La forza dei sentimenti

Gli scienziati della natura amano dire che nulla delle cose viventi ha senso senza una comprensione dell'evoluzione. Le proprietà della natura umana non hanno senso senza una comprensione dei sentimenti. I sentimenti sono la percezione cosciente delle sensazioni originate da tipi di attività corporea che attivano determinati siti del cervello. I sentimenti hanno due origini chiaramente differenti. Un set deriva dall'attività nel cuore, nell'intestino, nei polmoni e nei muscoli. La seconda fonte è un evento esterno che produce gusto, odore, tatto, vista o suono.

Sebbene gli stati cerebrali siano il fondamento dei sentimenti, uno stato cerebrale alterato non è sempre accompagnato dalla percezione cosciente di un cambiamento nel sentimento. La maggior parte dei sentimenti sono difficili da ignorare e invitano a un'interpretazione che, a volte, motiva un comportamento che non si sarebbe verificato se il pensiero fosse stato sbiancato dal sentimento. Nathan McCall, uno scrittore afro-americano, ha catturato il potere dei sentimenti. "Il cuore è una cosa testarda, non gliene frega niente di quello che gli dici di fare. Fa quello che vuole e non può essere addestrato a fare diversamente. "L'integrità di una striscia di corteccia nella porzione anteriore del cervello, chiamata corteccia insulare, è uno dei siti importanti che contribuiscono all'esperienza cosciente di una sensazione, anche se non è richiesta per tutti i sentimenti.

Ogni persona possiede un tono o uno stato d'animo dominante, che rappresenta lo schema di fondo delle sensazioni corporee che viene tipicamente ignorato durante la maggior parte della giornata a meno che la persona non si fermi a occuparsi di esso. Questi stati d'animo sono solitamente descritti con parole rilassate, esuberanti, moderatamente tese, eccitabili, apatiche o vigili. Gli antichi termini greci sanguigno, collerico, flemmatico e malinconico erano gli stati d'animo. Sebbene non conosciamo tutti i processi che creano uno stato d'animo, l'equilibrio tra le braccia simpatiche e parasimpatiche del sistema nervoso autonomo rappresenta un contributo. Un bilanciamento che favorisce il braccio simpatico è accompagnato da una frequenza cardiaca più alta e una frequenza meno variabile, il che significa una piccola variazione nel tempo tra i successivi battiti del cuore. Gli individui con questa proprietà sono solitamente tesi e vigili. Un equilibrio che favorisce il braccio parasimpatico è associato a una frequenza cardiaca più bassa e variabile e ad uno stato d'animo rilassato. La variazione dell'equilibrio tra i due sistemi è soggetta al controllo genetico. La maggior parte dei maschi ha una frequenza cardiaca più bassa e più variabile rispetto alla maggior parte delle femmine e i maschi più rilassati, socievoli e senza paura hanno frequenze cardiache più basse e più variabili rispetto ai maschi timidi, timidi e timidi.

Un sentimento acuto, d'altra parte, è un inaspettato, spesso breve, cambiamento nel solito tono di sentimento o dominante che è sufficientemente invadente da attirare l'attenzione e invitare a indovinare la sua causa. Questi sentimenti variano nella piacevolezza, intensità, durata, familiarità e origine percepita nel o sul corpo. L'individuo può assegnare la causa di un sentimento a un pensiero precedente, a un evento esterno oa un cambiamento nel corpo. La causa selezionata influenza la parola emotiva scelta per descrivere lo stato. L'impostazione immediata è sempre determinante per il termine emozionale scelto. Le parole paura, tristezza, felicità, rabbia, orgoglio, amore, vergogna, senso di colpa, nostalgia, gelosia, disgusto e i loro sinonimi in altre lingue, sono scelte più spesso per nominare un sentimento in un contesto. Una percezione di maggiore calore del viso accompagnata da un aumento della frequenza cardiaca può verificarsi quando una persona viene insultata, rovescia il cibo in pubblico o riceve lodi inaspettate. Il contesto e i pensieri di accompagnamento determinano se la parola selezionata è rabbia, vergogna o orgoglio.

Il supporto per questa affermazione è visto in uno studio sulle donne osservato più volte nel loro ciclo mestruale. La relazione di una donna sul dolore alla stimolazione elettrica di un nervo alla caviglia in un momento in cui i livelli di estradiolo e progesterone erano alti dipendeva dal contesto. Se le donne stavano osservando corpi mutilati hanno riportato dolore ad alti livelli ma hanno riportato livelli più bassi quando guardavano scene erotiche. I livelli più alti di ormoni sessuali creavano uno stato cerebrale speciale, ma le conseguenze psicologiche di quello stato cerebrale erano determinate dai pensieri della donna in un ambiente. La rabbia fornisce un esempio più persuasivo. La qualità e l'intensità della sensazione che segue l'essere colpiti sul viso da un amico sono diversi dallo stato emotivo evocato quando la vittima riflette su quell'incidente una settimana dopo.

