La guida definitiva di Hacking Happiness

Ansia e depressione sono in aumento: uno studio mostra che l'uso di antidepressivi è aumentato di oltre il 400% negli ultimi anni. Attualmente, un americano su 10 usa un farmaco psicotropico per l'ansia, la depressione o condizioni simili. Uno studio recente ha rilevato che questo aumento dell'ansia e della depressione si verifica anche negli adolescenti.

Le ricerche di Shelly Gable e Jonathan Haidt suggeriscono che in realtà abbiamo tre volte più esperienze positive che negative. Allora perché i nostri livelli di felicità non sono più alti e cosa possiamo fare a riguardo?

Un intero campo di psicologia positiva alla ricerca si è sviluppato attorno a questa domanda. E gli scienziati non sono gli unici a fare questa domanda; così è per tutti gli altri, il che spiega la recente ondata di libri sulla felicità (ce ne sono oltre 72.000 attualmente quotati su Amazon); frequenza alle lezioni di yoga (oltre 20 milioni) e seminari di meditazione; e la crescita di siti web dedicati alla felicità crescente (come Fulfillment Daily, Happier e Happify).

La Silicon Valley ha aderito alla gara e utilizza nuovi concetti dalla psicologia positiva per incidere la felicità. Gli ultimi cinque anni hanno visto lo sviluppo di una moltitudine di app e programmi dedicati a migliorare il benessere insegnando una moltitudine di tecniche di felicità scientificamente validate: come aumentare la gratitudine, come respirare meglio, come destabilizzare, come meditare e calmati, come guadagnare saggezza. Che dire della dieta e dell'esercizio fisico, che sappiamo influenzare il nostro benessere? Ci sono anche app per questo, anche per dormire.

Ed è una buona cosa: che tu sia in autobus, al lavoro, a casa o anche (illegalmente) in macchina, probabilmente sei sul tuo smartphone. Uno studio del Regno Unito mostra che a volte spendiamo più tempo in tecnologia di quanto dormiamo! Poiché tutti sono così concentrati sulla loro tecnologia mobile, cercando di insegnare la felicità, probabilmente non è una cattiva idea.

Oltre alle conferenze come Wisdom 2.0, stanno iniziando a emergere concorsi per sviluppare app per il benessere. L'anno scorso, il nostro centro, il Centro per la Compassion and Altruism Research and Education di Stanford, ha tenuto una conferenza su Compassion and Technology che includeva un concorso per la migliore app. Quest'anno, la Happiness App Challenge organizzata da due non-profit, la Art of Living Foundation e l'International Association for Human Values, offre premi in denaro per lo sviluppo delle migliori app che stimolano la felicità. Archana Patchirajan, direttrice dell'app "The Happiness App" e un imprenditore di tecnologia seriale (fondatore di Hubbl, tra le altre iniziative) condivide il fatto che "la crescente portata degli smartphone è una piattaforma unica per affrontare il problema silenzioso dello stress nella società. Con i wearable più intelligenti e sottili e l'abile combinazione di hardware e software su misura, gli ingegneri possono fare una grande differenza nei livelli di felicità della società. "Non sorprende che i giudici della competizione saranno la felicità come lo studioso di Harvard Matthew Killingsworth e l'esperto di creatività Scott Barry Kaufman, direttore scientifico dell'Istituto dell'Immaginazione dell'Università della Pennsylvania. (Per ulteriori informazioni sul concorso o per inviare un'app, visita la Happiness Apps Challenge.)

Quindi la domanda è: la tecnologia ci aiuta davvero a connetterci? Vale la pena tutto il tempo che ci dedichiamo? In alcuni casi, no: uno studio ha dimostrato che in realtà ci rende più soli. Con altre misure, la ricerca dice sì. Quindi, cosa determina se la tecnologia rende i nostri giorni o ci abbatte? Dipende dal tuo stile di utilizzo della tecnologia .

Qui ci sono le cose da fare e da non fare per le persone più felici della tecnologia:

1. Invia note affettuose, spesso .

Uno studio di ricerca su coppie e messaggi di testo ha dimostrato che il texting per esprimere affetto è associato a una maggiore connessione tra i partner.

2. Contribuire spesso.

Uno studio su Facebook ha dimostrato che, quando stiamo condividendo e postando attivamente, Facebook ci rende più felici, presumibilmente perché stiamo raggiungendo gli altri e, a sua volta, ricevendo feedback da loro, creando una rete bidirezionale di connessione sociale.

3. Ispirare e sollevare gli altri.

Perché le pagine di Facebook come PurposeFairy, UpWorthy e FinerMinds sono così popolari? Perché mirano a elevare, ispirare e illuminare le giornate delle persone. Possiamo scegliere qualcuno che porta più sole nella vita delle persone. La ricerca dimostra che l'altruismo e l'aiuto agli altri ci rendono più felici, più sani e possono persino allungare le nostre vite.

