La fine del narcisismo – O è un nuovo inizio?

Dal DSM al mainstream

L'American Psychiatric Association ha deciso di eliminare il narcisismo come disturbo della personalità. Probabilmente ha a che fare con l'assenza di rigorosi standard diagnostici, un problema di particolare interesse per i ricercatori.

Ciò non significa che il "narcisismo" scomparirà dal pensiero dei medici. Né scomparirà dalle nostre conversazioni culturali. Clinici e ricercatori possono combattere sul suo significato preciso, ma, liberato dal suo ruolo tecnico nel settore della salute mentale, il "narcisismo" può diventare più utile e familiare che mai. È un termine che ci serve.

Nel mito, come racconta Ovidio, il giovane Narciso, bello ma vanitoso, respinse le molte donne che si innamorarono di lui. Alla fine, dopo aver respinto la ninfa Echo, che poi morì di dolore, fu punito dagli dei. Riparato sulla propria immagine in una piscina, incapace di staccarsi da esso, si dileguò.

Tendiamo a pensare che questa sia una storia di un individuo egocentrico, così come abbiamo pensato al narcisismo come a una psicopatologia individuale. Ma il mito suggerisce anche importanti dimensioni interpersonali e sociali. Prima di tutto, Narciso ed Echo rappresentano una relazione fallita: il ragazzo che non può davvero vederne un altro, la ragazza che non sa parlare da sola. Poi c'è il caos devastato dalla comunità da parte del ragazzo egoista: le aspettative sociali dell'amore vengono sventate. Infine, Narciso, maledetto per non vedere altro che se stesso, non può sopravvivere.

Ci sono messaggi in questo per noi. In un mondo caratterizzato da consumo, competizione e status, le apparenze contano molto più della sostanza. L'attenzione su Facebook "amici", testi e tweet rende più difficile approfondire le relazioni in legami duraturi. Il successo è misurato dal denaro e dalla fama. E una cultura basata sulla celebrità rende più difficile capire che ci possono essere forme più profonde di riconoscimento.

Non tutti i narcisisti sono facilmente riconoscibili. Non sono tutti belli o costantemente puliti. Non dominano sempre la conversazione. A Wall Street, il narcisismo è spesso difficile da discriminare dall'avidità e dall'arroganza. Nelle aziende può sembrare un bullismo. In politica può assomigliare alla convinzione.

Alcuni hanno detto che una certa quantità di narcisismo è normale, anche essenziale – e probabilmente è vero in un certo senso. Per sapere chi siamo, abbiamo bisogno di vedere noi stessi riflessi negli altri. Ma chiamare questo "narcisismo" è un segno che non possiamo più discriminare chiaramente le pericolose forme di autoassorbimento che impoveriscono le nostre relazioni sociali dalle relazioni reali e di cui abbiamo così disperatamente bisogno.

Solutions Collecting From Web of "La fine del narcisismo – O è un nuovo inizio?"