Questo fatto ha implicazioni per gli studi di laboratorio sulle emozioni perché la maggior parte delle volte l'origine del sentimento in laboratorio è un pensiero piuttosto che un'esperienza reale. Gli psicologi chiedono più spesso ai partecipanti di pensare a un incidente passato quando sono felici, tristi o arrabbiati piuttosto che creare le situazioni che potrebbero indurre i sentimenti che si verificano in contesti ambientali tipici. Pensare a eventi che dovrebbero suscitare rabbia, disgusto o tristezza, o vedere foto di volti che esprimono queste emozioni, genera sentimenti che non sono identici alla sensazione di essere colpiti attraverso il viso, vedendo uno scarafaggio morto su un piatto di frutta, o guardando un bambino muore di una malattia rara. Pertanto, anche i modelli cerebrali e le risposte psicologiche dovrebbero essere diversi.

Le parole specifiche che sono interpretazioni di sentimenti simili cambiano nel tempo. Lo scrittore del XIX secolo Thomas Hardy amava le parole temerarietà, confusione e equanimità. Gli autori contemporanei hanno maggiori probabilità di usare ansiosi, confusi e sereni. Nei libri pubblicati in inglese dal 1800 al 2000 il termine felice si verifica più spesso che gioioso, ansia più spesso che paura, e arrabbiato più spesso che matto, irritato o irritato. Alcune parole emotive sono nuove aggiunte a una lingua. La parola emozionale "anomie", ad esempio, non compare nei libri di lingua inglese fino agli anni '60.

Czeslaw Milosz, un famoso poeta europeo, provò una sensazione spiacevole durante il periodo in cui era un membro della facoltà visitatrice all'Università della California. Dopo essere tornato in Europa, descrisse il suo sentimento in una lettera a Thomas Merton. "Dieci anni fa sono appena scappato dall'America, avendo paura di una vita senza scopo e di acedia." Acedia era l'interpretazione di Milosz del sentimento come di terrore di fronte al vuoto spirituale. Marc Liebovich, un giornalista che ha scritto "This Town", apparentemente ha provato un sentimento simile quando era di stanza nella capitale della nazione. Ha detto a Bill Moyers che aveva paura di essere travolto dall'adorazione di celebrità, potere e denaro da parte di Washington.

Le lingue del mondo hanno molte più parole che sono interpretazioni dei sentimenti rispetto alle parole per i sentimenti perché le sensazioni corporee hanno una qualità confusa che è difficile da descrivere. Ci sono due ragioni per la confusione. Le sensazioni da cuore, stomaco, polmone e muscoli hanno meno recettori e inviano le loro informazioni al cervello più lentamente dei recettori in occhi, orecchie, naso, lingua, orecchio e pelle. Pertanto, i sentimenti che hanno origine nelle precedenti sensazioni sono più ambigui. Inoltre, queste sensazioni sono più pienamente elaborate dall'emisfero destro, che è prevenuto per elaborare le sensazioni un po 'più lentamente. Le parole per le emozioni sono più pienamente elaborate dall'emisfero sinistro, che registra le caratteristiche dettagliate dei sentimenti che spesso durano per un intervallo più breve.

Queste osservazioni significano che alcune sensazioni sono come fotografie prese fuori fuoco che invitano più di una interpretazione. Sebbene i bambini rispondano ai loro sentimenti, gli adulti rispondono spesso alle loro interpretazioni e, quindi, sono portati a selezionare una parola emotiva che non rivela sempre la corretta origine del sentimento. La maggior parte degli adulti interpreta correttamente l'improvvisa sensazione di rilassamento che segue bevendo un bicchiere di vino alla fine della giornata. Ma c'è più di una ragionevole interpretazione di un improvviso aumento della frequenza cardiaca mentre si è seduti su una sedia. Molti americani ed europei contemporanei sono inclinati a interpretare questo sentimento come ansia se non possono assegnarlo alla malattia o qualcosa che hanno mangiato. I membri di altre culture, tuttavia, potrebbero interpretare la stessa sensazione di essere affaticati. Gli schizofrenici spesso riferiscono di sentire voci che dicono loro cosa devono fare, perché danno in modo errato a un'entità esterna l'origine del discorso privato che tutti gli adulti normali sperimentano.

