La ferita autoritaria come questione femminista

Perché gli autoritari, sia maschi che femmine, sono anti-donne.

eric maisel

Fonte: eric maisel

Questo post fa parte di una serie di ferite autoritarie e dovrebbe essere preso nel contesto di questa serie in corso, che esamina molti aspetti della personalità autoritaria, i vari modi in cui gli autoritari danneggiano le loro vittime e gli sforzi che le vittime di contatti autoritari fanno cercare di guarire se stessi. Se vuoi partecipare alla mia ricerca, ti invito a prendere il mio questionario sulle ferite autoritarie.

Gli autoritari sono caratteristicamente anti-donne. Sembra non importare se l’autoritario è maschio o femmina: lui o lei è ancora tipicamente anti-donne. Ciò rende la ferita autoritaria una questione femminista oltre che un problema umano. Potremmo cercare di spiegare questa predilezione speculando che gli autoritari semplicemente trovano le donne facili prede. Ma la risposta è più complicata di quella della componente “sadismo sessuale” della personalità autoritaria, dell’odio particolarmente violento dell’autoritario per le ragazze e le donne, e del suo intenso bisogno di punire ragazze e donne. Qui sta succedendo qualcosa di “speciale” e le donne dovrebbero fare attenzione.

Ecco la storia di Leslie:

Mio padre si adatta alla descrizione di una personalità autoritaria, seguita da mio marito: sorpresa, sorpresa! Sono uno studente lento. Nel caso di mio padre, avevo paura di lui, del suo temperamento che è. Per me, l’abuso non era fisico, ma gli schiaffi verbali sono stati avvertiti nel mio essere: “Fai come ti è stato detto”; “Non sono affari tuoi”; “Non possiedi nulla”; “Guadagna soldi e compralo da solo”; ecc. Poi ci fu il botto sulla porta del bagno e il barging in se fossi lì dentro troppo a lungo … e l’urlo fino a quando la sua faccia divenne viola. Era un modo di vivere. Feci come mi fu detto, “prontamente”, perché ero una bambina buona e spaventata. C’erano pochi periodi di calma. La mia natura, il mio genere, ha invitato il suo comportamento?

Quanto segue è rilevante: mia madre era passiva, più giovane di lui di 14 anni, e lo chiamava sempre “papà”. L’adorava. Non le disse mai una parola arrabbiata, la sua adorabile ragazza-moglie obbediente. Era bellissima (così dicevano le persone); mio padre è stato handicappato dopo un incidente motociclistico verso la fine degli anni ’20, lasciandolo con una gamba più corta dell’altra, e quindi indossava una scarpa fatta su misura con un tacco costruito. (In più di un’occasione mi ha lanciato quella scarpa.) Il loro matrimonio è avvenuto dopo l’incidente. Ero il bambino numero due. Il primo, un ragazzo, è morto nell’infanzia prima che io nascessi. Qualcosa di questo ha contribuito al suo autoritarismo e al suo bisogno di controllare?

Entrambi erano venuti negli Stati Uniti dalla Germania adolescenti – lei era una contadina – era un ingegnere sperimentale molto stimato nel suo campo per la progettazione di quei vecchi pezzi d’antiquariato chiamati macchine da scrivere. I miei genitori socializzarono quasi esclusivamente all’interno di una comunità tedesca di amici. I miei compagni di scuola mi hanno detto che hanno parlato con accenti pesanti.

Poi è arrivato mio marito. Mio marito era un uomo d’affari di successo che mi diceva molte volte al giorno quanto mi amava anche mentre controllava quanto accuratamente pulivo la casa (correva il dito lungo la cima dei davanzali delle porte cercando polvere). A differenza di mio padre, è caduto in un silenzio di pietra quando ho intrapreso attività che non lo includevano.

Avanti veloce. Alla fine mio marito mi ha permesso di lavorare ma non potevo, in nessun momento, parlare dei miei giorni di lavoro in famiglia. (Ha parlato dei suoi giorni all’infinito). Vale la pena notare: ho una laurea in filosofia e, il più delle volte, ho assunto posizioni di leadership in vari tentativi. Vale anche la pena notare: ho depositato la mia busta paga nel suo conto corrente, non insolito negli anni ’60.

