La fine della mia fame diventa nausea?

Ho iniziato un post sul blog qualche mese fa a proposito delle difficoltà che avevo con la fame quando diventava troppo estremo. Non l'ho mai finito, anche perché il problema si è interrotto. Ciò è stato a sua volta in parte dovuto al fatto che, durante una sessione di controllo post-trattamento di 20 settimane con il mio terapista, le ho chiesto un consiglio, e ciò che ha detto mi ha aiutato ad affrontare il problema con cognizione di causa quando è sorto. Ultimamente ho riflettuto su come queste difficoltà ora si siano dissolte in modo più duraturo, e ho deciso che è quindi più importante, non meno, per finire quello che ho iniziato a scrivere prima.

La maggior parte delle cose sono così facili ora, rispetto a come erano: i giorni non si sentono come battaglie a ripetizione infinita – contro il freddo, la stanchezza e la fame. Ma di tanto in tanto faccio fatica, e sono arrabbiato con me stesso, e triste, che non riesco ancora abbastanza ad essere meglio senza sforzo.

Tre episodi si sono fatti notare negli ultimi mesi, e tutti hanno seguito lo stesso schema: andare troppo a lungo senza mangiare, sentire di nuovo la fame, e poi lottare per mangiare quando ci provo. La prima volta, il mio ragazzo ed io eravamo andati al suo ufficio il sabato mattina, perché lui finisse qualcosa lì mentre io gli facevo compagnia e lavoravo alla mia tesi. E 'stato abbastanza divertente e accogliente, all'inizio, seduto lì in banchi separati, scendendo in un caffè per un caffè (e una fetta di torta per lui), chiedendo l'un l'altro un consiglio ogni tanto. Ma presto divenne chiaro che lo avrebbe preso più a lungo di quanto avesse pensato, e l'ora di pranzo andava e veniva (anche se la colazione era stata piuttosto tardiva), e la mia fame diventava onnipresente, eppure non potevo farmi dire a lui: fermiamoci.

Ha suggerito di andare a pranzo e di tornare, ma non potevo sopportare l'idea di dover tornare e passare il resto di un prezioso sabato di sole nell'ufficio caldo, così ho detto di no, e abbiamo continuato. Penso che forse gli ho chiesto un paio di volte per quanto tempo ancora sarebbe stato, e poi mi sono offerto di aiutare, e ho fatto del mio meglio per poi tornare di nuovo al mio lavoro. Per tutto il tempo la mia fame e quindi la mia infelicità e rabbia stavano crescendo, eppure non potevo costringermi a soccombere al bisogno di cibo, quando c'era ancora così tanto lavoro che potevo fare, e aveva bisogno di farlo.

Non è stato fino a dopo che l'ho configurato chiaramente come una lotta tra tutti i vecchi trigger e impulsi e abitudini e la nuova logica che avevo sviluppato con il mio terapeuta per affrontarli. Sembrava febbrile, disordinato e irresolubile. Non so proprio cosa mi abbia dato la forza, alla fine, di alzarmi e andare da lui e dire: non ce la faccio più; dobbiamo andare. Suppongo che abbia visto in faccia la stanchezza e l'ira incipiente, e siamo andati via. Ci siamo fermati in un negozio di sandwich sulla via del ritorno verso l'auto, appena chiusi per il giorno, e comperato delle baguette piene e riempite, e andammo a sederci vicino al fiume a mangiare.

Ma tutto in me si è ribellato al mangiare: non volevo essere qui con lui, non riuscivo a parlargli o anche a guardarlo per la mia (irragionevole) rabbia, e la vista di lui che mangiava mi ha ripugnato come non aveva mai avuto prima e non ha mai più Mi sentivo male per la fame, e come se fossi stato immerso profondamente in tutto ciò che la fame aveva significato per me, così recentemente. Volevo piangere e non avere nessuna di queste terribili complessità. Era stato così facile, prima: il cibo aveva il suo posto, a tarda notte, e il lavoro aveva il suo posto, per tutto il giorno che potevo gestire, e mai i due potevano incontrarsi. E ora dovevo mangiare regolarmente, ma cosa succederebbe se la vita non lo permettesse? Ma poi avevo portato del cioccolato con me, quindi perché non l'avevo mangiato, o bevuto un po 'di torta con il caffè? La vita ha permesso, quasi sempre, ma non potevo ancora permettermelo – e perché dovrei, se ci fossero cose da fare? E perché non l'avesse notato – ma perché avrebbe dovuto farlo?

Rimanemmo in silenzio in macchina quasi completamente, finché non cominciai a piangere, finalmente, e cominciò a capire. Abbiamo parlato tutto e si è sentito profondamente in colpa per aver orchestrato il set perfetto di circostanze per farmi sentire così. Ha anche cercato di rassicurarmi sul fatto che, alla fine, avevo detto: fermati ora, non posso sopportarlo più. Entrambi abbiamo imparato molto dall'episodio, penso.

