La lega di chirurgia anti-estetica: ha conseguenze inaspettate?

Le notizie sulla formazione di una Lega di Chirurgia Anti-Cosmetica probabilmente fecero sorridere la maggior parte delle donne di una certa età, almeno quelle le cui facce senza botox gli permettevano ancora quella naturale espressione.

Com'era piacevole e stimolante leggere che Kate Winslet aveva arruolato i suoi amici britannici, Emma Thompson e Rachel Weisz, per la causa. Winslet ha dichiarato al The Telegraph: "Non cederò mai. [La chirurgia estetica] va contro la mia morale, il modo in cui i miei genitori mi hanno cresciuto e quello che considero essere una bellezza naturale." Weisz ha accettato, dicendo: "Le persone che sembrano troppo perfette non sembrare sexy o particolarmente bella ", ed Emma Thompson, la più grande delle tre, ha aggiunto:" Non sto scherzando con me stesso. Siamo in questa terribile cosa guidata dai giovani, ora dove tutti hanno bisogno di guardare 30 a 60. "

In seguito a questa proclamazione pubblica, le donne di tutto il mondo sono state chiamate a partecipare prendendo "The Pledge" contro la chirurgia plastica. Su un blog popolare, l'autore Christie Mellow ha scritto: "Con la presente mi impegno a non sparare alla tossina del botulismo nella mia fronte a due centimetri da dove è ospitato il mio cervello. Mi impegnerò solennemente a non avere pezzi di plastica inseriti sotto la pelle dei miei zigomi e il mio mento. Potrebbe volere una volontà d'acciaio, ma mi impegno a non lasciare mai che un chirurgo mi togli la pelle dalla faccia così da poter riorganizzare e stringere i miei lineamenti. "

Tre applausi! Anca, anca, evviva queste tre coraggiose attrici britanniche e le donne che protestano contro la chirurgia plastica!

Ma più ci penso, meno mi sento positivo per l'idea di una Lega di Chirurgia Anti-Cosmetica, specialmente quella promossa da questo trio di donne famose. Mentre li applaudo per la consapevolezza dei problemi creati dall'ossessione della nostra cultura di giovinezza, bellezza e perfezione, e usando la loro posizione di celebrità per chiarire il loro punto di vista, l'impatto sulla donna di tutti i giorni potrebbe effettivamente avere risultati inaspettati e indesiderati.

Vedete, donne come Winslet, Weisz e Thompson possono permettersi, finanziariamente e in altro modo, di opporsi a chirurgia, photoshop e aerografia. Sono stati benedetti con buoni geni e opportunità illimitate di prendersi cura dei loro sé fisici. Inoltre, probabilmente non hanno ancora sperimentato il loro vero "momento uh-oh" nel processo di invecchiamento – quel momento istintivo quando lo specchio dice che le cose sono dirette a sud e non torneranno mai più indietro. Forse Thompson, a 52 anni, ha intravisto il suo, ma Winselt, 36 anni? O Weitz, 41 anni? Inoltre, con i loro istruttori, stilisti, consulenti di moda e bellezza disponibili per una manutenzione costante, possono davvero sapere cosa pensano e pensano le donne di tutti i 50 e 60 anni?

Con le donne che sono così autocritiche in ogni caso, semplicemente non hanno bisogno di più per stare male. "Immoral" è una parola forte, e le donne che scelgono di migliorare il proprio aspetto si sentono già in conflitto. Sentono "50 sono i nuovi 40" e se non li guardano e si sentono in quel modo, gli viene detto di "reinventare, rivitalizzare e ringiovanire". Quello che segue per la maggior parte delle donne è l'ambivalenza; una collisione di valori che chiamo "paradosso della bellezza". Ci concentriamo sui nostri corpi e volti perché ci farà sentire meglio o perché siamo vittime della mania anti-invecchiamento? Stiamo scegliendo di sembrare più giovani dei nostri anni per rimanere competitivi – professionalmente e personalmente – o non abbiamo altra scelta in questa cultura ossessionata dai giovani? Dovremmo anche preoccuparci del tutto, quando ci sono così tante altre cose più importanti di cui preoccuparsi? Abbiamo lavorato troppo e siamo arrivati ​​troppo lontano per essere così confusi da vanità superficiale, giusto?

Bene, non esattamente. Per come la vedo io, le donne di oggi sono nei lanci di un esperimento antropologico. Stiamo vivendo più a lungo che mai, aspettandoci di sentirci vitali e attraenti nei nostri anni '80 e '90, con pochi modelli di comportamento che sono all'avanguardia. Abbiamo sentito che "l'età è solo un numero" o "è la mente sulla materia" e che il nostro obiettivo è invecchiare con grazia e dignità, ma cosa significa veramente? Lasciarsi andare "al naturale"? Diventare nonne e ignorare l'importanza di come guardiamo, vestiamo e ci prendiamo cura di noi stessi? Io non la penso così-è solo più complicata!

La chirurgia plastica e le procedure cosmetiche non invasive entrarono in scena perché promettevano soluzioni "semplici" alle complicate paure dell'invecchiamento delle donne. Erano visti come la speranza in un barattolo, la magia in un ago, la trasformazione con un bisturi – specialmente quando diventavano più raffinati e facilmente accessibili. Ma mentre osservavamo la loro ascesa in popolarità, abbiamo anche assistito all'inizio di una china scivolosa, con un crescente uso eccessivo, spesso fornito da professionisti senza licenza, offerto a donne che non avevano pensato alle loro conseguenze a lungo termine. Poi sono arrivati ​​i lavori mal riusciti, i volti congelati ei disastri dei fiumi di Joan.

Ma la Lega della Chirurgia Anti-Cosmetica è il miglior antidoto per una cultura ossessionata dalla bellezza e dalla giovinezza impazzita? Dobbiamo condannare quelle donne che optano per procedure dermatologiche o cosmetiche se le hanno scelte per sentirsi meglio con se stesse? Queste celebrità famose e meravigliose devono essere così ipocrite da tutto questo?

Invece, che ne dici di unirci tutti insieme per diventare più chiari sulle scelte che abbiamo, chirurgiche o meno, mentre sfidiamo le immagini irrealistiche create dai media e i pericoli che esse rappresentano per le donne che cercano di raggiungerle. Alla fine, non sta lavorando insieme contro la restrittiva definizione di bellezza, piuttosto che il restringimento delle scelte delle donne: il nostro obiettivo finale?

Sicuramente questo movimento di Anti-Cosmetic Surgery è legato a problemi più grandi che vanno oltre le stelle del cinema, le celebrità e la moralità di alterare le loro immagini nella vita o sullo schermo. Non si tratta solo di Hollywood, ma di tutte le donne di tutto il mondo che sentono un'enorme pressione per mantenere la loro giovinezza e la loro bellezza in modi non realistici. Si tratta di come possono affrontare queste pressioni e trovare mezzi fattibili per sentirsi bene con se stessi a qualsiasi età. Le donne stanno iniziando a vedere trasformazioni estreme e radicali attraverso la chirurgia estetica come una tendenza a ribellarsi. Il desiderio di autenticità sta iniziando a farsi strada, sia tra le celebrità che tra le donne di tutti i giorni. Sosteniamo questo importante movimento e tutto ciò che rappresenta. Ma soprattutto, sosteniamo le donne che si distinguono per la libertà di scelta.

Cosa ne pensi della Lega Anti-Cosmetic Surgery?

Solutions Collecting From Web of "La lega di chirurgia anti-estetica: ha conseguenze inaspettate?"