La felicità ha bisogno di un invito, la miseria interviene

Entriamo tutti in questo mondo piangendo. La risata è qualcosa che dobbiamo imparare.

Impariamo a ridere attraverso il contatto con qualcun altro che lo sta facendo, il che, a meno che tu non sia un gemello, è un'altra differenza rispetto all'intero business del "nascere".

E anche se è possibile ridere da soli, come tante altre cose, è molto più divertente farlo con gli altri. Sto pensando, ovviamente, al golf in miniatura.

Per quanto riguarda il mio amico giornalista vincitore del premio Pulitzer Gene Weingarten, il momento in cui impariamo a ridere dipende dal fatto di avere qualcun altro lì. Crede che tutto dipenda dal peekaboo. (Sì, come tante altre cose.)

Weingarten sostiene che "lo spioncino fa il solletico prima del solletico solletico" e che la prima esperienza di umorismo di un bambino risale al momento in cui la bambina ha guardato qualcuno coprirsi il viso con le mani che poi hanno urlato "peekaboo!" Con gioia mentre li toglieva. Quella combinazione irrefrenabile di sorpresa-plus-continuità è al centro di tutto ciò, dice Weingarten del Washington Post (mi riferisco al peek-a-boo, non al giornale, capisci).

Adoriamo essere un po 'scioccati ma vogliamo anche subito vedere che il nostro shock è semplicemente sciocco. Vogliamo essere ricordati, con il rilascio di risate, che ciò che amiamo non è realmente scomparso.

Gli psicologi hanno definito questo come "permanenza dell'oggetto". Forse lo avete riferito in termini meno clinici se, come ho fatto, avete iniziato quello che si è trasformato in una sessione di maratona di peekaboo con un tyke che è stato colpito da troppo eccitazione, zucchero o bicchierini da espresso doppio. I bambini giocheranno fino a quando le mucche non torneranno a casa, o fino a quando non sentiranno un odore simile a quello che hanno fatto.

Ma il nostro appetito per quel tipo di divertimento diminuisce man mano che cresciamo. È lentamente sostituito dalla fatica spiacevole della vita. Dopotutto, c'è l'asilo nido con il suo infinito disegno a pastello, il disegno a pastello e il disegno a pastello. E la scuola? Con l'orrore di, bene, l'apprendimento? E seduto? E fare spuntini prima di imparare di nuovo? Non c'è da meravigliarsi se perdiamo la nostra allegria.

(Pensi che stia scherzando? Non lo sono, almeno non completamente. Anche se ero un bambino abbastanza allegro anche i miei margini di quaderno sono pieni di forche e cappi. E non si trattava nemmeno di un gioco di parole. )

Il senso dell'umorismo non è cablato nei nostri sistemi quando superiamo lo stadio peekaboo; se hai mai fatto il pendolare per andare in autobus, lo sai per certo. Ma il senso dell'umorismo può essere sviluppato come possono altri talenti o abilità. Come portare una melodia o ritirare l'assegno, tuttavia, alcune persone non padroneggiano mai l'arte.

Alcune persone non si rendono conto che non esiste una vita normale.

Si credono di aver messo le spalle al mercato per la miseria, la frustrazione e la delusione. Ti raccontano le loro infelici famiglie infelici e disfunzionali come se fossero le uniche ad essere state ritualmente umiliate ancor prima che "I video più divertenti d'America" ​​diventassero globali. Si lamentano dei loro genitori, figli, lavori o vicini di casa al punto in cui i loro racconti di guai sono, come certi cibi esotici, difficili da ingoiare.

Ma i brutti momenti, dobbiamo ricordare, sono inevitabili: tutti affrontiamo la morte, tutti affrontiamo la sofferenza, tutti noi affrontiamo la prospettiva di un'altra stagione di Dance Moms. Hai due alternative: puoi rompere (hai mai visto Dance Moms?) O puoi sorridere.

A differenza dei tempi cattivi, tuttavia, i tempi buoni non sono i bulli che abbattono le porte e irrompono. La gioia e il piacere sono, invece, ospiti eccellenti e, come tali, aspettano un invito. Devi aprire la porta ai migliori momenti della vita; devi invitarli e accoglierli quando arrivano.

Per essere onesti, ho sempre trovato che è meglio fare un grande clamore quando i bei tempi appaiono sulla soglia. Vuoi che si sentano assolutamente a casa. Non vorresti che loro sentissero che, mentre sei abbastanza felice da vederli, ti aspettavi un po 'più di abbagliamento. Potrebbero non venire di nuovo. Dipendono da un'ospitalità genuina. Non vorresti che pensassero che erano arrivati ​​troppo tardi, o che erano considerati insignificanti, o che erano soppesati e trovati carenti.

La sopravvivenza, o la sopravvivenza che vale la pena, dipende dalla ricerca della gioia, dalla scoperta e dalla scoperta dell'umorismo, e, in una delle grandi ironie della vita, coltivando attentamente un senso dell'assurdo.

Ricordarsi di ridere è essenziale come imparare a fare il peekaboo in primo luogo. Non può far sparire l'oscurità, ma ammette la luce.

Adattato da SE VUOI ANCHE, GLI UOMINI SI APPOGGERANNO A GUARDARE LA TUA BLUSA? St. Martin's Press

Solutions Collecting From Web of "La felicità ha bisogno di un invito, la miseria interviene"