Un paio di mesi dopo, mio ​​padre e la sua ragazza erano venuti per un fine settimana sulla barca dopo la mia ultima seduta con il mio terapista, e ci siamo divertiti molto a risalire il fiume sotto il sole, e ad avere un barbecue in un prato la sera. La domenica mattina, io e il mio ragazzo eravamo alzati prima di loro, e bevemmo tazze di tè mentre pescava e io lo guardavo o facevo un po 'di lavoro; e quando gli altri si alzarono, dissero che volevano andare nel villaggio per un giornale prima di colazione, e quando tornarono eravamo terribilmente affamati. Il mio ragazzo mi aveva persuaso ad avere un pezzo di pane, credo, e aveva avuto anche lui qualcosa, ma la mattina si era allungata, e quando lui e io cominciammo a cucinare mi sentii arrabbiato, debole e malato.

Uscimmo in banca con la colazione fritta, ma mentre iniziammo a mangiare, il suono di tutti quelli che masticavano e deglutivano sembravano ingranditi in modo grottesco, e sembravano dimentichi dell'angoscia che stavano causando, e io ricominciai, di nuovo, piangere sotto i miei occhiali da sole Penso che sia stato un grido di simpatia, o di comprensione, come qualsiasi cosa: volevo che sapessero che avevo ancora delle difficoltà, anche se odiavo rivelare così la mia debolezza, nel fine settimana che celebrava la mia guarigione ufficiale. Forse volevo che riconoscessero la portata di quella ripresa, dando loro solo un assaggio di quali fossero le fragilità che ancora contenevano. Non lo so – al momento sentivo solo la nausea profonda e il desiderio di essere in qualsiasi altra parte del mondo, ma lì con quel piatto di cibo sulle mie ginocchia.

Il terzo episodio è quello di cui ho scritto in un post separato, "Urti nella strada della ripresa"; quella sera cercavo di cenare mentre un amico faceva commenti sul mangiare e il suo corpo era l'evento che scatenava la scrittura degli altri. Quella sera di novembre è ormai tanto tempo fa, però, e da allora non ho più sentito il passaggio dalla fame alla nausea.

La mia terapista, quando le chiesi spiegazioni, disse che la cosa più importante era distinguere tra la fame che stavo provando in quei giorni e il tipo che provavo quando stavo davvero morendo di fame. La vecchia fame era di abnegazione e di potere, e tutte le illusioni che ne derivavano; il nuovo è molto meno importante, di aspettare che il prossimo pasto sia pronto e con la consapevolezza che è giusto essere affamati perché il cibo sta arrivando.

Ha anche suggerito che invece di limitarmi a meditare sulla sensazione, potrei provare a distogliermi fisicamente da esso, facendo un po 'di pulizia o qualche altro sforzo, e "controllando me stesso" a intervalli: entrambi combattono la fame con un'altra attività, e contemplando è un oggetto di indagine. Suppongo che un'altra cosa che avrebbe potuto dire fosse: "Mangia solo qualcosa di piccolo", tranne che allora ero anche un po 'preoccupato di continuare a ingrassare nonostante non sentissi che stavo mangiando eccessivamente. A quel punto, ero leggermente al di sopra della fascia più alta della gamma BMI "sana", e mi sentivo periodicamente in ansia per questo – anche se non volevo, neanche, per iniziare qualcosa di simile alla dieta per affrontarlo. Recentemente, però, ho perso un po 'di peso: in parte guardando cose come le dimensioni delle porzioni un tocco più che non del tutto; ma ancora più importante solo attraverso l'essere occupati e attraverso il cibo che ha perso lo status di qualcosa che alla fine è significativo e incomparabilmente delizioso – sebbene possa ancora essere il secondo. Ora ho perso abbastanza da rimettermi in quella scatola "sana" (in definitiva abbastanza arbitraria) – e quindi forse anche altre preoccupazioni sono diminuite. (Questo potrebbe essere di per sé motivo di preoccupazione, ovviamente – un segno di un pericoloso piacere nella perdita di peso – se non fosse per il fatto che occupa i miei pensieri piuttosto poco rispetto alla maggior parte delle altre cose che stanno accadendo proprio ora. In ogni caso, i suoi commenti hanno aiutato enormemente – e così ha il semplice passare del tempo: la facilità sempre crescente con uno schema di consumo che non è né completamente legato alle routine né molto caotico, né nel tempo né nella sostanza.

Forse parlerò la prossima volta di come è stata la conoscenza di aver perso di nuovo il peso; certamente, nonostante non mi preoccupi, sembra che abbia lo status di un'altra pietra miliare minore. Ci sono così tante altre di quelle che avrei potuto immaginare prima di iniziare, e ognuna di esse è abbastanza importante senza che io debba tentare troppo per raggiungerla, o pensarci molto una volta passata. L'allentamento dell'associazione tra la fame che sento ora, se un pasto è troppo tardi, e la fame che provavo, quando il mio unico pasto era sempre troppo tardi, è un grande e simbolico sollievo.

Solutions Collecting From Web of "La fine della mia fame diventa nausea?"