Poiché i sentimenti sono privati ​​ed estremamente difficili da misurare con precisione, gli scienziati hanno supposto che la maggior parte delle inferenze sui sentimenti fossero corrette e che le parole usate per descrivere i sentimenti incidessero la natura nelle sue articolazioni. Se questa premessa fosse vera, ciascuna delle parole emotive nella lingua del mondo dovrebbe corrispondere ad un particolare sentimento e parlanti di lingue diverse usando le parole che in inglese significavano ansiosi, felici o arrabbiati dovrebbero provare gli stessi sentimenti. Questa ipotesi è profondamente errata. Gli anglofoni usano le parole arrabbiate o folli per descrivere una varietà di frustrazioni che provocano sentimenti distintamente differenti. Perdere le chiavi, riflettere su un errore stupido fatto in un esame il giorno precedente, essere il bersaglio di una legatura, o vedere un vicino buttare immondizia sul proprio prato, evocare sentimenti dissimili, ma molti parlanti inglesi userebbero la stessa parola: pazzo o arrabbiato – per descrivere come si sentivano. Altre lingue hanno inventato nomi distintivi per i diversi sentimenti evocati in questi contesti. L'Utku Eskimo di Hudson Bay ha inventato quattro parole per differenziare tra i sentimenti distintivi che l'inglese chiama solitudine. Un problema che affligge gli anglofoni è che hanno solo le parole paura, preoccupazione o ansia di descrivere i sentimenti generati da condizioni che vanno dalla salute futura di un bambino nato con un difetto cardiaco, alla perdita del proprio lavoro, ad avere un illecito sessuale affare scoperto. Gli stati cerebrali che accompagnano queste esperienze sono probabilmente diversi, ma gli oratori non hanno le parole necessarie per differenziare tra i molti tipi di ansia legati a varie circostanze.

Le lingue sono veicoli inadeguati per descrivere la maggior parte degli stati psicologici. Il vocabolario di una persona per i suoi stati psicologici può essere paragonato a una tavolozza contenente pigmenti solo sei che appartengono a un artista che vuole dipingere tutti i fiori in un grande giardino a fine maggio. Gli umani hanno inventato le lingue per comunicare fatti sull'ambiente, dettare regole morali da seguire e insegnare abilità. Le lingue non erano destinate a descrivere sentimenti privati ​​perché non è sempre adattabile a rivelare la propria rabbia, colpa o lussuria. Infine, le lingue non hanno molte parole che descrivono miscele di sentimenti. Una giovane donna non sposata che sta per annegare il suo bambino appena nato sperimenta un sentimento misto provocato dal pensiero che avrebbe dovuto usare la contraccezione per evitare la gravidanza, la rabbia verso il ragazzo che l'ha abbandonata e il senso di colpa per l'atto che sta pianificando. I cervelli favoriscono un singolo stato su una media, o si fondono, e la mente favorisce l'unica parola migliore che descrive un sentimento ambiguo.

Questi fatti evidenziano un serio divario tra i sentimenti e le parole che intendono descriverli, come la maggior parte degli scrittori comprende. Le miscele di sentimenti sono stati coerenti piuttosto che combinazioni additive. Come i numeri irrazionali inventati dai matematici greci, il sentimento mescola la bellezza di una visione della natura come una raccolta di stati elementari chiamati con parole singole e non ambigue.

Sebbene l'evidenza per le differenze di sesso nell'umore dominante o usuale sia troppo debole per conclusioni forti, sospetto che le diverse fisiologie di maschi e femmine generino toni di sensibilità leggermente diversi. È probabile che gli effetti sul cervello dell'ormone sessuale maschile, del testosterone e dell'ormone femminile, l'estradiolo, insieme ai loro recettori, contribuiscano in modo determinante all'umore dominante di maschi e femmine. Solo il feto maschio secerne il testosterone che masculinizza il cervello e contribuisce a una serie di caratteristiche che includono una maggiore massa muscolare, un viso più ampio e omicidi e stupri più frequenti, ma meno frequenti paura o ansia.

L'aumento del testosterone prenatale si traduce anche in un leggero allungamento dell'anulare e, pertanto, il rapporto tra la lunghezza dell'indice e l'anulare è minore nei maschi rispetto alle femmine (da 0,95 a 0,9 per i maschi rispetto a 0,98 a 1,00 per le femmine). Questa caratteristica anatomica è correlata con una varietà di proprietà fisiche e psicologiche. Ad esempio, gli uomini con un rapporto molto mascolino sono più forti e si impegnano in attività ad alto rischio rispetto agli uomini con rapporti meno maschili. Le donne con rapporti maschili hanno più probabilità di impegnarsi in atletica competitiva e hanno volti che gli uomini giudicano più inclini a essere sessualmente infedeli.

