La gioia del dare

Fotolia, used with permission
Fonte: Fotolia, usato con permesso

Se non abbiamo pace, è perché abbiamo dimenticato che apparteniamo l'un l'altro. Madre Teresa

Alcuni anni fa, ho trovato $ 300 dollari per strada. Sapevo che qualcuno doveva averlo lasciato cadere, ma non avevo modo di trovarlo. Ho dato cento dollari al mio amico che era con me, e ho messo gli altri duecento dollari nella tasca laterale della mia borsetta. Per mesi ho camminato con i soldi nella mia borsetta non trovando nulla degno della mia spesa per quei biglietti da duecento dollari speciali. Dopo alcuni mesi di detenzione del denaro, stavo camminando presso una gastronomia e un senzatetto mi ha chiesto soldi. Mi sono fermato a guardarlo negli occhi e ho sentito che mi trapassavano il cuore. Sembrava il momento perfetto per usare alcuni dei soldi trovati. Gli ho chiesto se gli sarebbe piaciuto un pasto. Ha risposto che gli piacerebbe un caffè con latte intero e uno zucchero, e un sandwich al tacchino al club con maionese, lattuga e pomodoro e formaggio americano con il pane leggermente tostato. Sono stato sicuramente sorpreso dal suo ordine dettagliato ma sono andato immediatamente nella gastronomia per comprare il suo pasto. Era l'ora di pranzo e c'erano diverse persone di fronte a me. Riuscii a prendere il caffè con latte e zucchero velocemente, ma il pane leggermente tostato sarebbe stato la barriera alla mia rapida uscita. Rimango lì impaziente per tutto il tempo e ci sono voluti circa 25 minuti per ottenere il suo ordine completo. Sono uscito e ho dato al suo uomo il suo cibo. Mi guardò a malapena e mormorò grazie e me ne andai. Ero felice di aver comprato questo pranzo all'uomo, ma mi sentivo un po 'infastidito dal suo ordine elaborato e dal tempo necessario per ottenere il cibo, e poi dalla sua reazione silenziosa al riceverlo.

Quando tornai a casa, mi preparai una tazza di tè con latte e miele e mangiai del cioccolato importato. Mentre mangiavo la mia elaborata merenda, mi resi conto che non c'era motivo per cui il senzatetto non volesse un caffè con latte e zucchero e un panino speciale. Mi resi conto che non era diverso da me, mentre sedevo lì a mangiare il mio cioccolato speciale. E come oso chiederle se vuole un pasto e poi aspettarsi che limiti ciò che può volere e quanto tempo ci vorrà per ottenerlo? Stavo davvero dicendo che l'avrei solo aiutato fino a quando lo ha fatto entro i miei confini e ho detto grazie come volevo che lo facesse? L'incidente mi ha fatto riflettere sulle mie intenzioni quando do e sull'apertura del mio cuore.

Molti di noi hanno gradito l'atto di dare ad un amico, un familiare, un'organizzazione caritatevole o anche un estraneo. Ma a volte penso che anche se stiamo dando le migliori intenzioni, ci aspettiamo che le cose vadano in un certo modo o che ottengano qualcosa in cambio. Possiamo aspettarci che le persone ricevano gentilmente i nostri doni, favori o donazioni e ci ringrazino in modo appropriato, o che il nostro dare abbia un certo impatto su un individuo o un'organizzazione. Abbiamo anche un'aspettativa sul tempo e lo sforzo che ci vorrà per dare a qualcun altro. Anche se non c'è nulla di sbagliato nell'avere aspettative, può davvero limitare la nostra gioia di donare e l'esperienza finale per tutti i soggetti coinvolti. Spesso le nostre aspettative contaminano l'atto del dare, perché non possiamo mai sapere come verranno ricevute le cose o come si presenterà una situazione. Spesso può portare rabbia o delusione se la persona che abbiamo aiutato non restituisce la gentilezza o apprezzare il dono nel modo in cui vogliamo che lo facciano. Questo può anche portare a dare meno a una particolare persona o organizzazione, non perché il loro bisogno è inferiore, ma a causa di come ci siamo sentiti quando le nostre aspettative non sono andate a buon fine.

Ma quando possiamo rilasciare le nostre aspettative e assistere un'altra persona con la pura intenzione di dare semplicemente, può essere uno degli aspetti più eccitanti della nostra vita, anche quando ascoltiamo o non vediamo reazioni o non otteniamo nulla in cambio. Quindi possiamo concentrarci solo sull'aiutare un altro essere umano ad alleviare alcune delle loro sofferenze quotidiane o diffondere gioia. Non sto suggerendo di rimuovere tutti i confini e lasciare che le persone si approfittino di noi; Sto semplicemente affermando che la maggior parte di noi può probabilmente dare un po 'di più alle persone nelle nostre vite senza pensare a ciò che vogliamo o aspettiamo in cambio. Con un cuore più aperto e generoso, possiamo creare un'ondata di gentilezza e amore nell'universo, anche solo per un momento. Come disse Winston Churchill: "Noi guadagniamo da vivere con ciò che otteniamo. Facciamo una vita da ciò che diamo. "

Mentre sto finendo questo blog, il mio telefono ha appena squillato. Era una signora anziana che vive nel mio palazzo. È in un centro di riabilitazione a causa di una caduta qualche settimana fa e mi ha chiesto se potevo prenderla dal centro alla fine di questa settimana. Tutto quello che posso pensare in questo momento è quanto sono fortunato ad essere in grado di aiutarla nel suo momento di bisogno. Forse io sono quello che riceve il regalo? Solo forse.

Solutions Collecting From Web of "La gioia del dare"