La magia e la mente

Sono un antropologo (e talvolta uno psicologo) e quello che faccio è capire come le persone imparano a sperimentare ciò che devono immaginare come reale. Molti anni fa, da giovane etnografo che iniziava la mia ricerca per la tesi di laurea, ho iniziato a studiare persone che praticavano la magia nell'attuale Gran Bretagna. La maggior parte delle persone che ho intervistato pensavano di adorare un'antica dea sotto la luna piena e pendula. Per loro la terra era viva e cercavano di sentire il suo potere pulsare sotto i loro piedi. Pensavano a se stessi come sciamani, druidi, streghe e stregoni, sensibili ai ritmi sottili della terra. Nel frattempo, questi maghi vivevano nella modernissima città di Londra. Hanno svolto lavori moderni e hanno avuto una vita moderna. Ma immaginavano se stessi in un tempo che loro non intendevano come moderni, con pratiche apprese nella saggezza antica. Per capire come sono arrivati ​​a credere nella magia, ho unito i loro gruppi. Ho letto i loro libri e romanzi. Ho praticato le loro tecniche e ho partecipato ai loro rituali.

Per la maggior parte, i rituali dipendevano dalle tecniche dell'immaginazione. Chiudi gli occhi e hai visto con la tua mente la storia raccontata dal leader del gruppo. Nel tardo pomeriggio, praticavo queste tecniche seguendo le istruzioni che mi venivano date. Ecco un esempio di una delle mie prime lezioni (con il merito di una delle mie prime insegnanti, Marian Greene), che ho fatto, in qualche modo, per trenta minuti al giorno per nove mesi:

Lavora attraverso questi esercizi, praticando uno di loro per alcuni minuti ogni giorno, prima o dopo la sessione di meditazione.

1. Alzati ed esamina la stanza in cui stai lavorando. Girare un cerchio completo, esaminando la stanza. Ora siediti, chiudi gli occhi e costruisci la stanza con l'immaginazione. Nota dove la memoria o la potenza di visualizzazione non funziona. Alla fine dell'esercizio riesaminare brevemente la stanza e verificare la precisione. Nota i risultati nel tuo diario.

2. Visualizza attentamente te stesso lasciando la stanza in cui lavori, facendo una breve passeggiata che conosci bene e tornando nella tua stanza. Nota chiarezza, interruzioni di concentrazione, ecc., Come hai fatto prima.

3. Vai per una passeggiata immaginaria. Un compagno immaginario, umano o animale, può accompagnarti. Inizia e termina sempre la camminata nella stanza che usi per gli esercizi. Nota i risultati, ecc. Come prima.

4. Costruisci nell'immaginazione un viaggio dal tuo attuale piano fisico fino alla tua stanza ideale. Inizia il viaggio in ambienti reali, poi gradualmente fai la transizione verso il viaggio immaginario con qualsiasi mezzo desideri. Fai il viaggio da e verso la stanza finché non è del tutto familiare.

Ciò che mi ha sorpreso, come giovane etnografo, è stato che questa formazione ha funzionato. Almeno, sembrava che cambiasse qualcosa nel modo in cui usavo i miei sensi e la mia consapevolezza sensoriale interna. Dopo circa un anno di questo tipo di allenamento, trascorrendo trenta minuti al giorno in un mondo interiore strutturato in parte da istruzioni esterne, il mio immaginario mentale sembrava diventare più chiaro. Pensavo che le mie immagini avessero confini più nitidi, maggiore solidità e maggiore resistenza. Avevano più dettagli. Sentivo che i miei sensi erano più vivi, più vigili. Cominciai a sentire che i miei stati di concentrazione erano più profondi e più nettamente diversi da quelli della mia esperienza quotidiana. Una mattina, mi svegliai presto dopo una serata in cui avevo letto un libro di un mago. Il libro parlava della Britannia di Arthurian e delle prime isole celtiche. Leggendo fino a tarda notte, mi ero lasciato coinvolgere profondamente nella storia, leggendo non il modo in cui leggo un libro di testo, ma il modo in cui leggo libri come il Giardino Segreto da bambino. Ho lasciato il posto alla storia e gli ho permesso di afferrare i miei sentimenti e di riempirmi la mente. Mentre mi svegliavo il mattino dopo vidi sei druidi in piedi contro la finestra, sopra l'agitata via londinese sotto la mia finestra. Li ho visti e loro mi hanno fatto cenno.

Fissai per un attimo un attonito sbalordimento, e poi mi alzai dal letto. Prima che potessi riprendere il momento, erano spariti. Erano stati lì nella carne? Non pensavo Ma il mio ricordo dell'esperienza è ancora molto chiaro. Non ricordo che li avevo immaginati, o che volevo vederli, o che avevo fatto finta di vederli. Ricordo che li vedevo chiaramente e distintamente e come esterni a me mentre vedevo il taccuino in cui registravo il momento, le mie frasi sottolineate e segnate da punti esclamativi. Lo ricordo così chiaramente perché era così singolare. Non mi era mai successo niente del genere prima.

Ma altre persone nel mondo magico hanno avuto esperienze del genere. Hanno praticato gli esercizi, letto i libri e partecipato ai rituali e poi, improvvisamente, avevano visto qualcosa. Videro la Dea, o un lampo di luce, o una visione splendente di un altro mondo. Li vedevano come cose nel mondo, non fantasmi nella mente, anche se poiché l'immagine svaniva quasi immediatamente, sapevano che ciò che avevano visto non era normale. Dissero che le loro immagini mentali erano diventate più acute. Pensavano che il loro senso interiore fosse diventato più vivo.

Questo è ciò che fa l'allenamento. Sposta l'attenzione dall'esterno verso l'interno e offusca la linea che disegniamo tra la mente e il mondo. E, come ho sostenuto nella mia borsa di studio e insegnamento, questo cambiamento altera le linee che disegniamo. La mente sanguina nel mondo, o il mondo nella mente. Non prevedibilmente, e non su richiesta, e per alcuni più di altri, ma quando accade, i sensi sperimentano ciò che non è materialmente presente.

Solutions Collecting From Web of "La magia e la mente"