Una combinazione di più alte concentrazioni di testosterone e un numero maggiore di recettori oppioidi che muti la sensazione di dolore è più caratteristica degli uomini rispetto alle donne. Al contrario, l'ormone femminile estradiolo aumenta il dolore in organi interni selezionati. Ragazzi e uomini sorridono meno spesso, ma riportano meno stress di ragazze e donne. I maschi hanno una probabilità tre volte maggiore rispetto alle donne di dichiarare il desiderio di essere di sesso opposto e la piccola percentuale di ragazze che sono nate con concentrazioni ormonali più elevate del normale mostrano probabilmente comportamenti maschili da bambini.

I rari bambini che erano nati maschi genetici (avevano un cromosoma X e uno Y) ma allevati come femmine perché avevano genitali femminili sviluppavano tipici interessi maschili durante l'adolescenza dopo aver ricevuto iniezioni di testosterone. Il rapido sviluppo delle proprietà psicologiche maschili, nonostante 12 anni di socializzazione da ragazza, implica un contributo biologico a toni di sensibilità leggermente diversi nei maschi e nelle femmine. Questa affermazione è supportata dal fatto che i geni che provengono dalla madre danno un contributo importante alla crescita della corteccia contorta, che è responsabile del pensiero. I geni del padre danno un contributo più significativo alla formazione dell'ipotalamo, che è l'origine delle molecole che controllano i sentimenti acuti, gli stati d'animo cronici e l'eccitazione sessuale. Sembra che Atena, non Venere, sia il modello più appropriato per le donne.

Una squadra dell'Università della Pennsylvania che studia i modelli di connettività del cervello ha scoperto che i maschi hanno più tratti che collegano i siti all'interno di ciascuno degli emisferi cerebrali. Questo fatto suggerisce che gli uomini dovrebbero trovare più facile manipolare gli schemi senza reti semantiche e coordinare la percezione con l'azione. Le femmine, al contrario, hanno più tratti che collegano i due emisferi cerebrali. Questa disposizione implica che le donne dovrebbero trovare più facile combinare le reti semantiche dell'emisfero sinistro con le sensazioni che sono più elaborate dall'emisfero destro. Di conseguenza, le donne dovrebbero trovare più facile essere emozionalmente suscitate da eventi significativi.

Le differenze sessuali nella concentrazione cerebrale della molecola dopamina possono aiutare a spiegare perché i maschi sono più attratti dalle attività ad alto rischio che promettono di fornire nuove esperienze. Il cervello secerne una breve scarica di dopamina quando un evento desiderabile poco frequente è imminente o si verifica in modo imprevisto. I cervelli delle scimmie, ad esempio, secernono dopamina quando vedono un segnale che promette un premio alimentare desiderato che non si aspettavano. Questo aumento contribuisce al sentimento consapevole del piacere che accompagna tali eventi. Il cervello femminile funziona normalmente a un livello più alto di attività della dopamina, in parte perché l'ormone sessuale femminile stimola la secrezione di dopamina e interferisce con l'assorbimento della dopamina in eccesso dalle sinapsi. Pertanto, l'aumento della dopamina in un evento desiderato dovrebbe avere un effetto proporzionalmente maggiore sul cervello dei maschi rispetto alle femmine perché la maggior parte dei cervelli maschili opera a un livello inferiore dell'attività della dopamina. Di conseguenza, i maschi dovrebbero provare una sensazione di piacere più saliente al pensiero o al ricevimento di un'esperienza infrequente che promette un momento di piacere, come il gioco d'azzardo, investire grandi quantità in azioni rischiose, paracadutismo sportivo, arrampicata su ghiacciaio coperto montagne, drag racing o intimità sessuali illecite. Detto un po 'troppo semplicemente, la biologia dei maschi li spinge a cercare fonti di piacere improbabili o rischiose.

I sentimenti sono spesso il fondamento delle razionalizzazioni per le decisioni su matrimoni, acquisti e scelte etiche. Un buon numero di decisioni della Corte Suprema sono argomenti logicamente coerenti che difendono le decisioni che poggiano su un sentimento provocato da una riluttanza ad opporsi al sentimento della maggioranza dei cittadini americani. Tre linee del poeta EE Cummings riflettono la sua gioia per il fatto che le sensazioni spesso prevalgono sulla ragione.

Chi presta attenzione

Alla sintassi delle cose

Non ti bacierà mai completamente.

Solutions Collecting From Web of "La forza dei sentimenti"