La lingua è un istinto?

 Vyvyan Evans
Fonte: fonte: Vyvyan Evans

Nel mio recente libro, The Language Myth , indago su uno dei temi dominanti che ha preoccupato lo studio della lingua negli ultimi 50 anni circa: se i rudimenti della capacità umana per la grammatica, dal centro al linguaggio, sono innati. Questa idea ebbe origine dalla ricerca del linguista e filosofo americano Noam Chomsky, che iniziò negli anni '50 e raccoglieva lo slancio dagli anni '60 in poi. L'idea, in sostanza, è che i bambini umani nascono equipaggiati con una Grammatica Universale specifica per specie, una pre-specificazione genetica per la conoscenza grammaticale, che "accende" in un punto iniziale del processo di acquisizione della propria lingua madre; e stando così le cose, ci vuole molto del dolore per l'apprendimento delle lingue. Da questa prospettiva, i bambini umani acquisiscono un linguaggio perché hanno una conoscenza hard-wired di aspetti della grammatica, anche se non c'è un consenso significativo su ciò a cui questi aspetti potrebbero equivalere, anche dopo oltre 40 anni di ricerche. Ciò consente a un bambino, così afferma la linea di partito, di "raccogliere" la propria lingua nativa. Ho presentato uno schizzo molto parziale, con le unghie e un pollice di alcune delle questioni rilevanti in un breve saggio divulgativo popolare, pubblicato nella rivista Aeon, qui. E, ho discusso ulteriormente i problemi in un'intervista radiofonica completa, disponibile per essere ascoltata qui.

The Language Myth
The Language Myth (Cover design di Zoe Naylor, riprodotto con permesso)

In una serie di post recenti, riassunti qui, un certo numero di distinti linguisti, che aderiscono largamente alla proposta di Chomsky che esiste un'innata Grammatica Universale, suggeriscono che io abbia travisato le rivendicazioni associate al programma di ricerca che circonda questa ipotesi, e / o frainteso; e, in tre casi specifici a cui attirano l'attenzione, che ho sostenuto le mie argomentazioni usando scoperte che affermano essere state confutate – compaiono, almeno in un caso, quando discutono di ciò che è noto in gergo come Compromissione specifica della lingua, per riferirsi al breve saggio di Aeon, piuttosto che alla discussione più completa nel libro.

Il mito della lingua è scritto per un pubblico generale – non specificamente linguisti professionisti – e assume la forma di una confutazione basata sull'evidenza di aspetti della visione del mondo sviluppati nei libri popolari e più venduti scritti dal professor Steven Pinker della Harvard University. Infatti, il primo libro popolare di Pinker, The Language Instinct , pubblicato nel 1994, fornisce il mio libro con il suo titolo, anche se con una svolta: The Language Myth gioca sul titolo del libro di Pinker, che ho scelto come "mito della lingua". In effetti, affermare che il linguaggio è un istinto è evidentemente un mito, come sottolineato per la prima volta dallo psicologo Michael Tomasello nel 1995 – vedi la sua recensione del libro qui.

Ma, soprattutto, The Language Myth assume direttamente quello che vedo come la più ampia visione teorica e ideologica di ciò che altrove ho soprannominato la scienza del linguaggio "razionalista". Mentre il mio obiettivo è la presentazione nei vari libri di Pinker, comprende necessariamente molto più del semplice programma di ricerca avviato da Chomsky e dai suoi colleghi di lavoro.

Affronta anche questioni e questioni fondamentali nella scienza cognitiva più in generale, e la gamma di linguisti, psicologi e filosofi anglo-americani della seconda metà del XX secolo che hanno contribuito a modellarla. Per esempio, considero la natura dei concetti, i nostri "mattoni" del pensiero – e se questi possano essere innati, in un senso significativo – la relazione tra linguaggio e sistemi di comunicazione di altre specie; se il linguaggio, e la mente più in generale, potrebbe consistere in sistemi neurologici distinti e incatenati – a volte indicati come "moduli" – che si sono evoluti indipendentemente l'uno dall'altro, per una specifica funzione mentale; se la mente umana ha il suo sistema operativo mentale innato – a volte indicato come "menteneo", o il nostro linguaggio del pensiero; e se la lingua può, in una qualche forma o forma, influenzare modelli abituali di pensiero – a volte indicato come il principio della relatività linguistica, notoriamente proposto da Benjamin Lee Whorf (e da non confondere con l'argomento uomo-paglia per il determinismo linguistico – il idea che il pensiero non sia possibile senza il linguaggio, il pensiero è chiaramente possibile senza linguaggio, come sappiamo dalla ricerca sui bambini pre-linguistici, gli adulti che hanno sofferto della perdita della lingua – noti come "afasia" – così come studi su altre specie, che hanno capacità analitiche spesso sofisticate, in assenza di linguaggio, Whorf ha esplicitamente discusso contro il determinismo linguistico).