4. Raggiungi (potresti salvare una vita).

Dan Caddy, un veterano responsabile della pagina Facebook di umorismo militare "Awesome Sh * t My Drill Sargeant Says", un giorno ha ricevuto un messaggio da un tecnico del suo amico, che era un suicida e si era rinchiuso da solo con una pistola -e il suo cellulare era spento, così nessuno poteva localizzarlo. Caddy ha pubblicato un avviso che diceva che tutte le barzellette erano spente e che era necessario un aiuto. Centinaia di commenti sono volati per tutta la notte, e la gente ha iniziato a salire in macchina e guidare verso il soldato suicida. Alle 4:00 del mattino, dopo che centinaia di persone si erano unite allo sforzo, il soldato era stato localizzato e la sua vita salvata. Da allora, Caddy ha dato vita a una no-profit chiamata Battle in Distress. (Vedi i nostri discorsi congiunti presso la sede centrale di Facebook qui.) Potresti pensare di stare a casa a guardare le foto di cene, matrimoni e figli di amici, ma potresti anche essere il primo a notare che qualcosa non va, che puoi aiuta un amico in qualche modo e puoi persino salvare una vita. Uno studio mostra che una persona su quattro non ha nessuno con cui parlare. Non sai mai chi potrebbe usare un gesto gentile.

5. Connetti in modi significativi.

Insieme ad Arturo Bejar e al team di Facebook Compassion, stiamo lavorando alla creazione di app e al miglioramento delle opportunità di connessione, empatia e gentilezza attraverso le interazioni di Facebook. Innumerevoli atti di violenza e bullismo possono accadere sui social media, perché tutti possano vederli, con conseguenze reali che hanno anche portato tristemente alla morte dei ragazzi. Tuttavia, possiamo raggiungere e fare qualcosa per aiutarli. La ricerca sulla compassione dimostra che aiutare gli altri e l'altruismo è il segreto meglio custodito per la felicità e il benessere. Facebook presenta innumerevoli opportunità di fare il check-in con i propri cari e amici e di essere lì per loro se qualcosa sembra fuori. Allo stesso modo, i social media sono un luogo in cui è possibile esprimere il bisogno di supporto.

6. Chiudi il computer, imposta il telefono e guarda qualcuno nell'occhio.

La ricerca di Paula Niedenthal mostra che il contatto visivo è la forma di connessione più essenziale e intima. I social media sono principalmente verbali, mentre la radice dell'intimità non è verbale, ma viene trasmessa attraverso le più minute espressioni facciali (il serrarsi delle labbra, le zampe di gallina di occhi sorridenti, le sopracciglia rovesciate in segno di compassione o dispiacere) e la postura. I neuroni specchio nel nostro cervello sono dedicati a riflettere le azioni degli altri in modo che possiamo sentire internamente ciò che sta accadendo con loro. Questa capacità è la base per la compassione ed è la ragione per cui ci dispiace quando qualcuno piange o si allontana quando percepiamo la rabbia di qualcuno. Quanto di questo può essere trasmesso attraverso un testo o anche un selfie in scena? Nessuno di questi. Guarda in alto e incontra gli occhi di qualcuno invece di uno schermo.

7. Accedere a un'app di benessere.

  • Destressify insegna esercizi per calmare la mente, raggiungere l'equilibrio emotivo, rilassarsi, eccitarsi e trovare gioia
  • Centrato aiuta a gestire lo stress con un programma di benessere olistico di sessioni di meditazione consapevole clinicamente validate.
  • Più felice – un diario di gratitudine in movimento per registrare momenti felici grandi e piccoli, che è un modo scientificamente provato per sentirsi più positivi e ottimisti.
  • Lift ti aiuta a mettere in azione i tuoi obiettivi.
  • Happify ti dà la possibilità di vivere una vita più felice e soddisfacente attraverso una serie di attività personalizzate e basate sulla ricerca.
  • Il primo giorno ti aiuta a registrare la vita mentre la vivi, da eventi che capitano una volta nella vita ai momenti quotidiani.
  • La saggezza di Sri Sri fornisce citazioni di saggezza quotidiana per elevarti e mantenerti ispirato.
  • Lumosity offre un programma di allenamento per sfidare il tuo cervello.
  • La calma ti aiuta a coltivare una maggiore calma nella tua vita.
  • Fulfillment Daily offre consigli ispirati e pratici sulla scienza per una vita più felice direttamente sul telefono.
  • spire.io tiene traccia della tua attività fisiologica e ti insegna a respingere lo stress.

Interessato a saperne di più? Vuoi entrare nel gioco o già in esso? Quindi dai un'occhiata a Happiness Apps Challenge , un concorso per le app che più ti danno la felicità!

Maggiori informazioni su questo argomento:

  • Che email fa al tuo cervello
  • 30 modi testati per conquistare la tua casella di posta

Per rimanere aggiornato sulla scienza della felicità, della salute e della connessione sociale, vedi emmaseppala.com.

Emma è la fondatrice di Fulfillment Daily, le notizie scientifiche per una vita più felice.

Guarda il discorso TEDx di Emma, ​​segui Emma su Twitter, iscriviti a Emma su Facebook e fai un giro su Emma su Google+ .

© 2014 Emma Seppala, Ph.D.

credito fotografico: Namita Azad

Solutions Collecting From Web of "La guida definitiva di Hacking Happiness"