La felicità viene da dentro

Le sostanze chimiche del cervello che ci rendono felici influenzano le nostre decisioni e il nostro comportamento.

“La gente di solito è altrettanto felice di come decidono di essere” – Abraham Lincoln.

La felicità viene da dentro Più specificamente, dal cervello. Sicuramente sono parziale quando dico che il sistema nervoso è incredibilmente interessante, ma non sono l’unico a pensarlo. Il fascino del pubblico nei confronti del cervello deriva molto probabilmente dal fatto che modella le cose come intangibili come il comportamento, l’umore e il processo decisionale.

Ed ecco dove entra in gioco una delle mie molecole preferite: la serotonina.

La serotonina (5-HT) è un neurotrasmettitore che deriva dalla decomposizione del triptofano, un aminoacido importante che dobbiamo acquisire dalla nostra dieta, poiché il nostro corpo non è in grado di produrlo. La serotonina non si trova esclusivamente nel sistema nervoso centrale (SNC) ma anche nel tratto gastrointestinale (che è la sua sede principale) e nelle piastrine del sangue. Insieme alla dopamina, la serotonina è principalmente nota per renderci felici. Ma la serotonina è anche responsabile di altre funzioni. Molti studi hanno dimostrato che i topi privi di questo importante neurotrasmettitore presentano alcuni caratteristici tratti comportamentali, ad esempio: i topi erano più aggressivi del solito verso nuovi topi (sconosciuti), i cuccioli erano pesantemente trascurati (e spesso attaccati) dalle loro mamme, e i topi maschi non sembrano interessarsi al sesso dei loro partner sessuali. Tutti gli studi che sono stati effettuati sono molto eccitanti e mostrano chiaramente l’importanza della serotonina nelle nostre interazioni sociali e negli stati comportamentali.

Cosa ti rende felice?

Come accennato in precedenza, la serotonina è stata a lungo legata alla felicità, e con il suo amico, la dopamina, questi due neurotrasmettitori, tra molte altre funzioni, hanno il compito di tenerci soddisfatti.

No copyright

Serotonina e dopamina

Fonte: nessun copyright

La serotonina viene rilasciata dal neurone pre-sinaptico e si lega ai suoi recettori e ai suoi trasportatori (chiamati SERT) sul neurone post- e pre-sinaptico. Quando la serotonina si lega al recettore sul neurone post-sinaptico, innesca la neurotrasmissione e può causare, tra gli altri effetti, la sensazione di “felicità”. Al contrario, quando la serotonina si lega al SERT sul neurone pre-sinaptico, provoca l’interiorizzazione della serotonina nel compartimento pre-sinaptico, dove viene degradata o accumulata nelle vescicole. L’interazione della serotonina con i suoi trasportatori sul neurone pre-sinaptico diminuisce il rilascio di serotonina al fine di controllare la concentrazione di serotonina nella sinapsi.

Elena Blanco-Suarez

Sinapsi serotoninergici

Fonte: Elena Blanco-Suarez

I SERT sono bersagli popolari di farmaci antidepressivi, come gli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina). Ad esempio, il famoso Prozac (fluoxetina) appartiene a questa famiglia di antidepressivi. La funzione degli SSRI è di bloccare la pulizia della serotonina dal cervello. Più specificamente, l’SSRI blocca il riassorbimento / ricaptazione della serotonina al neurone pre-sinaptico per lasciare la serotonina in giro più a lungo. Il risultato è che più serotonina è disponibile per i neuroni e ci sentiamo più allegri.

Montagne russe serotoninergiche emozionali

Ci sono studi su individui sani che mostrano che l’attività della serotonina varia in realtà durante il giorno e può anche dipendere dalla stagione. Tuttavia, casi più gravi possono portare a disturbi affettivi stagionali (SAD), depressione conclamata o un’ampia gamma di altri disturbi dell’umore. Non possiamo dire però che la serotonina sia l’unica ragione per stati depressivi o euforici. Ci sono molti fattori (come al solito, quando si tratta del cervello) che determinano e modulano questo. Esistono tuttavia prove evidenti del fatto che il mantenimento di un livello più elevato di serotonina nel cervello aiuta a combattere i sintomi della depressione.

