverati in un ospedale psichiatrico. In effetti, altri dieci eventi si sono verificati più spesso rispetto all'uso della marijuana, tra cui la masturbazione, guidare una macchina, bere birra, ballare, fumare prodotti a base di tabacco e baci! Il comportamento più pericoloso che si correla meglio con l'essere ricoverato per psicosi nello stato del Missouri negli anni '70 stava guardando la televisione a tarda notte! Infine, una chiara prova del fatto che guardare Jonny Carson era l'equivalente di un farmaco di base.

Cosa ci fanno oggi indagini simili su questo problema? Fumare marijuana rende più probabile lo sviluppo della schizofrenia? Quaranta anni di ricerca hanno portato alla seguente risposta: sì, e no. Nel complesso, i ricercatori di oggi stanno facendo più attenzione e stanno cercando di portare meno pregiudizi alle loro indagini. Uno studio recente ha chiesto se l'uso di marijuana fosse associato a un'età di esordio più precoce per il primo episodio di schizofrenia. I ricercatori hanno concluso che non vi era alcuna relazione significativa tra l'inizio della malattia e l'uso di marijuana che non poteva essere spiegata da altre variabili demografiche e cliniche. Significa, ancora una volta, è importante prendere atto di tutte le altre variabili che contribuiscono allo sviluppo della psicosi. Ad esempio, è ormai chiaro che la schizofrenia è una malattia ereditaria che viene solitamente diagnosticata durante la tarda adolescenza alla prima età adulta, esattamente il tempo in cui la maggior parte delle persone tende ad usare la marijuana.

Recenti studi hanno anche dimostrato che i recettori endogeni della marijuana nel cervello di una persona con schizofrenia rispondono in modo diverso rispetto a quelli nel cervello di qualcuno senza una predisposizione a questo disturbo. Può darsi che qualcuno che è vulnerabile allo sviluppo di psicosi abbia semplicemente maggiori probabilità di indulgere più spesso nel fumo di marijuana, sperimentare maggiori difficoltà nel controllare la voglia di fumare ed essere più propensi a sviluppare una vera e propria psicosi. Ora sembra che stimolare i recettori endogeni della marijuana possa essere in grado di smascherare i sintomi sottostanti legati alla schizofrenia e ad altri disturbi mentali. Ad esempio, un recente rapporto dalla Danimarca ha dichiarato che fumare marijuana riduce l'età di esordio dei sintomi iniziali del disturbo bipolare. Simile alla schizofrenia, il disturbo bipolare è anche una malattia genetica altamente ereditabile.

Alla luce delle recenti prove, i fumatori di marijuana affrontano un dilemma difficile: si sentono geneticamente fortunati? Non ci sono test genetici accurati attualmente disponibili per informare qualcuno se sono a rischio di sviluppare psicosi o disturbo bipolare. Pertanto, la risposta alla mia domanda posta sopra è ancora "sì, e no". Può semplicemente dipendere dalle carte genetiche che ti sono state distribuite dai tuoi genitori.

© Gary L.Wenk, Ph.D., autore di Your Brain on Food (Oxford, 2010); http://faculty.psy.ohio-state.edu/wenk/

Vedi anche: Marijuana e caffè fanno bene al cervello. http://www.youtube.com/watch?v=2uVXs6CY2ps

Solutions Collecting From Web of "La marijuana può indurre psicosi?"