La visione del mondo razionalista si riduce all'affermazione che le capacità linguistiche e cognitive degli esseri umani debbano alla fine, e almeno a grandi linee, essere biologicamente pre-programmate: che non c'è altro modo, in definitiva, per rendere conto di ciò che sembra essere unico per la nostra specie In The Language Myth , sostengo che ci sono sei "sotto-miti" che compongono e mutuamente informano e sostengono questa particolare posizione. Li ho soprannominati "miti", perché sono stati proposti, nella maggior parte dei casi, prima che fossero disponibili prove reali a favore o contro. E poiché le prove sono diventate disponibili, la maggior parte dei commentatori obiettivi sarebbe difficile affermare che ognuno di questi "miti" ha molto in termini di prove chiare per sostenerli – io prendo una posizione leggermente più forte, naturalmente; la mia valutazione è che non ci sono quasi prove credibili. Quindi, ecco i sei:

Mito n. 1: il linguaggio umano non è correlato ai sistemi di comunicazione degli animali.
Il mito sostiene che il linguaggio è riservato agli umani e agli umani da soli; non può essere paragonato a qualcosa che si trova tra i non umani, ed è estraneo a qualsiasi capacità comunicativa non umana. E il mito rafforza la visione secondo cui esiste un'immensa divisione che separa il linguaggio umano dai sistemi comunicativi di altre specie. E più in generale, separa gli umani da tutte le altre specie. Ma le scoperte recenti sul modo in cui le altre specie comunicano, dalle scimmie alle balene, dai cercopitechi agli storni, suggeriscono sempre più che una tale visione possa esagerare la divisione che separa il linguaggio umano dai sistemi comunicativi non umani. Infatti, molte delle caratteristiche esibite dal linguaggio umano si trovano, a vari livelli, in un ampio spettro di sistemi di comunicazione animale. In realtà, possiamo imparare di più sul linguaggio umano e su cosa lo rende speciale, cercando di capire in che modo si relaziona con i sistemi di comunicazione di altre specie. Ciò suggerisce che, sebbene il linguaggio umano sia qualitativamente diverso, è correlato ad altri sistemi di comunicazione non umani.

Mito 2: Esistono universali linguistici assoluti.
La linguistica razionalista propone che i bambini umani entrino nel mondo pre-equipaggiato per imparare la lingua. Il linguaggio emerge senza sforzo e automaticamente. E questo perché siamo tutti nati con una grammatica universale: una pre-specifica per certi aspetti della grammatica; qualunque sia la forma ultima di questi "universali" putativi potrebbe essere – un essere universale una caratteristica della grammatica che è, almeno in linea di principio, capace di essere condivisa da tutte le lingue. Inoltre, poiché si presume che tutte le lingue derivino da questa Grammatica Universale, lo studio di una singola lingua può rivelare il suo design, un'affermazione esplicita fatta da Chomsky nella sua scrittura. In altre parole, nonostante abbia diversi sistemi audio e vocabolari, tutte le lingue sono fondamentalmente come l'inglese. Quindi, un linguista teorico, con l'obiettivo di studiare questa innata Grammatica Universale, non ha, in effetti, bisogno di imparare o studiare nessuna delle lingue esotiche là fuori – dobbiamo concentrarci solo sull'inglese, che contiene le risposte a come tutte le altre lingue lavoro. Ma come il mito che il linguaggio non è correlato alle forme animali di comunicazione, il mito degli universali linguistici è contraddetto dalle prove. Io sostengo, nel libro, che il linguaggio emerge e si diversifica durante e specifici casi di uso della lingua.

Mito n. 3: la lingua è innata.
Nessuno contesta che i bambini umani vengano al mondo preparati biologicamente per il linguaggio, dall'apparato di produzione vocale, alla capacità di elaborazione delle informazioni, all'archiviazione della memoria, siamo dotati neurobiologicamente di acquisire la lingua parlata o firmata in un modo che nessun'altra specie è. Ma la questione sotto il microscopio è questa: la visione del mondo della linguistica razionalista propone che un particolare tipo di conoscenza – conoscenza grammaticale – debba essere presente alla nascita. La conoscenza linguistica, una grammatica universale con cui tutti gli esseri umani sono nati, è strettamente connessa al microcircuito del cervello umano. L'idea che la lingua sia innata è, sotto molti aspetti, molto attraente; in un colpo solo, risolve il problema di cercare di spiegare come i bambini acquisiscono la lingua senza ricevere feedback negativi, dai loro genitori e badanti, quando commettono errori – è stato ampiamente riportato che i genitori, per la maggior parte, non sistematicamente correggere gli errori che i bambini fanno mentre acquisiscono la lingua. E i bambini possono e acquisiscono la loro lingua madre senza correzioni di alcun tipo. Inoltre, i bambini hanno acquisito la lingua parlata prima di iniziare l'istruzione formale: ai bambini non viene insegnata la lingua parlata, ma la acquisiscono, apparentemente automaticamente. Ma una visione così forte probabilmente elimina la necessità di molto nel modo di apprendere: a parte il compito relativamente insignificante di imparare le parole di qualsiasi lingua siamo finiti a parlare. I fondamenti della grammatica, comuni a tutte le lingue, sono, almeno in qualche forma pre-specificata, presenti nel nostro cervello prima della nascita, quindi il mito della lingua sostiene. Ma come sostengo nel libro, una grande quantità di prove mostra che queste ipotesi specifiche non sono corrette.