Inoltre, uno studio recente ha rilevato che nelle mamme che soffrono di depressione post-partum (PPD) c’è un livello notevolmente alto di monoamino ossidasi A (MAO-A), l’enzima che scompone la serotonina, ma anche la dopamina e il suo prodotto norepinefrina. Quindi gli alti livelli di questo enzima (un sorprendente 40% in più nelle mamme con PPD rispetto alle donne che non hanno dato alla luce ultimamente) contribuiscono a distruggere la serotonina che aiuterebbe la nuova mamma a sentirsi meravigliosa come la società si aspetta che sia. I ricercatori stanno lavorando per sviluppare possibili trattamenti per la grave minaccia della PPD e, inoltre, un modo semplice per rilevare tale sovraccarico enzimatico nel cervello delle nuove mamme al fine di diagnosticare in modo rapido e preciso la PPD. Trattare la PPD con gli SSRI potrebbe non essere il modo migliore per andare: è vero che aumentano i livelli di serotonina bloccando la ricaptazione, ma possono ignorare altri effetti che provengono dall’alta concentrazione di MAO-A, come la degradazione di altri substrati come la dopamina e la norepinefrina. Pertanto, l’uso di inibitori selettivi e reversibili di MAO-A (IMAO) potrebbe essere più efficace rispetto all’utilizzo di SSRI per il trattamento della PPD. Gli SSRI sono, tuttavia, ancora il farmaco più comune per trattare la depressione e altri disturbi dell’umore.

Farmaci come la 3,4-metilendioxymethamfetamina (meglio conosciuta come MDMA o ecstasy) fanno anche confusione con i livelli di serotonina bersagliando i SERT. L’uso di MDMA traboccherà il tuo cervello con la serotonina (insieme con la dopamina e gli ormoni ossitocina e prolattina), motivo per cui ti senti fantastico quando sei sotto gli effetti di questo farmaco – l’MDMA non è chiamato ecstasy senza motivo. Il problema viene dopo, quando i “bei” effetti del farmaco si esauriscono e senti il ​​crollo. Questo è il tuo cervello privo di serotonina a causa dell’uso elevato poche ore fa. Tutta la serotonina che era in deposito è stata rilasciata, riassorbita e scomposta. Il tuo cervello ha finito la “felicità”. E il cervello è lento quando si tratta di rifornire le riserve di serotonina. Quindi, anche se prendessi più MDMA, non sentiresti gli stessi effetti, semplicemente perché il tuo cervello non ha più serotonina da rilasciare. Questo è il motivo per cui gli utenti di MDMA spesso si sentono depressi dopo che gli effetti del farmaco scompaiono e ci vuole un po ‘di tempo per sentirsi di nuovo “normali”. Quelli sottoposti a trattamento per un disturbo dell’umore che coinvolgono antidepressivi hanno maggiori probabilità di avere una brutta esperienza quando usano l’MDMA, specialmente se usano antidepressivi MAOI, poiché la combinazione può rivelarsi fatale.

Come ho detto prima, la serotonina si trova principalmente nei nostri tratti gastrointestinali. Sempre più ricerche hanno scoperto che, in realtà, il nostro microbiota intestinale (quei microrganismi che vivono all’interno del nostro sistema gastrointestinale su cui facciamo affidamento per mantenerci in vita) ha alcuni importanti effetti sulla salute del nostro cervello, anche in problemi legati ai livelli di serotonina. Il microbiota intestinale è responsabile del metabolismo del triptofano e quindi della produzione e regolazione della serotonina, e questo può avere un impatto, non solo localmente nell’intestino, ma nella neurotrasmissione cerebrale. Quindi, i cambiamenti nel nostro microbiota intestinale possono riflettere la nostra salute del cervello e, naturalmente, molti fattori possono influenzare questo, come dieta, cultura, età e problemi di salute, soprattutto se si assumono antibiotici.

Colpa la serotonina per le tue decisioni sbagliate

Numerosi studi collegano la variazione di serotonina a disturbi come schizofrenia, ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività), autismo, disturbo bipolare, disturbo del comportamento compulsivo, depressione e ansia. Praticamente qualsiasi disturbo in cui le interazioni sociali sono, in qualche modo, diverse. Anche la pianificazione e il processo decisionale sono stati direttamente collegati ai livelli di serotonina, il che significa che a seconda della quantità di serotonina presente nel nostro cervello, potremmo essere più inclini a prendere decisioni sbagliate o essere più inclini a perseguire la soddisfazione a breve termine svantaggio di una soluzione a lungo termine.

