La gestione del tempo è un problema etico?

Tendiamo a considerare la gestione del tempo come una questione di efficienza, produttività e, a lungo termine, successo. Ma almeno in alcuni casi, come gestiamo il nostro tempo o ci lasciamo gestire, è una questione etica. È un elemento importante di ciò che molti filosofi e psicologi definiscono fiorente umano.

Il modo in cui utilizziamo il nostro tempo al lavoro può essere una questione etica. Prima di Internet, le persone "perdevano tempo" al lavoro in vari modi: giocando al solitario (o Minesweeper) sui loro computer desktop, conversando con i colleghi, fingendo di essere occupato, sognando ad occhi aperti o facendo un lungo pranzo. Con la presenza onnipresente dei social media, ci sono nuovi modi per sottrarsi alle proprie responsabilità lavorative. Ci sono questioni etiche qui, in quanto i dipendenti hanno obblighi nei confronti dei loro datori di lavoro e, se qualche perdita di tempo finisce per indebolire piuttosto che migliorare la qualità del lavoro, allora questo è un problema.

Un'altra dimensione etica della gestione del tempo a cui molti combattono è l'equilibrio tra lavoro, famiglia e lavoro e vita privata. Questo può essere particolarmente difficile quando siamo impegnati a lavorare con i nostri dispositivi 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Una soluzione semplice ma forse difficile è quella di spegnere i nostri dispositivi per un determinato periodo di tempo durante la notte o nei fine settimana. Questo è un modo per gestire il nostro tempo, piuttosto che lasciarci gestire da noi. I nostri figli, coniugi, altre persone importanti e amici hanno bisogno e meritano tutta la nostra attenzione. Perdiamo tutti quando la nostra attenzione è frammentata e divisa tra loro e il lavoro (o Facebook, Instagram e simili). Le relazioni profonde sono vitali per la prosperità umana, e tale profondità avviene quando investiamo tempo e sforzi in esse. Queste relazioni portano degli obblighi, e sta a noi dedicare il tempo necessario a loro. Ciò potrebbe richiedere alcune scelte difficili, ma farne valere la pena.

Abbiamo anche bisogno di tempo ininterrotto per noi stessi, lontano dagli altri e lavorare per riflettere sulle nostre vite e su ciò che sta aiutando o ostacolando la nostra crescita come esseri umani. Nella nostra cultura, raramente accade la solitudine, dobbiamo essere intenzionali e mettere da parte il tempo per la meditazione, la riflessione e altre pratiche che sono veramente benefiche per noi. Molti ritengono che dare la priorità all'aspetto spirituale della vita sia un impegno importante legato alla gestione del tempo.

Un mio amico ha recentemente affermato che il tempo è il nuovo idolo della nostra cultura. Ma come tutti gli idoli, possiamo scegliere se adorare o meno ai suoi piedi. Una vita di virtù, una vita di eccellenza, richiede che siamo intenzionali su come gestiamo il nostro tempo, non solo per il successo o l'efficienza, ma anche per il bene della felicità e della prosperità umana.

Sono su Twitter @michaelwaustin

Solutions Collecting From Web of "La gestione del tempo è un problema etico?"