Mito n. 4: linguaggio un modulo distinto della mente.
Nel pensiero occidentale c'è stata una tradizione venerabile in cui la mente è stata concepita in termini di facoltà distinte. Con l'avvento della scienza cognitiva negli anni '50, il computer digitale divenne l'analogia della scelta per la mente umana. Mentre l'idea che la mente sia un computer è stata un'euristica centrale e altamente influente nella scienza cognitiva, la proposta radicale, secondo cui la mente, come il computer, è anche modulare, è stata fatta dal filosofo della mente Jerry Fodor. In un libro ormai classico, Modularity of Mind, pubblicato nel 1983 i cui riverberi sono stati percepiti fino ad oggi, Fodor ha proposto che il linguaggio sia l'esempio paradigmatico di un modulo mentale. E questa visione, dal punto di vista della linguistica razionalista, ha perfettamente senso. Secondo Fodor, un modulo mentale è realizzato in un'architettura neurale dedicata. Gestisce un tipo specifico e limitato di informazioni ed è impermeabile al funzionamento di altri moduli. Di conseguenza, un modulo può essere disabilitato in modo selettivo, causando la rottura del comportamento associato al modulo. E come un modulo si occupa di un tipo specifico di informazioni, il modulo emergerà nel punto particolare durante il ciclo di vita quando è necessario. Quindi, un modulo mentale, in termini evolutivi, segue un programma caratteristico. L'idea che la mente sia modulare potrebbe, a prima vista, avere un senso intuitivo. Nella nostra vita quotidiana associamo parti componenti di artefatti con funzioni specifiche. Il principio di modularità del design è sia un approccio pratico e ragionevole alla produzione non solo dei computer, ma di molti, molti aspetti dei prodotti di uso quotidiano, dalle automobili ai giocattoli per bambini. Tuttavia, le prove, come sostengo nel libro, forniscono pochissimi motivi per pensare che il linguaggio sia un modulo mentale, o addirittura che la mente sia modulare.

Mito n. 5: esiste un mentene universale.
Il mito della lingua sostiene che il significato nei linguaggi naturali, come l'inglese, il giapponese o qualsiasi altra cosa, deriva, in definitiva, da un linguaggio universale del pensiero: il menteneo. Il mentalismo è il linguaggio interno o privato della mente e rende possibile il pensiero. È universale nel senso che tutti gli umani nascono con esso. È simile al linguaggio, costituito da simboli, che possono essere combinati con regole di sintassi mentale. Senza Mentalese non potremmo imparare i significati delle parole in ogni lingua data, parlata o firmata. Ma come mostro nel libro, Mentalese assume una visione della mente sbagliata: presuppone che le menti umane siano simili al computer. Soffre anche di una serie di altre difficoltà, che rendono questa ipotesi profondamente problematica.

Mito n. 6: La lingua non influenza (pensiero abituale del) pensiero.
Mentre tutti accettano che il linguaggio influenzi il pensiero nel senso che usiamo il linguaggio per argomentare, persuadere, convincere, sedurre e così via, secondo il mito, il pensiero è, in linea di principio, indipendente. Il mito sostiene che il Principio della Relatività Linguistica – che schemi sistematici nelle rappresentazioni grammaticali e semantiche attraverso le lingue influenzino le corrispondenti differenze nei modelli di pensiero attraverso le comunità – è completamente sbagliato. Come mostro nel libro, non solo Pinker, e altri razionalisti maltrattano la tesi della relatività linguistica, che la lingua che parliamo influenza come abitualmente pensiamo, classifichiamo e percepiamo il mondo – anche lui ha torto in un altro modo. Nonostante l'affermazione di Pinker al contrario, ora c'è una quantità significativa di prove scientifiche che suggeriscono che, in realtà, lo schema linguistico della nostra lingua nativa ha conseguenze indelebili e abituali su come percepiamo il mondo. Naturalmente, sorge la domanda su quanto sia significativo, in termini di influenza delle visioni del mondo individuale e culturale, si prende questa prova. In un recente libro, The Language Hoax , il suo autore, John McWhorter, minimizza il significato degli effetti relativistici di diverse lingue nelle menti di comunità distinte di utenti di lingue. Anche se non sono d'accordo con la posizione di McWhorter – e la sua revisione delle prove rilevanti è al massimo parziale – date le sofisticate metodologie che esistono ora per indagare direttamente e indirettamente la funzione cerebrale durante l'elaborazione cognitiva e percettiva di routine, qualsiasi commentatore oggettivo sarebbe difficile negare l'influenza relativistica degli aspetti linguistici e non linguistici della funzione mentale.

