La fine della colpa

Senso di colpa e vergogna sono stati nelle notizie negli ultimi mesi. A gennaio è stato pubblicato un reportage di un grande team di psicologi con sede presso l'Università del Queensland in Australia e guidato da Matthew J. Hornsey. Sostenevano che alle persone dalla mentalità liberale piace chiedere scusa molto più spesso dei conservatori. I liberali, concluderesti, provano un senso di colpa molto più spesso dei loro vicini conservatori. Qualche mese dopo c'era un saggio del fine settimana sul Wall Street Journal di Shelby Steele, The Exhaustion of American Liberalism, che diceva che la colpa bianca ci dava una finta politica basata sulla pretesa dell'autorità morale. Steele sosteneva, tra le altre cose, che "la colpa bianca non è angoscia per le ingiustizie subite da altri; è il terrore di essere stigmatizzati con il vecchio bigottismo dell'America: razzismo, sessismo, omofobia e xenofobia. "Sto per suggerire che non è affatto colpa ciò che è in discussione. È una vergogna. Ma dovremmo preoccuparci? Spiegherò perché dopo, ma prima alcune definizioni.

Parliamentary Recruiting Committee UK, 1915.  Wikimedia Commons
Fonte: Commissione parlamentare per il reclutamento del Regno Unito, 1915. Wikimedia Commons

Cos'è la vergogna? Uno dei modi più utili per capire l'emozione è guardando come viene visualizzato. Questa immagine di reclutamento della prima guerra mondiale fornisce un esempio molto utile. Il manifesto sta cercando di far vergognare le persone per arruolarsi nell'esercito. Il padre nella locandina non deve aver fatto alcun servizio. È rimasto a casa con i suoi figli. La bambina con la faccia da adulto fa vergogna a suo padre chiedendogli del suo servizio militare, "Papà, cosa hai fatto nella Grande Guerra?" Così fa il suo bambino, che siede sul pavimento giocando con un cannone e con i soldati. Sta facendo la versione di un bambino di ciò che suo padre avrebbe dovuto fare nella Grande Guerra. Immagino che il comitato parlamentare per il reclutamento stia dicendo in questo poster: "stai attento o verrai svergognato dalla tua famiglia proprio come questa codardia incantata!"

Per provare vergogna, ci deve essere qualcuno che ti farà fuori per il tuo cattivo comportamento. Questa è la bambina in questa foto. Non puoi provare vergogna se il tuo cattivo comportamento è noto solo a te. Molte persone non possono provare vergogna a meno che qualcuno non veda la loro vergogna.

Che tipo di comportamento conta come vergognoso? Deriva da una pretesa ingiustificata su qualcosa o su qualcuno che non è giustamente tuo per la presa o per il godimento. Rimanere in quella poltrona mentre altri stanno cogliendo un proiettile nelle trincee per King and Country è solo un esempio.

Google Cultural Institute.  Wikimedia Commons.
Max Klinger (1857-1920) Vergogna, 1880/1903, Museum of Fine Arts, Houston.
Fonte: Google Cultural Institute. Wikimedia Commons.

Puoi dipingere o rappresentare la vergogna più facilmente di quanto potresti aspettarti. Ecco un'altra immagine che mostra come. La vergogna è un'emozione che, per quanto posso dire, richiede solitamente tre elementi visibili. Hai bisogno di un perpetratore (il primo elemento: la donna al centro della foto di Max Klinger, o il padre, nel poster di reclutamento), hai bisogno di un individuo o di un gruppo di individui che escono dal perpetratore (il secondo elemento: questo è il più vecchio la donna a destra dell'immagine, o la bambina nel poster), e hai bisogno di una sorta di pubblico (il terzo elemento: questo è il gruppo di donne che fissano dall'alto la parte superiore del muro, o, nel manifesto di reclutamento, il ragazzino). Deve esserci stato qualcosa che il perpetratore ha fatto o si dice che abbia fatto per creare l'hoo-hah. Ma non sempre sappiamo o abbiamo nemmeno bisogno di sapere quale sia stata l'azione vergognosa. La versione di vergogna di Klinger è potente proprio perché non abbiamo la minima idea di ciò che la donna ha fatto.

Che dire del senso di colpa? Il termine "colpa" è spesso usato come sinonimo di "vergogna". Non voglio giudicare l'uso dell'inglese e dire che non è possibile usare le parole come sinonimi. Ma, tradizionalmente, le parole descrivono emozioni diverse.

Il senso di colpa è un'emozione che dovresti provare perché hai causato danni in qualche modo o in un'altra persona. Anche la colpa "deriva direttamente dal pensiero che sei responsabile della sfortuna di qualcun altro", spiega Susan Krauss Whitbourne. Suggerisce anche che la colpa possa verificarsi quando "una persona crede o realizza – in modo accurato o meno – che ha compromesso i propri standard di condotta o ha violato uno standard morale universale e ha una significativa responsabilità per tale violazione".