CC-BY, Tanaka SC et al., 2007

I cervelli sono stati studiati in condizioni diverse (utilizzando trytophan, il precursore della serotonina): riduzione del triptofano (trp-, ovvero bassa serotonina), livelli normali di triptofano (controllo) e sovraccarico di triptofano (trp +, che significa alta serotonina). Il flusso ematico cerebrale è stato valutato mediante risonanza magnetica funzionale. γ è la scala temporale per la predizione della ricompensa, il che significa che rosso, arancione e giallo (valori minori) sono legati alla ricompensa a breve termine, mentre verde, blu e viola (valori più alti) a premi a lungo termine. In questo esperimento, la deplezione del triptofano (cioè bassa serotonina) è correlata ad un’attivazione più intensa delle regioni cerebrali di ricompensa a breve termine. Al contrario, il sovraccarico di triptofano (cioè alta serotonina) sembra stimolare le aree cerebrali di ricompensa a lungo termine.

Fonte: CC-BY, Tanaka SC et al., 2007

Apparentemente, la serotonina è anche responsabile della nostra volontà di comportarsi in modo cooperativo o, in caso contrario, egoisticamente. Anche una temporanea riduzione della serotonina può causare l’incapacità di apprendere quei comportamenti altruistici che (presumibilmente) renderebbero il mondo un posto migliore per tutti. La serotonina ha anche il potere di regolare la nostra visione di ciò che è giusto e di come reagiamo a situazioni soggettivamente ingiuste.

È chiaro che la serotonina è un attore importante nel nostro umore e comportamento. Tuttavia, non può essere considerata l’unica risposta per “regolare la nostra felicità”. I fattori ambientali (la natura delle nostre interazioni sociali, l’apprendimento, lo stile di vita, ecc.) Sono elementi essenziali nel funzionamento interno della nostra personalità e del nostro benessere psicologico. Quindi, forse, non dare la colpa a tutti i livelli di serotonina, ma ricorda di essere un po ‘più empatico nei confronti di coloro che lottano con una riduzione della serotonina di lunga durata .

Questo post è stato originariamente pubblicato su NeuWrite San Diego.

Riferimenti

Vita senza cervello serotonina: rivalutazione della funzione serotoninergica con topi carenti di sintesi di serotonina cerebrale. Valentina Mosienko, Daniel Beis, Massimo Pasqualetti, Jonas Waider, Susann Matthes, Fatimunnisa Qadri, Michael Bader, Natalia Alenina, Behavioral Brain Research, Volume 277, 15 gennaio 2015, Pagine 78-88, ISSN 0166-4328, http: // dx .doi.org / 10.1016 / j.bbr.2014.06.005.

Variazione diurna e stagionale del sistema serotoninergico in soggetti maschi sani. Granville J. Matheson, Martin Schain, Rita Almeida, Johan Lundberg, Zsolt Cselényi, Jacqueline Borg, Andrea Varrone, Lars Farde, Simon Cervenka. NeuroImage, volume 112, 15 maggio 2015, pagine 225-231, ISSN 1053-8119, http://dx.doi.org/10.1016/j.neuroimage.2015.03.007

Relazione della monoammina Oxidasi Un volume di distribuzione alla depressione postpartum e al pianto postpartum. Julia Sacher, P. Vivien Rekkas, Alan A. Wilson, Sylvain Houle, Leslie Romano, Jinous Hamidi, Pablo Rusjan, Ian Fan, Donna E. Stewart, Jeffrey H. Meyer. Neuropsychopharmacology, pubblicato online il 30 luglio 2014. doi: 10.1038 / npp.2014.190

Studio preclinico: stress ossidativo indotto da ecstasy ai mitocondri del cervello dei ratti adolescenti in vivo: influenza della monoammina ossidasi di tipo A. Alves, E., Summavielle, T., Alves, CJ, Custodia, JBA, Fernandes, E., De Lourdes Bastos, M., Tavares, MA e Carvalho, F. (2009), Biologia delle dipendenze, 14: 185-193. doi: 10.1111 / j.1369-1600.2008.00143.x

La serotonina regola differenzialmente la previsione a breve ea lungo termine dei premi nello striato ventrale e dorsale. Tanaka SC, Schweighofer N, Asahi S, Shishida K, Okamoto Y, et al. (2007) La serotonina regola differenzialmente la previsione a breve ea lungo termine dei premi nello striato ventrale e dorsale. PLoS ONE 2 (12): e1333. doi: 10.1371 / journal.pone.0001333

La serotonina modula le risposte striatali all’equità e alle rappresaglie negli esseri umani. Molly J. Crockett, Annemieke Apergis-Schoute, Benedikt Herrmann, Matthew D. Lieberman, Trevor W. Robbins e Luke ClarkUlrich Müller. The Journal of Neuroscience, 20 febbraio 2013, 33 (8): 3505-3513; doi: 10,1523 / JNEUROSCI.2761-12.2013

Solutions Collecting From Web of "La felicità viene da dentro"