La filosofia è morta?

Nel suo recente best seller, lo scienziato più famoso del mondo proclama che la filosofia è morta. Ma quelli che ignorano la filosofia sono condannati a ripeterlo. E quelli che disprezzano la filosofia sono solitamente schiavi di qualche defunto filosofo.

In The Grand Design, Stephen Hawking e il collega fisico Leonard Mlodinow dichiarano in prima pagina che la filosofia è morta, perché non ha tenuto il passo con gli sviluppi della scienza moderna. Quindi procedono a fare una serie di dichiarazioni filosofiche, tra cui la seguente:
R. "Non esiste un concetto di realtà indipendente dalla teoria o dalla teoria".
B. "Un modello è un buon modello se:
1. È elegante
2. Contiene pochi elementi arbitrari o regolabili
3. concorda e spiega tutte le osservazioni esistenti
4. Fa previsioni dettagliate sulle osservazioni future che possono confutare o falsificare la modalità se non vengono confermate. "
C. "Un modello ben costruito crea una realtà a parte."
Di questi, A è vero solo se accetti (come faccio io) che i concetti dipendono dalle teorie. B è abbastanza coerente con il modo in cui i filosofi della scienza parlano di scienza, anche se è forse l'idea dei fisici matematici di mettere l'eleganza davanti al supporto sperimentale. Ma C è molto controverso nel proporre che i modelli possono creare piuttosto che scoprire approssimativamente la realtà. Ovviamente queste asserzioni sono tutte filosofiche nel fare affermazioni generali sulla natura della conoscenza e della realtà.

Hawking e Mlodinow ipotizzano una connessione tra le loro affermazioni filosofiche e ciò che considerano conclusioni scientifiche come:
D. "L'universo non ha una sola esistenza o storia, ma piuttosto ogni possibile versione dell'universo esiste simultaneamente."
E. "L'universo stesso non ha una singola storia, nemmeno un'esistenza indipendente".
F. "Ora abbiamo un candidato per la teoria ultima di tutto, se esiste davvero, chiamata teoria M".
G. "La teoria di M prevede che un gran numero di universi siano stati creati dal nulla"
H. "L'universo, secondo la fisica quantistica, non ha un solo passato o storia."
I. "L'universo non ha una sola storia, ma ogni storia possibile, ciascuno con la sua probabilità."

Hawking e Mlodinow affermano queste affermazioni generali come se fossero conseguenze della meccanica quantistica, che ha avuto un'enorme quantità di supporto empirico. Ma le affermazioni non sono conseguenze della teoria quantistica in quanto tale, ma solo di particolari interpretazioni filosofiche, delle quali ce ne sono più di una dozzina, tutte molto controverse. I fisici concordano sul fatto che la teoria dei quanti fornisce previsioni di successo, ma c'è molto disaccordo su come capire quel successo. Molti eminenti fisici, da Einstein a Lee Smolin, hanno messo in discussione il tipo di interpretazione della teoria quantistica ipotizzata da Hawking e Mlodinow, la cui discussione su universi multipli è attraverso e attraverso la filosofia, non direttamente scientifica nel modo in cui fingono. Come la teoria delle stringhe su cui si basa, è difficile trovare un supporto sperimentale diretto per la teoria M. Quindi Hawking e Mlodinow traggono conclusioni filosofiche da un'interpretazione traballante di una controversa teoria scientifica.

Qual è la giusta relazione tra filosofia e scienza? Una volta la risposta è la visione naturalista, esemplificata da filosofi come Aristotele, Locke, Hume, Mill, Peirce, Dewey, Quine e molti filosofi della scienza contemporanea. Secondo questa visione, la filosofia e la scienza sono continue, così che le questioni fondamentali sulla natura della conoscenza, della realtà, della moralità e del significato dovrebbero essere affrontate tenendo conto delle teorie scientifiche e delle prove. Nel mio recente libro, Il cervello e il significato della vita, difendo questo approccio, descrivendo come la filosofia differisca dalla scienza solo per essere più generale e più normativa, preoccupata di come le cose dovrebbero essere e di come sono.

Al contrario, ci sono molti filosofi che pensano che la filosofia e la scienza siano imprese fondamentalmente diverse perché la filosofia può usare la sola ragione, o l'attenzione al linguaggio e alla logica, per arrivare a verità a priori (indipendenti dall'esperienza), necessarie (vero in tutto mondi possibili) o puramente concettuali. A differenza di questi filosofi anti-naturalisti, tuttavia, penso che Hawking e Mlodinow siano giustificati nel cercare di guardare a domande fondamentali sulla natura della realtà prendendo in considerazione i progressi della fisica.

La domanda chiave è: quanto bene Hawking e Mlodinow riescono a raggiungere conclusioni difendibili sulla conoscenza e la realtà? Rispondere pienamente a questa domanda richiederebbe una valutazione molto più lunga, ma dovrebbe essere evidente dalle citazioni precedenti che le loro asserzioni vanno ben oltre i veri successi empirici della teoria quantistica in un regno di speculazione filosofica simile ad altri filosofi che sono stati scettici riguardo l'indipendenza esistenza della realtà.

Il defunto filosofo a cui Hawking e Mlodinow sono inconsapevolmente schiavi è Immanuel Kant, che ha cercato di dimostrare che la realtà è dipendente dalla mente. Era inorridito dalle minacce sollevate da filosofi illuministi come David Hume ai suoi amati valori di religione, immortalità e libero arbitrio. Kant ha sviluppato l'idea che non ci può essere alcuna conoscenza delle cose in sé perché tutta l'esperienza è filtrata attraverso schemi. Questa visione è il predecessore dell'affermazione secondo cui tutta la conoscenza è basata su modelli.

Hawking e Mlodinow ripetono l'errore filosofico kantiano di inferire dal fatto che abbiamo bisogno di menti per sviluppare la conoscenza della realtà per supporre che non ci sia una realtà indipendente dalle menti e dai modelli che producono. Abbiamo abbondanti prove di astronomia, cosmologia, geologia e biologia che le menti umane sono aggiunte relativamente recenti all'universo e che stelle e galassie ci hanno preceduto di miliardi di anni. Le menti sono necessarie per costruire modelli di come funziona l'universo, ma il funzionamento dell'universo non dipende dai modelli relativamente recenti che le persone costruiscono. La relazione tra menti, modelli e realtà è un importante problema filosofico che sorge in molte scienze, e la fisica contemporanea da sola non riesce a fornire una risposta ad essa.

Il filosofo Bertrand Russell e l'autore Mark Twain sono tra le molte persone che sono state erroneamente riportate morte e quindi sono state in grado di leggere i propri necrologi prematuri. Twain ha scritto che "il rapporto della mia morte è esagerato". Lo stesso vale per la filosofia.

Solutions Collecting From Web of "La filosofia è morta?"