È facile come dire che cos'è la colpa. Ma è molto difficile trovare immagini che rappresentano l'emozione. Se pensi che sto inventando questo tentativo, prova a "colpa" di Google e chiedi "immagini". Vedrai rapidamente cosa intendo. La maggior parte delle rappresentazioni che troverete potrebbero essere meglio comprese come evocazioni di dolore o persino depressione. La ragione di questo è abbastanza semplice. La colpa viene da dentro e si sente male. Ma per mostrare il senso di colpa, devi fare qualcosa di più che mostrare semplicemente alle persone di sentirsi male.

Wikigallery
Si prega di inserire la didascalia qui.H. Pittard, "The Snowball – Guilty or Not Guilty?", Dal Pears Annual, Christmas, 1906 ".
Fonte: Wikigallery

Ecco un tentativo divertente di mostrare la colpa. Ma è uno che offre una versione più realistica dell'emozione di quanto ti aspetteresti. Il ragazzo vende castagne. Ha appena fatto una palla di neve al caffè in alto a destra del quadro. Puoi vedere la palla di neve sul collo dell'uomo. L'immagine è stata pubblicata nell'annuale annuale di Natale pubblicato dal produttore di sapone A & F Pears (dal 1891 al 1926). L'annuale aveva come tema principale le illustrazioni e le storie di Natale. Il dipinto popolare di Pittard, dal numero del 1906, è un'illustrazione natalizia insaponata di innocente senso di colpa.

Dov'è il senso di colpa? Il ragazzo sta cercando di apparire innocente, ma chi altro potrebbe aver gettato la palla di neve sulla schiena dell'uomo? Gli occhi diffidenti del ragazzo stanno guardando alla sua sinistra in attesa che la sua vittima possa tornare da lui. Le sue mani sono profonde nelle sue tasche per dimostrare che, no, non poteva aver gettato nulla. Le sue gambe si diffondono per creare un'aria di innocente nonchalance. Nessuno di questi gesti ci convince.

Ci sono due elementi tematici nel dipinto che evidenziano la colpa. Ci sono due persone, un perpetratore (il ragazzo) e qualcuno che è stato colpito (qui il toff) dalla malvagità. Il senso di colpa è costruito su doppio – la vergogna è costruita su tripli. Anche il colpevole deve essere in attesa. La vergogna succede proprio ora. Il senso di colpa consiste nell'attesa di una futura punizione. Questo è preso molto bene negli occhi del ragazzo.

Ma una volta che l'evento che causa il senso di colpa è finito e finito e passato, non puoi vedere la colpa. Questo può sembrare sciocco. Pensa in questo modo. Posso solo sapere che ti senti colpevole se me lo dici. Se ti chiedo "Ti senti colpevole?" E rispondi "Sì, mi sento colpevole", posso solo essere sicuro che sia il caso se riesci a descrivere la tua emozione in modo tale che corrisponda alle definizioni di colpa che abbiamo appena visto. Intendo dire che non si può rispondere "Mi sento colpevole" se rispondi alla domanda "Come fai a sapere che ti senti colpevole?" Con "Perché mi sento davvero felice." Forse è per questo che ci sono così pochi immagini di successo di colpevolezza. È per questo che il senso di colpa, a differenza della vergogna, è così difficile da diagnosticare. È anche il motivo per cui dobbiamo essere cauti nel modo in cui utilizziamo le conclusioni di Matthew Hornsey e Shelby Steele.

È vergogna, non colpa. Nel quadro di Matthew Hornsey, il liberale sembra scusarsi per evitare di subire la disapprovazione dei compagni liberali e, a sua volta, la condanna degli altri. Il conservatore tiene la sua lingua di scusa e non si scusa per le stesse ragioni. Cosa penserebbero i loro vicini ideologici? E Shelby Steele? Per il liberale, secondo la sua diagnosi, la paura è di incorrere nella disapprovazione degli altri essendo responsabile di aver sbagliato l'uno o l'altro dei suoi indicatori di "colpa bianca": correttezza politica, politica dell'identità, ortodossia ambientale, culto della diversità e così via. sopra. La situazione che invoca è quella del padre nel poster di reclutamento. L'equivoco porterà ad essere denunciato da altri liberali e, a sua volta, alla condanna da parte di altri ancora. Si tratta di "tre" per Hornsey e Steele. E questa è vergogna.

Dovremmo preoccuparci? Forse dovremmo perché potrebbero essere tutti segnali della fine della colpa. L'hey-day del senso di colpa è durato dalla cristianizzazione di Roma fino a qualche tempo a metà del 20 ° secolo. In letteratura ha avuto una durata di vita ancora più breve, forse da Dostoevskij a John Steinbeck. La colpa non ha mai fatto molta impressione sull'arte visiva. L'anno scorso Andy Crouch, redattore esecutivo di Christianity Today , e poi David Brooks, l'editorialista del New York Times , ritenevano che la colpa fosse stata soppiantata dalla vergogna come marcatore della cultura americana. Può essere. O forse la colpa non è mai stata molto importante in primo luogo. Forse è per questo che è sempre stato così difficile da visualizzare.

7 giugno 2017

Solutions Collecting From Web of "La fine della colpa"