La marijuana dà dipendenza? Parte 2

La marijuana dà dipendenza? (Parte 2)

La marijuana è la droga più utilizzata dopo l'alcol. È completamente legale in due stati negli Stati Uniti e legale per scopi medicinali in un certo numero di altri stati. Nonostante la crescente legalizzazione degli Stati Uniti e la sua popolarità – dato che è la droga "illecita" più comunemente usata – la marijuana è indubbiamente avvincente per una piccola minoranza dei suoi utenti.

Ho già scritto cose simili prima, quindi ho già anticipato le obiezioni che alcuni porteranno a ciò che sto per scrivere:

-Marijuana è tutto naturale quindi non può essere male per te! (Questo è un argomento non valido. Vedi il mio post precedente seguendo queste linee. Molte cose naturali sono potenzialmente letali, dal tabacco ai ragni della vedova nera fino alla cicuta.)

-alcol è peggio! (Nessuna discussione da parte mia su questo punto – ovviamente l'alcol è la droga più pericolosa tra noi).

-Psychiatrists sono strumenti dell'industria farmaceutica e semplicemente non vogliono vedere un diserbante di erbe Xanax e Klonopin come un rilassante efficace e sicuro. (Questo è un po 'di gioco di prestigio che manca il vero punto in cui la marijuana in sé e per sé causa problemi.Inoltre, sono all'estremità dello spettro di psichiatri che regolarmente e ripetutamente hanno denunciato l'influenza del farmaco industria.)

Un articolo appena pubblicato sul New England Journal of Medicine (NEJM-vedi riferimento sotto) afferma che il 9% degli utenti di marijuana diventerà dipendente da esso e che la sindrome da astinenza da cannabis è reale, dato che gli utenti più esperti avvertiranno voglie, ansia, irritabilità, disforia e difficoltà a dormire quando improvvisamente smettono di fumare marijuana.

L'articolo – che è ben scritto e cita numerosi studi precedenti – osserva che chi inizia a fumare nell'adolescenza è 2 o 4 volte più propenso a diventare dipendente da esso e che l'uso pesante di marijuana nel corso della propria vita è legato al guadagno di un reddito inferiore, maggiore necessità di assistenza pubblica, disoccupazione e minore soddisfazione nei confronti della vita. Anche se molti dei miei pazienti che fumano marijuana sono impiegati con profitto e sono abbastanza felici della loro vita, queste scoperte sono in sintonia con le mie osservazioni generali di coloro che conosco che consumano cannabis.

Inoltre, il pezzo del NEJM rileva che coloro che hanno iniziato ad usare la marijuana pesantemente nell'adolescenza hanno molte più probabilità di diventare dipendenti dalla marijuana, sperimentare sintomi di astinenza se improvvisamente si fermano, diventano dipendenti da altri farmaci oltre alla marijuana, sperimentano depressione e ansia e soffrono ancora di più problemi come risultato dell'uso di un farmaco pesantemente e regolarmente nell'adolescenza dato che il nostro cervello continua a svilupparsi verso la metà degli anni '20.

Possiamo diventare dipendenti da tutto ciò che si sente bene – esercizio fisico, cibo, gioco d'azzardo, sesso, shopping – e la marijuana non fa ovviamente eccezione.

La maggior parte delle persone che consumano cannabis lo fanno senza difficoltà e non diventano dipendenti, e la maggior parte gode di marijuana senza conseguenze negative. Ma ogni adolescente che fuma regolarmente – e tutti quelli che lo fanno per una compulsione – potrebbe pensare seriamente se o lui o lei dovrebbe fermarsi o ridurre seriamente. Il risultato è che la marijuana è fonte di dipendenza per alcuni e i suoi pericoli per chi fuma mentre i giovani sono reali e potenzialmente molto pericolosi a lungo termine.

* Volkow ND, Baler RD, Compton WM, Weiss SR. Effetti dannosi per la salute derivanti dall'uso di marijuana. N Engl J Med. 2014 5 giugno; 370 (23): 2219-27.

Solutions Collecting From Web of "La marijuana dà dipendenza? Parte 2"