La lotta di un soldato con torture, traumi e ferite mortali

Il tenente colonnello Bill Edmonds è stato distrutto quattro anni fa quando ha fatto un inventario morale personale e si è reso conto di aver fatto troppo poco per impedire agli inquirenti iracheni di abusare o torturare i sospettati di detenuti, alcuni dei quali potrebbero essere stati innocenti.

Ha solo approfondito la sua devastazione che aveva raccomandato un'indagine sulla tortura dei presunti ribelli iracheni, apparentemente con le truppe americane complice, ma le indagini dei nostri ufficiali militari hanno sgombrato tutti gli interrogatori.

"Sono arrivato sull'orlo della pazzia e ho letteralmente perso la testa", scrive Edmonds nel suo libro, God Is Not Here . "Disperato e in procinto di perdere la mia vita, ho cercato aiuto, sia per i professionisti della salute mentale che per i miei superiori militari, e hanno alzato gli occhi al cielo".

Parla di un triplo whammy! Quasi tutti gli elementi per la ferita morale sono presenti qui.

Il viaggio di Edmonds all'inferno è iniziato nel 2005 quando, in qualità di ufficiale maggiore e di ufficiale delle forze speciali dell'esercito americano, è stato incaricato di essere un consigliere di un ufficiale dell'intelligence irachena che ha condotto interrogatori nel seminterrato di un palazzo a Mosul che Saddam Hussein chiamava la Guest House.

Ma non era solo un interrogatorio. Gli interrogatori hanno regolarmente mentito agli insorti, dicendo loro che le loro mogli, fratelli o figli erano stati uccisi e che, a meno che non avessero confessato, sarebbero stati bloccati in prigione durante i funerali.

Edmonds aveva vietato le tecniche di interrogatorio estremo sulla scia dei recenti scandali ad Abu Ghraib, ma gli inquirenti iracheni hanno costantemente sostenuto misure più estreme, sostenendo che senza usare la forza per ottenere confessioni, questi assassini sarebbero tornati per strada entro pochi giorni illegalità e violenza contro i soldati americani.

È diventato più difficile resistere, fino a quando Edmonds ha raggiunto un punto di rottura.

"Sento una frattura scivolare al centro del petto", ha scritto. "Stasera, per la prima volta nella mia vita, desidero ardentemente, con fervore, uccidere un altro essere umano. Voglio attraversare questa piccola cella e lasciare che la mia ombra voli. "

Edmonds è stato in grado di andarsene senza perderlo, sebbene abbia scritto: "Sono diventato un uomo che non riconosco più. Mi sono perso. "

Poi è arrivata una nuova sfida: uno degli interrogatori iracheni ha schiaffeggiato un sospetto di fronte a Edmonds. "Indipendentemente dalle mie scuse per ignorare ciò che so è giusto, sono sopraffatto dall'atrocità e dalla disumanità di questi assassini e qui, in queste celle, ho il potere di fermarli", scrive. "E sono moralmente sbagliato quando lo faccio, e quando non lo faccio."

La sua risposta fu di lasciare la prigione, ma questo non fece altro che aumentare il suo senso di colpa mentre pensava a quello che stava probabilmente succedendo ai sospettati che si trovavano lì.

Poi Edmonds scoprì che otto prigionieri iracheni erano dispersi da un'altra delle prigioni irachene dove lavoravano altri consulenti americani. Quando finalmente li rintracciava in un'altra parte dell'Iraq, l'abuso era evidente.

"Questi otto prigionieri … sono stati orribilmente torturati: ustioni, ferite da coltello, ossa rotte, bruciature elettriche e lividi da cavi che tagliavano", ha scritto.

Sospettava che gli iracheni torturassero questi prigionieri in un'altra prigione sorvegliata dagli americani e li mandò in un altro luogo dove non potevano essere trovati. Il suo conflitto su ciò che era giusto contro ciò che poteva salvare vite lo paralizzò per molto tempo, ma alla fine si costrinse a riferire le sue scoperte alle autorità militari.

Fu condannata un'indagine su vasta scala, e tutti furono esonerati, disse.

"Dio mi aiuti", ha scritto. "Perché ho ancora disperatamente voglia di torturare, uccidere, queste persone cattive: posso già sentire il purgatorio che mi insegue. Ma non ho mai fatto ciò che ho scoperto e poi l'ho coperto svanendo! E poi questo? Alla fine ho percepito una luce in lontananza e poi ho scoperto che nessuno dà una cagata? "

Quindi qui hai un uomo terribilmente in conflitto che cerca di costringersi a fare ciò che sa essere moralmente giusto, ma essere tradito dai suoi ufficiali superiori.

