La forza delle emozioni per sovrascrivere il pensiero razionale

Com'è che tu sappia che non tutti guidano con prudenza e considerazione, ma ti aspetti ancora che lo facciano? Come mai ti aspetti che il tuo coniuge sia frugale quando fai la spesa, anche se dieci anni di storia insieme ti dicono il contrario? E ciò che ti spinge ad aspettarti rigidamente la perfezione da te stesso, quando essere umano significa che facciamo errori, abbiamo debolezze e soffriamo.

La risposta a ciascuna di queste domande si trova nella "logica infantile", un termine che ho coniato per descrivere la logica dirottata dalle emozioni. Uso questo termine senza alcun tentativo di denigrazione. Piuttosto, sottolinea che a prescindere dall'età o dall'intelligenza, a volte ci impegniamo in un pensiero magico associato a uno sviluppo precedente. Tale logica alimenta aspettative non realistiche e accresce il potenziale di rabbia distruttiva. È come se il cervello emotivo e il cervello razionale non comunicano efficacemente l'uno con l'altro. Che le emozioni prevalgano sulla logica o sul cervello razionale è mal preparato per correggere l'ondata di emozioni. Il risultato è un giudizio compromesso.

Come qualcuno che ha passato anni a studiare la rabbia e ad aiutare le persone a gestirlo in modo costruttivo, ho visto l'impatto distruttivo delle aspettative sostenute da tale ragionamento. Tutti noi siamo colpevoli di questa distorsione mentale, alcuni più di altri.

La rabbia deriva dalla sensazione di minaccia e da qualche forma di dolore interiore, come paura, ansia, vergogna, disperazione e impotenza. È comprensibile che potremmo avere un certo grado di irritazione suscitato da quell'autista che ci interrompe bruscamente. Allo stesso modo, potremmo sentire la nostra sicurezza finanziaria minacciata dalla mancanza di frugalità del nostro partner. E certamente, potremmo essere delusi da noi stessi quando non riusciamo a raggiungere i nostri obiettivi. Ma l'incapacità di essere realistici nelle nostre aspettative fa la differenza tra avere sentimenti come delusione e tristezza e provare una rabbia intensa.

Troppo spesso, la logica infantile infonde le nostre aspettative con emozioni radicate nei nostri desideri e speranze, insufficientemente addomesticate dai fatti della realtà. È una logica infantile che supporta credenze come: "La vita dovrebbe essere giusta" – quando "La vita è solo"; che i buoni sforzi dovrebbero sempre dare dei frutti, quando a volte no; e che dovremmo essere in grado di controllare tutti gli aspetti della nostra vita. In effetti, è una logica infantile che a volte può convincerci che dovremmo sempre ottenere ciò che vogliamo, che gli altri dovrebbero agire come crediamo che dovrebbero, e che non dovremmo soffrire, anche se tutti noi soffriamo.

Bernard Golden
Fonte: Bernard Golden

L'impatto della logica infantile è parimenti prevalente nell'attuale ciclo elettorale. Gli individui in ogni partito mostrano rabbia e risentimento nei confronti dei candidati avversari. Inoltre, altri provano rabbia nei confronti del candidato selezionato dal proprio partito. Ci sono certamente valide ragioni per l'elettorato di sperimentare la rabbia per quanto riguarda la disparità di reddito, l'ingiustizia razziale, le minacce di terrorismo e le carenze nel governo. Comprensibilmente questi eventi creano un senso di minaccia e altre forme di angoscia interiore che potrebbero includere paura, ansia, impotenza e disperazione. Tuttavia, mantenere rigidamente le aspettative non realistiche non fa altro che intensificare il potenziale di rabbia distruttiva, quando non sono soddisfatte.

Senza volerlo, come i partner di un matrimonio che si è inacidito, molte persone sono sfidate a guardare oltre i propri interessi immediati. L'intensità della rabbia e il modo in cui è espressa riposa, in parte, sul fatto che alcuni membri dell'elettorato sanno che il compromesso è essenziale per una democrazia, ma ritiene che non dovrebbe essere così. Eppure, mantenere questa aspettativa è incoerente con un governo democratico funzionante.

Lasciar perdere aspettative non realistiche non significa accettare passivamente ciò che è. Può implicare il riconoscimento che certe aspettative sono aspirazionali piuttosto che raggiungibili. Oppure, lasciarsi andare ci può liberare di prendere in considerazione strategie alternative per aumentare la probabilità della loro soddisfazione.

Sviluppare aspettative più realistiche nella nostra vita quotidiana richiede una pausa di riflessione. È necessario essere consapevoli di quando siamo troppo rigidamente aggrappati a loro nonostante una realtà che ci ricorda che non possono essere soddisfatti. Richiede che distinguiamo tra ciò di cui abbiamo veramente bisogno e ciò che desideriamo. E troppo spesso richiede consapevolezza di come la rabbia possa interferire con la volontà di impegnarsi in tale riflessione.

La capacità di riconoscere quando la logica infantile influenza le nostre aspettative è essenziale per sviluppare la resilienza, una componente chiave del benessere. La resilienza è un punto di forza che ci consente di riprenderci dalle conseguenze negative. Consiste nel riconoscere quando le nostre aspettative sono eccessivamente influenzate da speranze e desideri. La resilienza dipende molto dalla flessibilità del pensiero di lasciar andare certe aspettative, quando riconosciamo di non avere alcun controllo sul soddisfacerle. Certamente, questo non è sempre un compito facile. Coinvolge lutto e lutto, affrontando un senso di perdita che spesso ci spinge alla tristezza e alla delusione anziché alla rabbia.

Alcuni suggeriscono che non avere aspettative è l'unico modo per evitare delusioni. Tuttavia, questo atteggiamento sembra essere al tempo stesso pessimista e una negazione di una tendenza molto umana. Piuttosto, la vera minaccia posta dal mantenere le aspettative è quando ci aggrappiamo a loro e quando sono eccessivamente influenzati dalla logica infantile. La sfida per ognuno di noi è di essere consapevoli quando ciò si verifica, in quanto queste due condizioni formano il fondamento della rabbia distruttiva.

Solutions Collecting From Web of "La forza delle emozioni per sovrascrivere il pensiero razionale"