La Fatal Credit Card

Bozo sapiens è stato su una baldoria d'acquisto. Il censimento degli Stati Uniti rivela che ci sono più di 159 milioni di carte di credito in America; messi in una pila, saliranno a 70 miglia nello spazio. Le famiglie americane devono attualmente circa 973 miliardi di dollari alle società di carte; il loro indebitamento totale, esclusi i mutui, è di $ 2,56 trilioni – solo un po 'più delle dimensioni del piano di salvataggio del governo per il settore finanziario. Chiaramente, il credito è enorme, ma non è uniforme; per raggiungere questi totali sono state prese miliardi di decisioni di acquisto individuali, in cui un consumatore ha deciso di acquistare qualcosa pur non avendo il denaro in mano. Perché lo facciamo? E perché lo facciamo così spesso?

"Oggi ti pagherei volentieri un hamburger per un hamburger;" le parole di J. Wellington Wimpy di Popeye riassumono una strana, ma vitale peculiarità di economia comportamentale: il pagamento ora e il pagamento più tardi significano cose completamente diverse per gli umani.

L'economia convenzionale assume l'idea di uno sconto: più in futuro ricevo un bene, meno ho bisogno di pagare oggi. Questo è il rovescio della medaglia di interesse e viene solitamente calcolato allo stesso modo, usando una scala lineare che rappresenta un certo tasso di sconto fisso. Quindi se oggi sono disposto a pagare un dollaro per un hamburger, dovrei pagare, diciamo, 90 centesimi ora per ottenere l'hamburger domani e 81 centesimi per un hamburger il giorno dopo.

Emotivamente, però, "a volte presto" e "proprio ora" hanno valori completamente diversi. Di fronte alla prospettiva di un bene immediato – il panino caldo e soffice e la carne succulenta; la prospettiva di una croccante e fresca lattuga con la nitidezza del gusto ben fatto – ci comportiamo come Wimpy e buttiamo tutti i calcoli fuori dalla finestra. Lo vogliamo ora .

Il risultato di questo travolgente desiderio è chiamato "sconto iperbolico": possiamo solo giudicare con precisione tra due beni – hamburger rispetto al prezzo – finché entrambi sono proprio di fronte a noi, o entrambi abbastanza lontani nel futuro. Se è presente solo una cosa buona, spazza il tabellone. Anche se i soggetti del test concordano sul fatto che ricevere $ 1,10 in trentuno giorni è chiaramente meglio di $ 1 su trenta, domani prenderanno sempre $ 1, preferibilmente a $ 1,10 domani. Usiamo persino parti del cervello completamente separate per valutare i benefici immediati e ritardati – il primo attraverso il sistema limbico emotivamente intenso e il secondo attraverso la corteccia prefrontale più freddamente giudicante.

Questo potrebbe essere il suono dell'istinto ("un uccello in mano" e così via) se non fosse per il fatto che qualsiasi scelta economica è anche un acquisto implicito. Cioè, se davvero consideri un dollaro oggi valga $ 1,10 domani, qualcuno cercherà di venderlo a quei termini – offrendoti una carta di credito.

Il cervello decide se un prezzo è equo bilanciando il piacere previsto con il dolore della perdita finanziaria; entrambe queste sono le emozioni del momento. Ma se il piacere è immediato e il dolore è nel futuro, come possiamo confrontarli? Questo è l'orrore segreto del credito: puntando il pagamento nella media distanza, porta in gioco lo sconto iperbolico ogni volta che sentiamo l'impulso di acquisire.

Il baratto è chiaramente diverso: se voglio la tua carta da baseball Steve Dalkowski so che dovrò consegnare due dei miei Nolan Ryans; anche il pagamento di denaro offre una sensazione fisica di perdita, una leggerezza preoccupante della tasca, con cui giudicare quanto sia realmente un acquisto desiderabile. Ma il credito al consumo è l'amore-bambino dell'avidità aziendale e dell'irresponsabilità individuale: rimuove il dolore (e quindi il cervello) dalla decisione. Ordiniamo l'hamburger, perché, fondamentalmente, pensiamo che martedì non arriverà mai.

Se ti piacciono questi racconti di fallibilità umana, ne troverai una nuova ogni giorno su http://bozosapiens.blogspot.com. Ci vediamo lì.

Solutions Collecting From Web of "La Fatal Credit Card"