Ho risolto il problema del marito divorandolo nel ventesimo anno di matrimonio. Non è perché sono entrato spontaneamente nel mio. Avevo lavorato alla Yale University (fine anni ’60 / primi anni ’70) dove ho sviluppato una forte etica dei diritti civili. Col tempo, ho visto una connessione tra conflitto razziale e la mia situazione. (Grazie anche a Gloria Steinem, uno dei principali attori nella mia decisione di divorzio).

Né mio padre né mio marito potrebbero essere descritti come seguaci autoritari. Tuttavia, non vedo nessuno di loro come leader autoritari nei loro ambienti di lavoro. Per diversi motivi, penso che entrambi abbiano creduto che l’efficacia della squadra fosse essenziale per il successo. Mio padre non era un individuo particolarmente socievole, ma era creativo e aveva bisogno di altri creativi per portare a compimento le idee. Mio marito era una persona spiritosa e carismatica, quello che si potrebbe definire un “leader nato”. Era vicepresidente di una grande società, ispirando i seguaci a operare secondo i suoi “suggerimenti”. La gente voleva essere con lui.

Al lavoro, hanno cercato la cooperazione. Ma erano autoritari all’interno della famiglia, comportamenti sostenuti dai costumi sociali del tempo. (Entra Gloria e tutte quelle grandi femministe, meglio tardi che mai.) La mia più grande conseguenza era, ed è tuttora, la paura dello scontro. Ad esempio: come faccio a confrontarmi con un medico con un sentimento che è in contrasto con la sua dichiarazione? Devo sempre deviare su questioni emotive a meno che non parli in termini ipotetici; Evito sempre le discussioni con gli amici.

Come posso gestire questa roba? Soluzione perfetta: scrivo L’inserimento nel journal è stata la mia risposta fin dai primi giorni. Durante gli anni scolastici gli insegnanti inglesi hanno costantemente incoraggiato la mia scrittura. Scrivere è stato il modo di affrontare. La guarigione è un problema diverso. Cos’è la guarigione? Fino ad oggi, sto al lavandino della cucina, urlando a mio padre. È morto da oltre cinquant’anni.

Sono stato in terapia per circa un anno. Mi ha sostenuto durante un periodo febbrile in cui ero coinvolto nel porre fine a una relazione che riproduceva il vecchio dramma autoritario. Mi è stato d’aiuto nel lungo periodo? Dimmelo tu. Da allora ho evitato i legami emotivi profondi. (Questo esclude la mia adorata figlia e le amicissime amicizie). Alla fine, mi sentivo come se fossi uscito di prigione. Mi piaceva molto quando ero libero e gestivo il mio spettacolo.

Non vado di nuovo su quella strada. Nessun autoritario in vista. In realtà, l’età gioca un ruolo qui. Ho 80 anni in un paio di settimane e posso diventare irritabile senza sensi di colpa. Ho messo alcuni limiti su me stesso. Molte cose accadono nella mia vita, ma ci sono solo tre cose che contano davvero: 1) mia figlia; 2) la mia scrittura; e 3) apprendimento, espansione e avventura. Il mio pensiero è che, per donne come me, andare in una scuola di supporto e vivere in una società di supporto sarebbe stato utile.

“No, ragazzina, non sei proprietà di nessuno.” “Sì, ragazzina, è giusto affermare te stesso.” Questi non erano messaggi che ho ricevuto dalla mia madre passiva, le mie sette diverse scuole pubbliche, la società diretta dagli uomini Ho inserito il post-college, mio ​​padre o mio marito. Quindi: marzo! Alza lo stendardo! Penso, in parte, che questo sia un problema femminista. Penso che la maggior parte degli uomini risponda in modo diverso alle prime autorità: quelle autorità (di solito uomini) diventeranno probabilmente dei modelli. “Ah, questo è il modo in cui un uomo prende il controllo del” suo “mondo.” Ecco fatto.

Eric Maisel è l’autore di oltre 50 libri. Tra questi ci sono The Future of Mental Health, Humane Helping, The Van Gogh Blues, Ripensare la depressione, superare la tua famiglia difficile, il recupero creativo e la padronanza dell’ansia creativa . Ulteriori informazioni su ericmaisel.com. Puoi raggiungerlo su ericmaisel@hotmail.com

Solutions Collecting From Web of "La ferita autoritaria come questione femminista"