La lezione importante di March Madness

Di solito uso il mio blog per discutere l'importanza di relazioni affettuose e strette per il benessere e la salute. Come milioni di americani, però, ho trovato il tempo nel mio programma di marzo per seguire il torneo di pallacanestro maschile della divisione 1 della NCAA. Insieme alla maggior parte dei fan, ho rallegrato di gioia ogni volta che la mia squadra preferita ha prevalso e ho sofferto la delusione della sua recente sconfitta. E in questo processo, mi è stato ricordato come educatore dell'importanza della competizione e del danno che facciamo ai bambini quando li difendiamo da esso.

Nelle partite Elite Eight di ieri, Notre Dame ha perso nell'ultimo secondo di gioco l'imbattuto Kentucky dopo aver guidato per gran parte del gioco, e l'Arizona ha subito una perdita straziante nel Wisconsin, la stessa squadra che li ha buttati fuori dal torneo dello scorso anno. In entrambi i casi, sia i vincitori che i perdenti si sono complimentati con i loro concorrenti per una partita molto combattuta. Non c'erano "trofei per tutti" assurdità. Le perdite hanno prodotto lacrime e autentiche delusioni per giocatori, allenatori e fan, ma c'era una comprensione collettiva che, nonostante quanto ci provassero, non tutti possono vincere.

pixabay.com used with permission
Fonte: pixabay.com utilizzato con permesso

Accettiamo la realtà della competizione in molti ambiti della vita. Nelle gare politiche, qualcuno vince e qualcuno perde. Ci rendiamo conto quando intervistiamo per un nuovo lavoro o facciamo una promozione che potremmo ottenere e potremmo non farlo. La competizione non è una costruzione culturale o sociale; ha profonde radici evolutive. Il brivido della vittoria e l'agonia della sconfitta servono a fini adattativi per la specie umana e noi miniamo questi vantaggi quando proteggiamo i nostri figli dall'inconveniente della competizione in uno sforzo fuorviante per proteggere la loro autostima. Sia distribuendo nastri a tutti o eliminando del tutto i contest, proteggiamo le emozioni dei nostri bambini nel breve periodo, impedendo loro di sviluppare le importanti abilità di vita di essere gentili nella vittoria e accettare la realtà della sconfitta. Vedo gli effetti di questa pratica negli studenti universitari che si aspettano di ricevere punti semplicemente mostrando e provando, indipendentemente da come effettivamente si esibiscono.

In marzo Madness, i vincitori avanzano per giocare un'altra partita e i perdenti tornano a casa per raggrupparsi. Gli atleti delle squadre perdenti non vincono trofei. Possono provare soddisfazione nel sapere che hanno giocato più duramente, ma non richiedono punti per lo sforzo. Riconoscono di essere stati battuti, si congratulano con i loro avversari e vivono per combattere un altro giorno. C'è una lezione importante qui per i nostri bambini: la misura del personaggio non è in se vinci o perdi, è in come vinci e come perdi.

Visitami su www.koryfloyd.com

Solutions Collecting From Web of "La lezione importante di March Madness"