Il dott. Jonathan Shay, lo psicologo accreditato di coniare la frase ferita morale, definisce una situazione come quella del tradimento della fiducia. E dice che il tradimento di ciò che è giusto da una persona in un'autorità legittima può compromettere la capacità di fidarsi e elevare la disperazione, la suicidalità e la violenza interpersonale.

Cinque anni dopo, Edmonds iniziò un crollo di un mese. Cercò disperatamente di risolvere il suo problema da solo perché non voleva mettere a repentaglio la sua autorizzazione di sicurezza top-secret, ma non poteva funzionare.

Quando ha cercato aiuto in una clinica di salute mentale di base, uno psicologo ha ascoltato tutta la storia che era in grado di dire, poi gli ha detto che non c'era nulla di sbagliato in lui e lo aveva mandato a casa. Questo è probabile perché i suoi sintomi erano quelli di qualcuno che soffre di una ferita morale, e la definizione medica di PTSD non include ferite morali. La diagnosi tradizionale di PTSD riguarda solo ciò che gli altri stanno tentando di fare per te: l'offesa morale riguarda ciò che hai fatto agli altri o non è riuscito a farlo per gli altri. PTSD dovrebbe comprendere entrambi gli aspetti, ma attualmente non lo fa.

Quindi Edmonds ha detto che i dottori gli hanno detto che non aveva problemi, basta andare a casa e farsi prendere. E quello, ovviamente, fu un altro tradimento.

Quando ha riferito per il lavoro, Edmonds ha detto ai suoi capi cosa pensava avrebbero scoperto comunque, che era andato in una clinica di salute mentale in cerca di aiuto per il DPTS. Con ciò, ha concluso, hanno concluso che era un rischio per la sicurezza e ha reso la sua vita un inferno ancora più grande per un mese finché non gli hanno detto che se si fosse trasferito volontariamente dall'unità, l'episodio non si sarebbe riflesso nel suo file personale .

Enorme tradimento e una ferita morale aperta.

"Non so come mettere l'Iraq in parole", ha scritto Edmonds. "Non ho le parole per descrivere quella lotta interiore, come i miei molti sé hanno lottato per navigare in un campo di battaglia morale durato un anno. Come ogni giorno sono stato costretto a fare una scelta – torturo un altro essere umano o no – e come ogni giorno, più e più volte, non importa la decisione, ho fatto una scelta sbagliata schiacciante l'anima, e come l'altro sottolinea la guerra, l'attesa quotidiana della morte, la strategia fallimentare della guerra, l'isolamento, l'ambiente austero e la fidanzata a casa, come queste altre cose hanno solo compromesso la mia immunità mentale, hanno abbassato la mia resistenza. Col tempo, la mia mente ha rallentato, e poi ho solo … spento. Chiudo."

Hai notato quella frase, "Non ho le parole"?

Questo è esattamente ciò di cui parlava Bessel van der Kolk un paio di mesi fa a Philadelphia. Quando un cervello viene traumatizzato, la corteccia prefrontale – il centro del processo decisionale razionale ed etico – si spegne. In particolare, il centro linguistico del cervello, l'area di Broca, si spegne. "Senza un'area funzionante di Broca, non puoi esprimere i tuoi pensieri e sentimenti in parole", ha detto van der Kolk.

Se Edmonds non poteva parlarne, poteva almeno provare a scrivere su di esso. E la scrittura è diventata la sua terapia.

Alzandosi molto prima dell'alba, pensò a ciascuno dei dilemmi morali in cui si era trovato. Lentamente, analizzò ciascuna delle azioni che aveva intrapreso … o non riuscì a prendere. E quando sentì che la sua analisi era onesta e accurata, la scrisse su un blocco sul tavolo della cucina mentre sua moglie e i suoi bambini dormivano.

"La lezione principale che ho tolto dal mio esame morale è che non è la persona che è cattiva – è la situazione", mi ha detto Edmonds durante una cena di recente a Washington, DC

Il suo libro termina con una affermazione provocatoria: "L'infinita ricerca di redenzione è il modo in cui sopravvivo al mio purgatorio." Ho chiesto se questo significava che stava cercando di fare espiazione per quello che aveva fatto, o non era riuscito a fare, ed Edmonds ha detto che era giusto.

"La mia decisione di scrivere è stata la mia terapia, solo per me", ha detto. "Ma la mia decisione di pubblicare quella scrittura è stato il mio modo di cercare la redenzione".

Solutions Collecting From Web of "La lotta di un soldato con torture, traumi e ferite mortali"