La lotta per il timore reverenziale in un'era robotica

Quanto segue è tratto dal Prologo del mio nuovo libro The Spirituality of Awe: Sfide per la rivoluzione robotica (Waterfront Press, 2017). Per maggiori informazioni, clicca qui.

Praticamente ogni pericolo sociale che affrontiamo oggi è riconducibile al robotismo; la nostra tendenza ad agire come ed essere sostituiti da macchine. Mentre scrivo queste parole, siamo nel bel mezzo di una tempesta di notizie su twitter, notizie di finzione e propaganda non filtrata che sembrano convergere su uno scopo fondamentale: costringere un popolo bisognoso a "tallonare" ai piedi dei potenti . Proprio qui, negli Stati Uniti amanti della libertà, siamo stati catapultati in un mondo fantastico con una leadership da braccio forte, uno slogan semplicistico e un nazionalismo in stile monarca. Non è che queste qualità siano state assenti in passato nella storia; lontano da esso. Ma ora si mostrano in modi, sia sottili che grossolani, che permeano la vita civica.

Stiamo veramente entrando nell'età dell'incubo orwelliano con il controllo di vaste aree della popolazione statunitense, sia con armi da fuoco o computer o ideologia, alla disperata ricerca di controllo? Disperato per essere tolto dal proprio incubo di impoverimento fisico ed emotivo, dalla routine della routine, dalla mancanza di relazioni, sia essa aziendale o domestica o comunitaria?

Proprio dov'è il mondo del texting e Instagram e Snapchat, le notizie automatizzate, la comunicazione attraverso i byte sonori e lo streaming senza fine che ci accompagna? Come ci ha resi sensibili a un governo che schernisce la libertà di stampa, reprime le indagini e rimprovera i dialoghi tra nazioni, etnie e culture? C'è da meravigliarsi che circa 60 milioni di noi in America abbiano scelto questa contrazione, proprio come la velocità, i risultati istantanei e il packaging della tecnologia hanno raggiunto un picco storico? Cerchiamo FIXES in parte perché questo è ciò che promette la nostra età e, dall'altra parte, fornisce un aiuto scarso o nullo.

L'automazione, il modello di macchina per vivere, sta permeando la nostra coscienza (così come la nostra forza lavoro!) E molti di noi lo accolgono, anzi, ne sono affamati su una miriade di livelli. Questo problema non è meno vero in molte altre parti del mondo, particolarmente militarmente.

Eppure ciò che si perde in questo abbraccio a capofitto è la profondità; la bellezza, non solo delle nostre macchine, ma della nostra carne, la nostra capacità di sentire e la nostra capacità di dimorare nel miracolo dell'ignoto.

La nostra tecnologia migliora questa impresa, ci distrae da essa, ci indica verso di essa? Probabilmente tutti e tre. Ma perché non usiamo i nostri nuovi gadget per attingere a ogni angolo della nostra vitalità e delle nostre capacità di promuovere la vitalità negli altri? Perché è per lo più un tale grind per le persone, e il fastidioso senso che stiamo marciando collettivamente – e volentieri – al nostro destino. Questo almeno è ciò che avvertono molti dei nostri scrittori di fantascienza. I nostri artisti Ma è anche ciò che vedo quotidianamente come uno psicoterapeuta di profondità [1] – gli spiriti scossi di anime un tempo animate; abissi di dolore nel cuore del glitter di silicio.

Lo sguardo, inoltre, non è meno preoccupante. Per oggi ci troviamo di fronte non solo a "miglioramenti" automatizzati, ma a "replicanti" letterali. Si tratta di creazioni che potrebbero non solo sostituirsi, ma potrebbero potenzialmente sostituire le nostre bobine mortali.

Queste sono alcune delle domande pesanti e davvero centrali che inseguo in questo volume. Faccio tutto il possibile per non cadere in un cinismo o in un ansioso entusiasmo, ma piuttosto di sparare direttamente dal cuore. Come psicologo di profondità e testimone privilegiato delle storie più intime della gente (inclusa la mia), cerco di dire chiaramente com'è vivere qui, ora in questa nuova era straziante. Sento che è mio dovere.

[1] Come psicoterapeuta di profondità, il mio interesse è rivolto a incontri relazionali a lungo termine. Mi concentro anche su problemi complessi della vita, come libertà, finitudine e significato, e non solo comportamenti esteriori.

Solutions Collecting From Web of "La lotta per il timore reverenziale in un'era robotica"