La felicità è una scelta (e una abbastanza intelligente)

Per molto tempo ho pensato che la felicità fosse una destinazione. Ho pensato che fosse qualcosa che avrei raggiunto quando ho raggiunto tutti i miei obiettivi e trasformato i miei sogni in realtà. Credevo davvero che avrei trovato la felicità solo una volta che l'avessi guadagnato attraverso il duro lavoro, la perseveranza e il sangue, il sudore e le lacrime. Quando avrò successo, sarei felice. Ma mi sbagliavo.

Quando mi sono imbarcato nello studio della psicologia positiva, mi sono reso conto di essere stato totalmente fuorviato. Queste sono state le prime lezioni che ho imparato.

Lezione numero uno: la felicità alimenta il successo, non il contrario.

Il mio primo aha momento è arrivato quando ho scoperto che era la felicità che ha alimentato il successo, non il successo che ha alimentato la felicità. Quando sono felice, attivo più centri di apprendimento nel mio cervello e, di conseguenza, posso usare più capacità del mio cervello.

Avevo scoperto il segreto nascosto per diventare più creativo, più produttivo e – aspettalo – più successo! La chiave era concentrarsi sul diventare più felici, non ossessionati dal successo. Incredibile – eccetto come diamine avrei dovuto farlo?

Lezione numero due: La felicità non è una destinazione. È una scelta quotidiana

La felicità non è una destinazione alla fine del tuo viaggio. La felicità non è qualcosa che insegui per arrivarci. In effetti, sono sicuro che spesso ho cacciato la felicità dalla mia vita ossessionando gli obiettivi, l'essere perfetto o le cose sbagliate nella mia vita. Mi sono trasformato in una vittima e ho incolpato il mondo esterno delle mie pene. E ho pensato che fosse normale. Ognuno incolpa il mondo esterno e nessuno è felice quando è nel suo banale nove o cinque anni. Sbagliato di nuovo.

Ci sono persone felici in giro (e sì, erano anche quelle di successo). Erano felici perché avevano fatto la scelta consapevole di essere felici – e hanno ripetuto quella scelta ogni giorno. Sapevo che questa era la banda con cui dovevo iscrivermi. Ho dovuto trasformare la felicità in una scelta quotidiana per me.

Lezione numero tre: La felicità è piacere più lo scopo.

Il primo passo nel fare la scelta della felicità è stato capire cosa sia in realtà la felicità. Ed è molto meno complesso di quanto non lo facciamo. Due parole: piacere e scopo. Il piacere è vivere emozioni positive, come gioia, gioia e sorpresa, nel momento presente. Lo scopo è vivere una vita che ti sembra utile.

Quindi, in pratica, era tempo di imparare ad assaporare il cibo che mangiavo, essere più attento nelle mie esperienze quotidiane e apprezzare tutte le cose belle della mia vita che significavano molto per me. E, ogni giorno che mi svegliavo, farei lo stesso. Sii consapevole, riconoscente ed entusiasta della vita.

Sapevo di aver scoperto la mia nuova filosofia per la vita. Ma sapevo anche che questo era solo l'inizio del mio viaggio di felicità.

Iscriviti per ulteriori approfondimenti gratuiti come questi su Happyologist.co.uk e prendi una copia di Screw Finding Your Passion se vuoi fare un tuffo nel tuo viaggio di felicità.

Solutions Collecting From Web of "La felicità è una scelta (e una abbastanza intelligente)"