In definitiva, indipendentemente dal fatto che uno accetti o meno l'argomento generale che faccio, in The Language Myth , si riduce agli impegni ideologici e ai propri impegni teorici. La ricerca accademica, come qualsiasi altra attività umana, abita una nicchia socio-culturale. E le idee nascono da presupposti e principi, a volte esplicitamente provati, a volte no, avvolti nell'ambiente istituzionale che li aiuta a dare loro la vita e a sostenerli. In termini di elementi specificamente Chomskyan del punto di vista del mondo razionalista a cui discuto, il mio punto di vista è che forse il più dannoso di tutti è stato l'insistenza che lo studio del linguaggio possa essere separato in due distinti reami: '-la nostra conoscenza interna e mentale del linguaggio- e' performance'-il modo in cui usiamo il linguaggio. La posizione di Chomsky è che le prestazioni derivano dalla competenza, data la sua assunzione che aspetti fondamentali della competenza – la nostra Grammatica Universale – sono, in un certo senso, presenti alla nascita. Quindi, la competenza, piuttosto che la prestazione, costituisce l'oggetto di studio appropriato per la scienza della lingua. Ma io, e molti altri linguisti, crediamo che le prove ora dimostrino chiaramente questa prospettiva come errata: la nostra conoscenza del linguaggio, la cosiddetta "competenza", nasce in realtà dall'uso, dalla "performance". E l'errore logico di Chomsky, come mi caratterizza, ha tenuto il campo della linguistica (anglo-americana) per troppo tempo.

La mia motivazione per scrivere The Language Myth e smascherare la visione del mondo presentata nella popolare scrittura di Pinker era la seguente. Le famose presentazioni di Pinker della scienza cognitiva razionalista, almeno tra gli studenti universitari e neolaureati, e il pubblico laico informato, sono probabilmente meglio conosciute del lavoro di Chomsky, Fodor e degli altri protagonisti della scienza cognitiva razionalista. E la sua caratterizzazione – che piaccia o no l'analogia del linguaggio come "istinto", che Pinker ha coniato – del linguaggio e della mente come, in definitiva, le costruzioni biologiche, è ampiamente creduta. Molti dei libri di testo standard, utilizzati nelle università stellari in tutto il mondo di lingua inglese, promuovono le opere di Pinker come letture essenziali. Inoltre, descrivono i tipi di argomenti che promuove come fatti accertati. Le cose non sono così chiare. Per lo meno, la visione del mondo razionalista (divulgazione della) è davvero molto instabile. Io, naturalmente, non ho scritto Il mito della lingua per i razionalisti impegnati; Non pretendo di essere in grado di convincerli – a mio parere, almeno per me, nel caso di molti di questi colleghi, il loro impegno è ideologico, piuttosto che basarsi su una valutazione obiettiva e critica e sull'apprezzamento delle prove voluminose . E naturalmente, mentre possono accusarmi di essere parziale e / o incline a fraintendimenti nella mia presentazione, come mostro in The Language Myth , la stessa accusa deve essere applicata a Pinker, ma con diversi gradi di magnitudine!

Nei miei prossimi post, esaminerò alcune prove, a favore e contro, ciascuno dei miti componenti che costituiscono la visione del mondo razionalista. E così facendo, affronterò anche alcune delle critiche sollevate dai colleghi di Chomksyan che hanno contestato il mio ritratto delle cose. Qualunque cosa si pensi su questi temi, questi sono tempi affascinanti nello studio del linguaggio e della mente, e un momento emozionante per essere un linguista accademico. E il mio consiglio a tutte le persone obiettive e curiose è di leggere The Myth Myth e di pensare. Di seguito sono riportate alcune recensioni rappresentative e di alto profilo del libro, per darti un'idea di cosa c'è in negozio.

Revisione del libro in The New Scientist 18 ott 2014
Revisione del libro in Times Higher Education il 13 novembre 2014

Solutions Collecting From Web of "La lingua è un istinto?"